venerdì 2 gennaio 2009

OGGI. UN ANNO FA


Sono al lavoro, approfitto della calma (solo apparente, è chiaro!) per sistemare tutte le cartacce accumulate nel corso del 2008, quelle che stanno nell'angolo in alto a sinistra della scrivania, quelle che "appena c'ho un attimo le sistemo"... e infatti, puntualmente, è un anno che sono lì a maturare...
Gli occhi passano senza volere sul calendario, poi sull'agenda:
2 gennaio 2008
- corso pre-parto
- visita
- giretti per spese varie
praticamente oggi, un anno fa

e così un flash: oggi, un anno fa, ero con le mie compagne del corso pre-parto, a ridere e scherzare, a fare pronostici su chi nasceva prima: c'era chi descriveva fin nei minimi particolari come avrebbe partorito in acqua e c'era chi invece aveva una paura tremenda e non sapeva cosa aspettarsi... era una bella giornata di sole, proprio come oggi, l'aria era frizzante e una copertina di ghiaccio era stesa sui cespugli. La pediatra ci raccomandava le cose da tenere sempre a portata di mano in casa, perché "questi bimbetti possono sempre farsi venire la febbre nei momenti più impensati" e io pensavo solo che ero felice, che non desideravo  altro dalla vita che vedere quell'esserino che quando mi mettevo a sedere si scatenava nella più sculettante delle samba (tra l'altro lo fa ancora...).
La visita aveva sentenziato: "ancora tutto fermo, la Piccola Meraviglia è lì tranquilla e non ci pensa nemmeno lontanamente a nascere"...col freddo che è, chi glielo fa fare?!! pensavo io, che intanto mi godevo il solicino che filtrava dalla finestra nello studio della dottoressa. Lo schermo dell'eco era fermo sull'immagine della Piccola Meraviglia, beatamente sdraiata, con le gambe per aria ed il dito pollice in bocca (forse stava raccontando alla dottoressa che mamma aveva un po' alzato il gomito, la sera dell'ultimo dell'anno?)... ok, ci vediamo la prossima settimana...
I giretti per le compere in realtà erano una scusa per non tornare in ufficio, in quella bella giornata di sole: anche se era freddo, non avevo proprio voglia di rimanere seduta al computer, visto che il capo aveva bofonchiato: ".. in quelle condizioni lì, sui cantieri non ti ci mando proprio! ma quando nasce? e quando torni al lavoro?"... e allora una telefonata ad un'amica e vai di cioccolata calda in città, che le voglie non me le sono proprio fatte mancare... e quando mi ricapita di essere coccolata così? ma soprattutto quando mi ricapita che il maritino non mi stia sempre a controllare quanto mangio, cosa mangio, con che frequenza mangio??? (bacino al maritino più migliore che ci sia...)
Oggi, un anno fa
ero proprio una donna felice
ma mai quanto lo sono ora: la Piccola Meraviglia ha aspettato ancora un bel po' a nascere da quel giorno (voleva aspettare il calduccio...), si è fatta desiderare, ha mobilitato tutto il parentame coi suoi falsi allarmi, in attesa della sua bella luna piena; da quando è nata la vita della famiglia felice è cambiata, in meglio anche se non c'è più tempo per fare tutto quello che facevamo prima... ci ha portato una nuova gioia di vivere, di stare insieme, di divertirci con niente (basta una sua smorfia per ridere e scaldarci il cuore), di accoccolarci sul tappeto per giocare con le sue costruzioni profumate...
Oggi, un anno fa
non avevo la minima idea di quello che mi avrebbe riservato la vita...
Oggi un anno fa
non sapevo che mi stava aspettando una meravigliosa vita da sogno insieme alle persone più importanti della mia vita

2 commenti:

  1. sono ricordi insostituibili! un bacio alla piccola-grande meraviglia!

    RispondiElimina
  2. Che post stupendo... stupendo davvero.

    Tutte mi dicevano: 'vedari, quando nascerà non avrai più tempo di fare nulla, sarà tutto un disastro, tu e Nex non riuscirete nemmeno più a parlare'.
    Non so perchè, ma molte mamme volevano farmi credere che sarebbe stato tutto difficile.
    Invece ho scoperto con mia enorme gioia che essere mamma è un lavoro bellissimo, che può anche essere semplice, se ti lasci trasportare da quella magia immensa che circonda la maternità.

    Io non riesco più a ricordare come facevamo ad essere felici prima che arrivasse Dafne. Certe volte ci guardiamo, e ce lo chiediamo, e non ttroviamo la risposta.
    La vita di adesso è sicuramente la migliore che potessimo avere.

    RispondiElimina

Grazie per aver lasciato un commento alle mie parole!
In questo modo nell'archivio dei vizi rimarrai anche tu, con le tue parole, col tuo pensiero, con la tua mente... e magari così verrò a trovarti anche io e chissà che non ne nasca una nuova amicizia...!!!
polepole

Seduti al bar del CircoloVizioso

Seduti al bar del CircoloVizioso
Ovvero: avete tempo per una birra? Il nostro bar è nato per conservare e ricordare i tanti "posticini del cuore" che ci hanno lasciato un'emozione. Per chi ha bisogno di trovare il suo, di posticino del cuore. Per evadere 10 minuti dalla routine quotidiana, per conoscere posti che magari non avete mai visto, per fermarsi a meditare su un'immagine, per bersi una birretta ghiacciata in compagnia degli amici... Tornate quando volete, il bar è sempre aperto!

argomenti viziosi

#10minutiPerMe #miregalolentezza #OperazioneUnPassoAllaVolta 5 stelle della P.M. A caccia di felicità con album scrap A piccoli passi accidia Afrodita alla fermata del tempo che non ho amici ancora amici antidolorificomagnifico appunti di vita vissuta architetti e architetture armadi baby babyy benvenuti a tutti blog candy e give-away buone feste Caccia al tesoro caro diario cartoline Casa Cena dell'Allegra Compagnia chi l'avrebbe mai detto? cioccolata dappertutto coccole con le mani in pasta con poche parole costruire di felicità Di Semplicità Virtù Eco-sostenibile entusiasmo Fata Bislacca FataSognante e Gri-Gri Flat Stanley fotografia giochiamo? gola grazie Happy Week Art Journal HappyWeekJournal2013 i supernonni i talenti Il gioco dei vizi il marconista Il Nostro Personale Giorno del Ringraziamento il vizio di leggere il vizio di riflettere il vizio di scrivere ilcircolovizioso ingenua insegnamenti Io me stessa e me iomivizio ItaliaNostra la grande transumanza dei segnalibri La mia agenda la supernonna la vittima lavoro LeggiAmo 2013 LeggiAmo 2014 LeggiAmo 2015 Liberiamo una ricetta 2013 Liberiamo una ricetta 2014 Lista delle Cose da Fare 2015 Lussuria mare MenoStressPiùFarfalle mi vizio con... Natalia Cattelani natura nodi che vengono al pettine non ci posso credere nonna Iolanda nuove amicizie Nutella Oggi vorrei proprio essere qui oroscopo ozio parliamone parole famose PECC pensieri e parole personaggi PestiPossibili Piccola Meraviglia piccolo Che piccolo-spazio-pubblicità PIF Pippi Calzelunghe Plastic Guerrilla poesia polepole al lavoro POLUCHINA posticini del cuore premi Project 10 books raccolte Ri-Vivere Ricette per la Cena ricette rubate rivelazioni S.A.L. scatole di latta scusa sogni e bisogni storia e storie di culture diverse strani vizi Summer Manifesto 2015 superbia swap tanti auguri a te Tatti Turisti a casa propria Una Casa a Modo Mio vecchi tempi VisteRiviste vizi Voglia di Creare voglia di viaggiare voglia di... writing tuesday ZEBUK zen zibaldone

...chi ha vizi come me...

Il Vizio di Leggere

Il Vizio di Leggere
Per non perdere il vizio, nonostante le mille cose da fare, per trovare il tempo da dedicare ad una buona lettura, per scoprire nuove emozioni e sensazioni, di quelle che solo un buon libro è capace di regalare a chi lo apre con passione e curiosità.

Il vizio di riflettere

Il vizio di riflettere
... il mio modo di Guardare e non solo Vedere ciò che ci circonda...