giovedì 8 gennaio 2009

TAGLIATELLE AL CACAO CON LA ZUCCA

oooooh, finalmente tornano i miei cari, amati vizi golosi...!
3 gennaio 2009: agognati giorni di vacanza (anche se ieri lavoravo...), quando si possono coccolare i propri sensi, quando si può pensare un po' al sè, allo star bene con gli altri, all'amata cucina, ultimamente un po' abbandonata...
sabato mattina dovevamo andare all'Ikea per qualche acquisto (principalmente alla ricerca di angoli in gomma, tappi per le prese di corrente, ecc., il tutto per cercare di rendere la casa un po' più sicura, in vista delle avventure gattonanti della Piccola Meraviglia..), ma un bruttissimo raffreddore improvviso, con tanto di nasino che cola, il primo nella vita della nostra piccolina, ci ha fatto abbandonare il programma.
Ok, ripartiamo da capo: chiamiamo la zia, così stasera stiamo in compagnia.
Menù
- tagliatelle al cacao (viste e prese in un negozietto di pasta fresca il giorno prima) con la zucca bio dello Zio che viene dalla Puglia
- frittata in forno con prosciutto e pisellini dell'orto (raccolti e congelati in tempi migliori...)
- puntarelle con le acciughe
il tutto ben accompagnato con un vino pugliese (negramaro e cabernet-sauvignon insieme) che forse era un po' forte ma taaaaaaanto buooooooono...
Dosi e quantità sono un optional, perché non ho pesato niente (ma sì, crepi l'avarizia...)
  1. Pulisco la zucca e la taglio a cubetti di 1 cm (a qualcosa servirà il diploma di geometra!), poi la salto in padella con un filo d'olio e mezza cipolla bionda, bagno con vino bianco e ci butto un pezzetto di peperoncino (ma prima verifico che non sia quello calabrese, che se no poi si beve solo acqua e non si mangia!)
  2. Tolgo tutto dal fuoco e frullo la zucca col frullatore a immersione (nella vecchia versione la zucca la schiacciavo con la forchetta.. poi è arrivato il cognato che ha scoperto la passione per la cucina e mi ha fatto capire che sono una che ama complicarsi la vita...)
  3. Intanto ho messo sul fuoco la pentola con tanta tanta acqua e un filino d'olio (per non far attaccare la pasta)
  4. Riprendo la padella di prima, un filino d'olio (ma poco poco) e almeno tre fette di pancetta nel grasso (sempre nell'ottica: "la dieta si comincia di lunedì", chissà di quale mese, però!). Quando il grasso della pancetta diventa trasparente aggiungo la zucca frullata e faccio insaporire.
  5. Cuocio le tagliatelle al cacao molto al dente (occhio perché poi la pasta deve essere passata in padella e ci deve stare due-tre minuti.. se si scuoce si butta tutto via...!) e le salto in padella con la zucca.
  6. Niente formaggio, tanto appetito e curiosità, gola solleticata dal profumo che vien fuori dalla pentola dove avete cotto la pasta, che ora sa di cioccolata calda: nella pasta comunque il sapore di cacao è quello giusto e non stucca per niente (ma a chi stucca la cioccolata???)

4 commenti:

  1. certo...il premio vale sempre...puoi postarlo tranquillamente:-) un bacio e bentornata
    Annamaria

    RispondiElimina
  2. uhdio come mi sembrano buone!!! ps: ma ce lo spieghi cosa significa "polepole"? :)

    RispondiElimina
  3. @unika: grazie allora, ora cerco di postarlo: giuro, mi impegno! Ancora in bocca al lupo per quello che sai...

    @luci: farò un post sull'argomento, c'è tutta una storia sopra, bisogna lavorarci un po'... comunque le tagliatelle erano proprio da leccarsi i baffi, ci fosse stato il tuo cane... :-P!
    baci

    RispondiElimina
  4. Grazie di essere passata da me :)
    Bietolina ;)

    RispondiElimina

Grazie per aver lasciato un commento alle mie parole!
In questo modo nell'archivio dei vizi rimarrai anche tu, con le tue parole, col tuo pensiero, con la tua mente... e magari così verrò a trovarti anche io e chissà che non ne nasca una nuova amicizia...!!!
polepole

Seduti al bar del CircoloVizioso

Seduti al bar del CircoloVizioso
Ovvero: avete tempo per una birra? Il nostro bar è nato per conservare e ricordare i tanti "posticini del cuore" che ci hanno lasciato un'emozione. Per chi ha bisogno di trovare il suo, di posticino del cuore. Per evadere 10 minuti dalla routine quotidiana, per conoscere posti che magari non avete mai visto, per fermarsi a meditare su un'immagine, per bersi una birretta ghiacciata in compagnia degli amici... Tornate quando volete, il bar è sempre aperto!

argomenti viziosi

#10minutiPerMe #miregalolentezza #OperazioneUnPassoAllaVolta 5 stelle della P.M. A caccia di felicità con album scrap A piccoli passi accidia Afrodita alla fermata del tempo che non ho amici ancora amici antidolorificomagnifico appunti di vita vissuta architetti e architetture armadi baby babyy benvenuti a tutti blog candy e give-away buone feste Caccia al tesoro caro diario cartoline Casa Cena dell'Allegra Compagnia chi l'avrebbe mai detto? cioccolata dappertutto coccole con le mani in pasta con poche parole costruire di felicità Di Semplicità Virtù Eco-sostenibile entusiasmo Fata Bislacca FataSognante e Gri-Gri Flat Stanley fotografia giochiamo? gola grazie Happy Week Art Journal HappyWeekJournal2013 i supernonni i talenti Il gioco dei vizi il marconista Il Nostro Personale Giorno del Ringraziamento il vizio di leggere il vizio di riflettere il vizio di scrivere ilcircolovizioso ingenua insegnamenti Io me stessa e me iomivizio ItaliaNostra la grande transumanza dei segnalibri La mia agenda la supernonna la vittima lavoro LeggiAmo 2013 LeggiAmo 2014 LeggiAmo 2015 Liberiamo una ricetta 2013 Liberiamo una ricetta 2014 Lista delle Cose da Fare 2015 Lussuria mare MenoStressPiùFarfalle mi vizio con... Natalia Cattelani natura nodi che vengono al pettine non ci posso credere nonna Iolanda nuove amicizie Nutella Oggi vorrei proprio essere qui oroscopo ozio parliamone parole famose PECC pensieri e parole personaggi PestiPossibili Piccola Meraviglia piccolo Che piccolo-spazio-pubblicità PIF Pippi Calzelunghe Plastic Guerrilla poesia polepole al lavoro POLUCHINA posticini del cuore premi Project 10 books raccolte Ri-Vivere Ricette per la Cena ricette rubate rivelazioni S.A.L. scatole di latta scusa sogni e bisogni storia e storie di culture diverse strani vizi Summer Manifesto 2015 superbia swap tanti auguri a te Tatti Turisti a casa propria Una Casa a Modo Mio vecchi tempi VisteRiviste vizi Voglia di Creare voglia di viaggiare voglia di... writing tuesday ZEBUK zen zibaldone

...chi ha vizi come me...

Il Vizio di Leggere

Il Vizio di Leggere
Per non perdere il vizio, nonostante le mille cose da fare, per trovare il tempo da dedicare ad una buona lettura, per scoprire nuove emozioni e sensazioni, di quelle che solo un buon libro è capace di regalare a chi lo apre con passione e curiosità.

Il vizio di riflettere

Il vizio di riflettere
... il mio modo di Guardare e non solo Vedere ciò che ci circonda...