mercoledì 14 ottobre 2009

Voglia di Creare



Come ho già detto in altre occasioni, l’arrivo dell’autunno è per me l’inizio del nuovo anno e quindi il momento in cui si fanno i buoni propositi che puntualmente verranno disattesi... ma almeno dobbiamo provarci, no? ;-))
E’ già stata inaugurata ufficialmente una nuova sezione del CircoloVizioso: Il Vizio di Leggere, che seguirà periodicamente l’avvicendarsi delle letture di polepole... (quindi aspettatevi pure tempi da ere geologiche...! ;-)))
Con oggi (in realtà ho già pubblicato qualcosa fatto da me, ma sempre un po’ così, da “free-lance”!) si dà voce ad un’altra idea: 


Voglia di Creare



Mani che disegnano, M.C.Escher*


Ispirandomi anche alle meraviglie che realizzano le ragazze che conosco sul web, do così il via alle mie velleità artistiche... :-))


Da quando sono piccola - e forse anche perché ho dei parenti artisti per davvero! - sono sempre stata molto attratta dal mondo del fai-da-te, dell’artigianato, delle “cose fatte col cuore”... 
I miei studi, poi, non hanno fatto altro che alimentare questo mio bisogno di ‘fare con le mani’, perché è così che mi so meglio esprimere, è così che riesco a concretizzare i miei sogni, le mie idee, le mie aspettative. 
La Storia dell’Arte e dell’Architettura mi hanno insegnato che ci sono stati periodi in cui le realizzazioni artigianali venivano fortemente sollecitate e spinte a dare il meglio, per contribuire a migliorare non solo la cultura, l’architettura, il modo di vivere, ma anche le persone stesse ed il mondo che le circondava! 
Il discorso è troppo lungo per parlarne qui, e certo non voglio fare un romanzo, ma metto qui qualche link, per chi voglia approfondire l'argomento:
- Bauhaus 
Si tratta di movimenti culturali che hanno coinvolto arte, architettura, pittura, arti applicate, ma anche tecnologia, artigianato e industria alla fine dell'800 - primi del '900: in comune hanno tutti una rivalutazione ed un modo nuovo di concepire l'artigianato, il mondo del 'fatto a mano' e la concezione del 'bello'...


E’ evidente che i collegamenti che ho riportato sono elevati alla massima potenza: sono ideali, figure di riferimento alte, troppo alte... quello che mi interessa è il concetto che sta alla base:
“[...] l’artigianato come espressione del lavoro dell'uomo e dei suoi bisogni, ma soprattutto come valore durevole nel tempo [...]”
Quello che facciamo con le nostre mani, che sia per regalarlo, per venderlo, oppure semplicemente per noi stessi, ha sempre un valore aggiunto rispetto al semplice - seppur ben fatto e di valore - oggetto realizzato per la produzione di massa: 
“[...] la felicità dell'uomo non nasce dall'ozio bensì dal lavoro: a patto però che questo non sia finalizzato al profitto, ma a gratificare il nostro naturale istinto a ricercare la bellezza e la piacevolezza, oltre che ad affermare la nostra dignità. [...]
"Dobbiamo cominciare a costruire la parte decorativa della vita - i suoi piaceri, fisici e mentali, scientifici e artistici, sociali e individuali - sulla base del lavoro intrapreso volentieri e con gioia, consapevoli di apportare in tal modo un beneficio a noi stessi e a chi ci sta intorno [...]" William Morris, “Lavoro utile, fatica inutile. Bisogni e piaceri della vita, oltre il capitalismo”
E’ così che il segnalibro fatto a mano da noi e regalato ad un’amica è bello perché racchiude in sè tutto l’affetto che si prova per lei: è un pezzetto di noi, è un pezzetto della nostra vita che viene donata ad un’altra persona, se non altro per il tempo che abbiamo dedicato alla sua creazione...


La Voglia di Creare vuole mettere insieme questi pezzetti di me, per donarli a chi li voglia accogliere, a chi voglia prenderne spunto per provare a fare qualcosa di simile, ricordando sempre che ogni singola parte di ogni oggetto fatto a mano è unica e irripetibile, perché fatta da ‘una’ persona, in ‘un’ momento, in ‘una’ condizione di spirito.




l'immagine è tratta da qui
M. C. Escher è stato un incisore e grafico ed ha realizzato opere affascinanti, che utilizzano principi di matematica e geometria, esplorando lo spazio fisico e quello mentale di chi le osserva...


Ho scelto questa immagine per la Voglia Di Creare perché - oltre ai tanti significati che nasconde e di cui è rappresentazione -  due mani che disegnano loro stesse mi sembrano il modo migliore per rappresentare il far-da-sè e il concetto ‘illuminante’ per il quale “fare con le proprie mani” permette anche di imparare qualcosa, e di disegnare il proprio domani...
... e poi è un’immagine che ho sempre ammirato fin da piccola ed il primo puzzle da mille pezzi che sono riuscita a completare! ;-))


Accetto commenti, critiche, brontolate e anche incoraggiamenti! Chiunque abbia voglia di dire la sua è ben accetto, in fondo il web è bello anche per questo... ;-)))

16 commenti:

  1. Scrive una fan di Escher ;)

    Ma anche dei "lavoretti", dei regali fatti a mano, del personalizzare e fare su misura...

    Ci sono mille migliaia di motivi per cui è bello creare... indipendentemente da come gli altri giudicano le nostre opere!
    E poi, spesso il fatto da sè è anche più comodo, dato che è creato su misura per le nostre esigenze, no?

    RispondiElimina
  2. Poche chiacchere e tira fuori ago e filo.

    (ahahahahahahahahahhahahahahahahahahaahah...scherzo eh...lo sai che adoro il tuo modo coinvolgende di "dirci" le cose che provi e che pensi.....)
    Un bacio (hand made of course)
    Tatti

    RispondiElimina
  3. ciao mia cara polepole, intanto ti ringrazio per il tuo commento nel mio blog :) commento grazie al quale ho scoperto questo tuo bel posticino!
    io naturalmente ti sprono a piena voce a creare-qualsiasi-cosa!!!
    lanciati magari in un'amica di Ada...no ;) ?
    ti tengo d'occhio!!!
    a presto!

    RispondiElimina
  4. ciao polepole, le tue parole sono sempre come delicata musica per me, sei così dolce quando esprimi i tuoi pensieri.
    hai ragione, le persone dei tuoi link sono assolutamente eccezionali, complimenti per la selezione.
    un abbraccio e buon lavoro allora ;))
    ele

    RispondiElimina
  5. @ D-chan: Ma quanto sarà affascinante? non sai quante volte mi sono persa su quelle scale infinite... e pensare che detesto la matematica!!! ;-)) Sul fatto a mano: oltre alla comodità e al sentimento con cui sono fatte le cose artigianali, vogliamo anche dire di tutto l'impegno e la passione che ci sta dietro? della cura con cui sono fatte e mai replicate le opere? chiaramente noi le facciamo x regalarle o per regalarcele ma chi le fa x venderle ci mette davvero il cuore, considerando che spesso si sente dire: "ma se la compro nel negozio 'tal dei tali' la pago la metà"!
    Solo chi capisce tutto ciò che sta dietro al 'fatto a mano' può dare un valore a quegli oggetti...

    @ Tatti: ehm...... sì, lo so che sono un po' tutta chiacchiere e distintivo... ma "pole-pole" verrà anche il giorno che mostrerò qualcosa di mio... quando avrò il coraggio...!

    @ pandora: benvenuta al CircoloVizioso! l'amica di Ada è tra le mie prossime avventure, stanne certa!!! e prenderò spunto dalla tua! torna a trovarmi, sei la benvenuta!!

    @ galadriel74: che cara che sei, grazie per le tue parole! spero che quello che mostrerò sia all'altezza delle tue aspettative... anche perché... ;-))

    RispondiElimina
  6. La tua "chiacchera" non perderla mai, e poi.....un po' più di stima in te stessa Dolcezza !
    Sappi che io ti AUTOstimo assai ! ^_^
    Smack
    Tatti

    RispondiElimina
  7. Grazie TattiMia!!!
    (ci vuole uno smile che arrossisce...!)

    RispondiElimina
  8. miii, parli con una che ha studiato all'accademia di belle arti, io non posso che darti ragione su tutto!!!
    Fai, fai, che poi io passo a dare un'occhatina e parlare un pochino con te, che bello!! Brava!!!

    RispondiElimina
  9. Quanta paassione nelle tue parole cara Polepole!
    Coraggio, dai sfogo alla tua voglia di creare, non vedo l'ora di poter accogliere i "pezzetti di te" che vorrai donarci.
    Intanto sto qui molto imbarazzata nel vedermi citata come fonte di ispirazione, grazie, sei troppo buona!
    Un abbraccio

    Eleonora

    RispondiElimina
  10. Straordinario post!! Escher lo conoscevo, ma questa immagine me la ero persa! Anche io sono affascinata dall'artigianato e soprattutto da qeul principio che ispirava gli artisti di fine '800 e inizio '900: ribellarsi all'idea di diventare un numero dietro a una macchina, ribellarsi all'industrializzazione selvaggia e disumana. Devo dire che l'arte che preferisco è legata al Medioevo, Rinascimento...., ma infondo non era quella arte artigiana??? Penso proprio di sì.

    RispondiElimina
  11. @ michi: sì, dai che ci ispiriamo a vicenda...! hi hi hi, avrei voluto farla anche io l'Accademia... ma col senno di poi... meglio così: mi sarei persa nei meandri della fantasia! ;-))

    @ Zarinaia: Sì, passione ce n'è tanta, quanto ai risultati, vedremo... I modelli da cui prendere riferimento sono tutti a disposizione per ogni mio dubbio?? Ti farò mille domande, sappilo! ;-))

    @ mammadicorsa: Sai che io non riesco a prendere una decisione su quale sia il periodo che mi piace di più? Ogni stile è un capitolo a se stante, ognuno sa darmi emozioni che non trovo negli altri...
    Ho imparato ad amare la storia solo quando ho iniziato a studiare la storia dell'arte ed ho capito come certe idee possano coinvolgere tutti gli aspetti della vita e della cultura, e non solo il modo di dipingere o di fare architettura.
    Amo l'arte medievale, quanto adoro il costruttivismo russo e l'art nouveau, ammiro i grattacieli di Norman Foster tanto quanto mi piacciono i giardini di Versailles... perché ognuno di questi periodi rappresenta il mondo delle persone che ci vivevano in quel momento...

    Riguardo alla Arts & Crafts, Ruskin si ispirava proprio alle corporazioni medievali, che reputava il modello per quello che doveva essere la semplicità del lavoro dell'uomo in contrasto con la freddezza del lavoro industriale... chi meglio degli artigiani medievali, che non avevano a disposizione che le macchine fondamentali, poteva rappresentare il lavoro fatto con cura e passione?

    Grazie a tutte quante: i vostri commenti sono una nota dolce in queste giornate dense di avvenimenti per me... a presto! polepole

    RispondiElimina
  12. Ciao Polepole,è sempre un piacere passare a trovarti.
    Aspetto con impazienza qualche pezzettino di te e immagino già che sia bellissimo!!!
    Il disegno di Escher è azzeccatissimo e rende perfettamente l'idea!!!!!!!!
    Buon inizio, un abbraccio!!!!!!

    RispondiElimina
  13. Io saro' qui a prendere spunto e so che sara' interessante guardare i tuoi lavori quanto e' interessante leggerti :)

    RispondiElimina
  14. La voglia di creare continuo a
    considerarlo un dono bellissimo.
    E bellissimo è il poterlo condividere con tutte voi che sapete cosa vuol dire.
    E per cui...crea, crea, crea.
    Baci, baci, baci.

    Ciao, elena°*°

    RispondiElimina
  15. Ho tantissimo da imparere da te...questo, come tanti altri post, me lo leggo e rileggo, e' illuminante e confortante. Grazie di esistere. Elisa.

    RispondiElimina
  16. WOW! Che periodo intenso che sto vivendo! tra i vostri preziosissimi commenti, gli eventi personali, le giornate fredde ma con tanto sole da immagazzinare per l'inverno...!!!
    Grazie a tutte per le belle parole che mi dedicate e per l'affetto che mi dimostrate ogni giorno...! :-)))

    @ stefi: i pezzetti di me sono già in preparazione e presto ne avrete qualche assaggio... sarà per me un modo per migliorare, per imparare, per modificare... ;-))

    @ tiz: grazie!!

    @ elena fiore: 'condividere' è per me uno dei principi fondamentali della vita... e non solo quando si tratta di necessità primarie. Mostrare agli altri quello che si fa è sempre un modo per mettersi in gioco, per accogliere i commenti, positivi o negativi che siano, per confrontarsi e migliorarsi... quando poi hai a disposizione delle muse ispiratrici come qualcuno che conosco...!!! ;-))

    @ elitebirdfly: il mio pensiero positivo all'estremo mi porta a ritenere che ci sia sempre da imparare, da tutto e da tutti. Anche da chi è alle prime armi e prova prova prova... se non altro per l'impegno costante che mette in quel provare!!!
    Grazie a te per le tue parole...

    RispondiElimina

Grazie per aver lasciato un commento alle mie parole!
In questo modo nell'archivio dei vizi rimarrai anche tu, con le tue parole, col tuo pensiero, con la tua mente... e magari così verrò a trovarti anche io e chissà che non ne nasca una nuova amicizia...!!!
polepole

Seduti al bar del CircoloVizioso

Seduti al bar del CircoloVizioso
Ovvero: avete tempo per una birra? Il nostro bar è nato per conservare e ricordare i tanti "posticini del cuore" che ci hanno lasciato un'emozione. Per chi ha bisogno di trovare il suo, di posticino del cuore. Per evadere 10 minuti dalla routine quotidiana, per conoscere posti che magari non avete mai visto, per fermarsi a meditare su un'immagine, per bersi una birretta ghiacciata in compagnia degli amici... Tornate quando volete, il bar è sempre aperto!

argomenti viziosi

#10minutiPerMe #miregalolentezza #OperazioneUnPassoAllaVolta 5 stelle della P.M. A caccia di felicità con album scrap A piccoli passi accidia Afrodita alla fermata del tempo che non ho amici ancora amici antidolorificomagnifico appunti di vita vissuta architetti e architetture armadi baby babyy benvenuti a tutti blog candy e give-away buone feste Caccia al tesoro caro diario cartoline Casa Cena dell'Allegra Compagnia chi l'avrebbe mai detto? cioccolata dappertutto coccole con le mani in pasta con poche parole costruire di felicità Di Semplicità Virtù Eco-sostenibile entusiasmo Fata Bislacca FataSognante e Gri-Gri Flat Stanley fotografia giochiamo? gola grazie Happy Week Art Journal HappyWeekJournal2013 i supernonni i talenti Il gioco dei vizi il marconista Il Nostro Personale Giorno del Ringraziamento il vizio di leggere il vizio di riflettere il vizio di scrivere ilcircolovizioso ingenua insegnamenti Io me stessa e me iomivizio ItaliaNostra la grande transumanza dei segnalibri La mia agenda la supernonna la vittima lavoro LeggiAmo 2013 LeggiAmo 2014 LeggiAmo 2015 Liberiamo una ricetta 2013 Liberiamo una ricetta 2014 Lista delle Cose da Fare 2015 Lussuria mare MenoStressPiùFarfalle mi vizio con... Natalia Cattelani natura nodi che vengono al pettine non ci posso credere nonna Iolanda nuove amicizie Nutella Oggi vorrei proprio essere qui oroscopo ozio parliamone parole famose PECC pensieri e parole personaggi PestiPossibili Piccola Meraviglia piccolo Che piccolo-spazio-pubblicità PIF Pippi Calzelunghe Plastic Guerrilla poesia polepole al lavoro POLUCHINA posticini del cuore premi Project 10 books raccolte Ri-Vivere Ricette per la Cena ricette rubate rivelazioni S.A.L. scatole di latta scusa sogni e bisogni storia e storie di culture diverse strani vizi Summer Manifesto 2015 superbia swap tanti auguri a te Tatti Turisti a casa propria Una Casa a Modo Mio vecchi tempi VisteRiviste vizi Voglia di Creare voglia di viaggiare voglia di... writing tuesday ZEBUK zen zibaldone

...chi ha vizi come me...

Il Vizio di Leggere

Il Vizio di Leggere
Per non perdere il vizio, nonostante le mille cose da fare, per trovare il tempo da dedicare ad una buona lettura, per scoprire nuove emozioni e sensazioni, di quelle che solo un buon libro è capace di regalare a chi lo apre con passione e curiosità.

Il vizio di riflettere

Il vizio di riflettere
... il mio modo di Guardare e non solo Vedere ciò che ci circonda...