mercoledì 4 novembre 2009

In viaggio... Isola Santa


Dato che l’inverno è arrivato e c’è tanta voglia di montagna e di cose calde da mangiare e magari di un bel piatto di funghi...
... oggi andiamo a Isola Santa!





Ci troviamo nel Comune di Careggine (LU), in Garfagnana, nel cuore del Parco delle Alpi Apuane, sulle rive del lago formato dal torrente Turrite Secca, che scorre in una delle valli piu strette e selvagge delle Apuane, racchiusa tra vette strapiombanti ed aspri contrafforti.
Isola Santa è un piccolo villaggio fuori dal tempo. L’ho scoperto durante le peregrinazioni per monti e per valli (letteralmente!) insieme al mio allora fidanzato ;-), quando lavoravo alla preparazione dell’esame di Architettura del Paesaggio...
E’ un borgo di origine antichissima: era un antico “hospitale”, meta di sosta per i viandanti che attraversavano le Apuane passando per la Foce di Mosceta per recarsi dalla Versilia alla Garfagnana o viceversa. Lungo questo tragitto, duro e faticoso, Isola Santa rappresentava un punto di passaggio importante: accoglieva chi passava da quella strada impervia ed aveva bisogno di qualcosa di caldo da mangiare o di un letto per riposare. 
Dell’hospitale si hanno notizie certe già a partire dal 1260, ma la sua nascita è molto probabilmente più antica: “[...] Secondo alcuni storici pare che il paese di Isola Santa, sorto attorno all’hospitale, fosse anticamente un piccolo borgo fortificato. Immaginandolo così com’era prima della costruzione del lago artificiale, è facile rendersi conto della sua posizione sovrastante la strada di fondo valle. E’ possibile dunque che Isola Santa svolgesse una funzione di “posto di guardia”, inserito in una valle particolarmente stretta che veniva allora attraversata da un ponte oggi sommerso dalle acque del lago.
Dai documenti risulta fra l’altro l’esistenza di una vecchia torre, oggi evidentemente abbattuta, mentre rimane una significativa “Via della Torre”.
Le scarne cronache che dal medioevo ci portano al ‘700 ci parlano di una piccola comunità che viveva attorno all’hospitale, con un’economia estremamente povera ed un collegamento con i centri più vicini tremendamente disagevole.
[...] La cosa più interessante è che questa condizione di isolamento (e pur tuttavia di un isolamento che la collocava in posizione strategica lungo l’unica via di comunicazione esistente) Isola Santa e i piccoli borghi vicini (Col di Favilla, Puntato, Capanne di Careggine) l’hanno mantenuta fino a qualche decennio fa quando è stata costruita la strada del Cipollaio, l’attuale strada provinciale di Valdarni. [...]”





Fatto di casette di pietra grigia, col tetto in ardesia, il paese è in parte rimasto sommerso (come quello di Capanne di Careggine, nel Lago di Vagli) dopo la realizzazione della diga per lo sfruttamento idroelettrico delle acque del torrente nel 1949: da quel momento il borgo ha subito progressivamente dei cedimenti e si è spopolato, diventando quasi un paese-fantasma. Ultimamente, però, gli ultimi abitanti e i proprietari si sono ricostituiti in un progetto di ristrutturazione globale, e ora mettono a disposizione una parte delle abitazioni per chi voglia trascorrervi un periodo di vacanza tra natura, ambiente, cultura e sapori: un posto ideale per raccogliere funghi, pescare trote selvatiche e dedicarsi all'escursionismo.





Dal paese partono diversi sentieri che si addentrano nel bosco verso le cime delle Alpi Apuane, percorrendo sorgenti e villaggi abbandonati.
Nelle vicinanze si trovano anche alcuni fenomeni carsici che meritano di  essere osservati: le “Marmitte dei Giganti”, buche a forma di pentolone scavate dai fiumi in piena (si vedono presso il Fosso del Fatonero e il Fosso dell'Anguillaia); la “Grotta del Vento” e “l’Antro del Corchia”....
Tanti riferimenti alle attività da fare e non solo potete trovarli qui: 




Ma il CircoloVizioso adora questo paesino soprattutto per l’aria che vi si respira... per quel nonsoché di magico e misterioso che si può scovare in un paese che era stato abbandonato, dove la chiesa aveva la porta di ingresso murata perché pericolante, dove ogni passo che facevi poteva essere in fallo, per la sconnessione delle pietre dovuta all’azione delle acque del lago, dove trovavi sempre un silenzio che faceva bene all’anima...





Lo adoriamo soprattutto perché adesso, grazie alla buona volontà di molti, tutta la storia che è passata da quel paesino può essere recuperata e donata a chi voglia entrare - anche per poco tempo - a farne parte.


Mèta delle nostre scampagnate quando eravamo dei centauri con lo zaino in spalla ed il casco in testa, Isola Santa è diventato per noi ‘un posticino del cuore’, di quelli dove torni quando hai voglia di un po’ di malinconico revival... 
... ma non solo: di quelli dove torni quando hai voglia di un bel piatto di maccheroni ai funghi, di una bella bistecca cotta sulla brace di fronte ai tuoi occhi e - magari - di una fetta di torta al cioccolato fatta in casa!


(c’è un ristorantino, proprio sul lago, che è una meraviglia.... ;-P!!!)


n.b.: le foto sono tratte dalla rete web e dai siti linkati all'interno del post... le foto che avevo fatto io non mi piacevano proprio... ;-))

19 commenti:

  1. sembra un posto meraviglioso! mi sa che, in primavera, mi regalo un week end coi Furibondi da quelle parti!

    RispondiElimina
  2. miiii, che posto bellissimo e pieno d'atmosfera! noi qua siamo in casa reclusi con tosse e raffreddore e non so che darei per poter scorrazzare liberamente e mangiare pure dei funghi!!! Tieni a bada il mio blog all'inizio della prossima settimana, ci sono news!!! :)

    RispondiElimina
  3. Wow, che splendida "isola che c'è".....ma quanto sei brava a raccontarci di questi posti magici??? ^_^
    Un soft kiss
    Tatti

    RispondiElimina
  4. In queste zone ci tengo proprio tanto a venire! Devono essere posti incantati! Buona serata Laura

    RispondiElimina
  5. ciao! ti iscrivo subito all'associazione golosi. Il fatto è che guardo i commenti recenti e non me li segna tutti forse per questo mi è sfuggito ;)

    RispondiElimina
  6. ciao cara,
    che meraviglia di posto...ci catapulti sempre in mondi magici..grazie
    un bacio grande alla piccola meraviglia e a te ovviamente
    ciao
    Antonella

    RispondiElimina
  7. ciao cara,
    che meraviglia di posto...ci catapulti sempre in mondi magici..grazie
    un bacio grande alla piccola meraviglia e a te ovviamente
    ciao
    Antonella

    RispondiElimina
  8. ciao polepole, che meraviglia di isola, da tenere a mente per qualche gitarella.
    che invidia per i funghi, io adoro mangiarli ma non so riconoscerli è compito di mio papà che però vive lontano e quindi mi devo accontentare di quelli in commercio.
    ciao ciao

    RispondiElimina
  9. ci devo andare ricordamelo :)

    RispondiElimina
  10. @ lerinni: fammelo sapere, che organizziamo una giornata di vizi e stravizi!

    @ michi: ... lassù non puoi andare se non sei in piena forma: negli ultimi giri in moto che ci abbiamo fatto ho patito un freddo e un umido... ma sarà stato per l'età...? ;-))
    Aspetto notizie!

    @ Tatti: eh sì, quest'isola c'è eccome, e speriamo che ci sia ogni giorno un po' di pù... ma quanto mi piace quando mi fanno i complimenti? ^__^

    @ Lauradv: ti aspetto allora...

    @ Vanessa: ciao e benvenuta nel CircoloVizioso! ho visto l'iscrizione, grazie! presto farò una degna presentazione a questo bellissimo mondo di golosi...!

    @ Antonella: grazie per le tue parole.. ^__^

    @ rosita: ah, io sono come te: i funghi li mangio e basta... troppa paura, non mi azzarderei a prenderne uno da sola per nessuna ragione.. se non è già bell'e fritto! aahahhaahaa!

    @ S@R@: ti farò un promemoria... così magari facciamo anche conoscere Ale e la p.m.!

    RispondiElimina
  11. anche io ti ho scoperta solo oggi!!! ma che bello!! una quasi vicina di casa!!! ti linko subito il tuo blog mi piace moltissimo!!
    baci!!!!

    RispondiElimina
  12. Ma che meraviglioso paesino!
    Io propongo casine di feltro e tu casine in pietra :-)
    ... il risotto coi funghi io l'ho mangiato ieri sera...ma erano quelli tristi e secchi del super!!!
    Buona giornata, un bacione.
    CIao, elena°*°

    RispondiElimina
  13. Ciao Silvia, meravigliose le opere di Nichi, vero? Ma anche questo luogo che hai visitato è suggestivo! Dovrei pensare di viverci per qualche mese, chissà che non mi ispiri nuove idee,invece della grigissima-in-tutti-i-sensi Padova, sigh! Suomii

    RispondiElimina
  14. Sorpresa!!! Abbiamo qualcos'altro in comune. Anche io e bigs75 prima della nascita di Elisa e da fidanzati, non potendo permetterci viaggi ai confini del mondo, giravamo con scooter e poi con moto per gli splendidi posti che ci circondano. A differenza di te però io non ho buona memoria e quindi non ti saprei dire i nomi di tutto ciò che abbiamo visitato. Ora la ruota è girata, ci muoviamo in macchina (MUltipla) e raramente affrontiamo gite impervie con la piccola. POi adesso che nasce il tuo nipotino!!! Comunque devo dire che quelle gite sono le migliori, riescono a tirar fuori l'amore più puro dalle persone.

    RispondiElimina
  15. @ Susina strega del té: grazie tante carissima, ci vediamo presto...

    @ elena fiore: io le case le adoro, in tutte le forme, in tutte le dimensioni, in tutti i materiali (pensa te, anche quelle di zucchero mi fanno impazzire!!!)
    La tua in feltro è spettacolare e credo proprio che proverò a rifarla, per i funghi... beh, meglio che niente, no?

    @ suomii: Sì, è una delle artiste che preferisco, per i colori e le curve... sarebbe da andarla a vedere, quella mostra... quasi quasi... ;-))
    Per il grigio... beh, è un colore anche lui, magari va un po' ravvivato con tocchi qua e là: che ne pensi di provare ad usarlo nelle tue creazioni?

    @ mammadicorsa: dai, qualche foto l'avrai fatta... o ti sei scordata anche la macchinetta??? ;-))
    Io adoravo andare in moto e ammetto che è una cosa che davvero mi manca, della mia vita passata... ma quando la p.m. sarà più grandicella, magari, compreremo un side-car! aahhahahaha!

    RispondiElimina
  16. adoro i luoghi che sanno di vita antica! anche qui da noi abbiamo la fortuna di trovare borghi decaduti, dove si respira la quotidianità di chi ci viveva, pericolanti, ma irresistibili (infatti entro sempre nelle case di pietra in rovina, finchè non mi cadrà un sasso in testa!) ;D

    RispondiElimina
  17. Ciao Polepole,
    ho fatto il tour della toscana 2 anni fa e mi chiedo come posso essermi persa una tale meraviglia. Bello il luogo ed il tuo racconto.
    un Sorriso...

    RispondiElimina
  18. mi hai fatto tornare alle vacanze estive e alle nostre avventure fantozziane proprio qui, a isola santa... grazie!
    noi ci siamo arrivati a piedi attraversando le apuane dopo una notte in tenda con i pargoli, tre famiglie, quattro bimbi, due cani e un paio si amici (qualcuno ci definisce disgraziati, noi magari solo un po' avventurosi;)
    per noi è stato un vero e proprio posto ospitale... lo consiglio anch'io, perchè intorno le montagne sono davvero magnifiche

    RispondiElimina
  19. @ luci: quel sapore di antico di cui parli è proprio quello che piace tanto anche a me... e di posti da riscoprire in quel senso è piena l'Italia: se mai riuscirò a scansionare tutte le vecchie foto stampate, ci sono tanti e tanti posti che devo farvi vedere, già qui in Lucchesia! Anch'io sono una che ama avventurarsi dove c'è il pericolo.. per ora mi è sempre andata bene, per fortuna!

    @ Sorriso: in effetti è un luogo un po' disperso... sicuramente non tra le mete turistiche più frequentate, ma se torni fammi un fischio, che ci andiamo insieme!

    @ sarigedda: che bella avventura! La proverei volentieri anch'io, magari con qualche dritta in più: non so come contattarti altrimenti, il tuo profilo è privato. Ma sei di queste parti?

    RispondiElimina

Grazie per aver lasciato un commento alle mie parole!
In questo modo nell'archivio dei vizi rimarrai anche tu, con le tue parole, col tuo pensiero, con la tua mente... e magari così verrò a trovarti anche io e chissà che non ne nasca una nuova amicizia...!!!
polepole

Seduti al bar del CircoloVizioso

Seduti al bar del CircoloVizioso
Ovvero: avete tempo per una birra? Il nostro bar è nato per conservare e ricordare i tanti "posticini del cuore" che ci hanno lasciato un'emozione. Per chi ha bisogno di trovare il suo, di posticino del cuore. Per evadere 10 minuti dalla routine quotidiana, per conoscere posti che magari non avete mai visto, per fermarsi a meditare su un'immagine, per bersi una birretta ghiacciata in compagnia degli amici... Tornate quando volete, il bar è sempre aperto!

argomenti viziosi

#10minutiPerMe #miregalolentezza #OperazioneUnPassoAllaVolta 5 stelle della P.M. A caccia di felicità con album scrap A piccoli passi accidia Afrodita alla fermata del tempo che non ho amici ancora amici antidolorificomagnifico appunti di vita vissuta architetti e architetture armadi baby babyy benvenuti a tutti blog candy e give-away buone feste Caccia al tesoro caro diario cartoline Casa Cena dell'Allegra Compagnia chi l'avrebbe mai detto? cioccolata dappertutto coccole con le mani in pasta con poche parole costruire di felicità Di Semplicità Virtù Eco-sostenibile entusiasmo Fata Bislacca FataSognante e Gri-Gri Flat Stanley fotografia giochiamo? gola grazie Happy Week Art Journal HappyWeekJournal2013 i supernonni i talenti Il gioco dei vizi il marconista Il Nostro Personale Giorno del Ringraziamento il vizio di leggere il vizio di riflettere il vizio di scrivere ilcircolovizioso ingenua insegnamenti Io me stessa e me iomivizio ItaliaNostra la grande transumanza dei segnalibri La mia agenda la supernonna la vittima lavoro LeggiAmo 2013 LeggiAmo 2014 LeggiAmo 2015 Liberiamo una ricetta 2013 Liberiamo una ricetta 2014 Lista delle Cose da Fare 2015 Lussuria mare MenoStressPiùFarfalle mi vizio con... Natalia Cattelani natura nodi che vengono al pettine non ci posso credere nonna Iolanda nuove amicizie Nutella Oggi vorrei proprio essere qui oroscopo ozio parliamone parole famose PECC pensieri e parole personaggi PestiPossibili Piccola Meraviglia piccolo Che piccolo-spazio-pubblicità PIF Pippi Calzelunghe Plastic Guerrilla poesia polepole al lavoro POLUCHINA posticini del cuore premi Project 10 books raccolte Ri-Vivere Ricette per la Cena ricette rubate rivelazioni S.A.L. scatole di latta scusa sogni e bisogni storia e storie di culture diverse strani vizi Summer Manifesto 2015 superbia swap tanti auguri a te Tatti Turisti a casa propria Una Casa a Modo Mio vecchi tempi VisteRiviste vizi Voglia di Creare voglia di viaggiare voglia di... writing tuesday ZEBUK zen zibaldone

...chi ha vizi come me...

Il Vizio di Leggere

Il Vizio di Leggere
Per non perdere il vizio, nonostante le mille cose da fare, per trovare il tempo da dedicare ad una buona lettura, per scoprire nuove emozioni e sensazioni, di quelle che solo un buon libro è capace di regalare a chi lo apre con passione e curiosità.

Il vizio di riflettere

Il vizio di riflettere
... il mio modo di Guardare e non solo Vedere ciò che ci circonda...