domenica 22 febbraio 2009

Il compleanno della Piccola Meraviglia



Domenica mattina

Ci svegliamo alle 9, a causa di un bacio con lo schiocco che ci lancia la nostra Piccola Meraviglia...

... Quale miglior risveglio?

Lei già tutta pimpante di mattinata, nel giorno della sua festa, consapevole che le prossime 12 ore sarebbero state all’insegna dei festeggiamenti

E infatti, qualsiasi cosa le si dicesse, la Piccola Meraviglia si voltava, sorrideva e faceva ‘viva!’ con le sue manine paffute

E quando passava davanti al librone di Giglio il Coniglio, quello con le pagine spesse antistrappo che piacciono tanto a mamma, andava a cercare la pagina con la torta e la candelina e soffiava con tutta la sua forza...

...Sarà perché è da due mesi che le parliamo del suo compleanno e della candelina da spengere sulla torta?...

Insomma, la Piccola Meraviglia nel giorno del suo primo compleanno è stata una bimba spettacolare (anche troppo, forse...):

Si è fatta cambiare senza arrampicarsi sul fasciatoio di Ikea (meno male che è resistente...)

ha mangiato il suo biscottino senza polverizzarlo sul seggiolone (sì, ma mamma dice che deve conoscere la materia e imparare le consistenze...!)

ha fatto il suo pisolino con la nonna mentre mamma papà ed il nonno preparavano il salone delle feste (palloncini arancio e rosa, festoni con le farfalle, le sue preferite, Tanti auguri e stelle filanti, il suo stereo con il cd del ‘Coccodrillo come fa?’ e tanto spazio al centro della stanza per ballare e fare girotondo con i suoi amichetti...)

ha mangiato tranquilla tranquilla il suo bel pranzetto senza mai alzarsi dal seggiolone (pastasciutta e crema di tacchino col finocchietto, il suo preferito: glielo faccio tutti i giorni se ha questo effetto...! :-) e senza tirare niente di sotto per sentire che rumore fa (sì, ma la solita mamma ha letto che lo fanno tutti i bambini, perché devono sperimentare la gravità...!)

No, non era un robottino: la Piccola Meraviglia ha anche fatto il diavolo a quattro perchè si è svegliata con la fame, ha riso ed ha imparato a fare la linguaccia, ha girottolato per tutta la casa col coccodrillo di legno in braccio, con noi che le stavamo alle calcagna impauriti, perché la nostra non è una casa a prova di bambino, è piena di spigoli, tutti all’altezza giusta... (mamma architetto, impara da queste esperienze, progetta le prossime case con un occhio a chi le deve vivere e scoprire, pensa a chi deve abitarle, pensa ai bambini!)

e poi, vestita di tutto punto (meno male che non siamo di quelli che vestono le bimbe come fossero bambole... :-P)... quando ha visto la sala delle feste, tutti i bimbi che le cantavano Tanti auguri a te, i palloncini e gli addobbi...

gli occhi hanno sorriso, la bocca si è spalancata in un oh di meraviglia ed ha fatto un urletto di gioia, di quelli che solo i bimbi sanno fare!

Era la sua festa e da quel momento è stato tutto un ridere, giocare coi palloncini, ballare con gli amichetti... quando poi è arrivata la torta, ci ha guardato come dire:

 “...e la canzone non me la cantate?”,

quindi ha atteso con pazienza scalpitante che - come da copione - il coretto stonato dei bimbi, con i grandi che non andavano a tempo, terminasse di cantare, ha soffiato sulla sua candelina a forma di 1 e, soddisfatta, si è fatta ‘viva’ da sola!!!

che spettacolo!

e che splendida Piccola Meraviglia che si ritrovano mamma e papà!

Sì, forse a ripensarci, abbiamo un po’ esagerato, forse col senno di poi eravamo un po’ troppi... ma eravamo più bambini che adulti, tutti erano lì per te, per festeggiarti e per dimostrarti il loro affetto... e poi tu eri così felice...

Siamo stati felici di averti potuto regalare un festa così, siamo stati felici di vederti così felice...

Tanti auguri, Piccola Meraviglia, buon primo compleanno, ti auguriamo che nella vita tu possa essere sempre circondata dal calore dell’amicizia e dell’amore!

mamma e papà

giovedì 19 febbraio 2009

PENSIERI E PAROLE

ebbene sì

sembra proprio impossibile

sembra che il tempo sia passato in un istante, in un battito di ciglia, in uno sfrullo d’ali...

ma è già passato un anno.

Mi immaginavo che saremmo riusciti a cogliere tutti i momenti, a fotografarli, a commentarli anche su questo blog.

Poi la sera la guardiamo mentre dorme (perché è l’unico momento in cui ci permette di pensare...) e ci chiediamo: ma dove eravamo mentre lei cresceva? e il problema è che eravamo lì, accanto a lei, ma il tempo vola e ci sono troppi momenti ‘importanti’, anzi, ogni momento, ogni attimo è ‘importante’ e quindi è impossibile riuscire a fermare ogni istante, che sia sulla carta o sul web.

Ma questo anno passato con la Piccola Meraviglia è tutto impresso nella mia memoria di mamma

ogni suo sorriso

ogni pianto

ogni colore che ha riconosciuto

ogni libro sfogliato a partire dall’ultima pagina

ogni sapore che ha gustato

ogni uccellino che ha guardato mangiare briciole nel prato

ogni passo che ha fatto

ogni parola che ha detto

ogni espressione buffa sul suo musetto cicciotto

ogni suo progresso

ogni ciao-ciao con la manina

ogni bacio che ha tirato

ogni rumore che ha scoperto

ogni bambola che ha cullato

ogni volta cha ha preso il suo telefono ed ha chiamato "pa-paaaaaaaaaà"?!


tutto è quì, nella mia testolina, è vero, vivo, lo posso quasi toccare, è stampato davanti ai miei occhi come se fosse appena successo.

Non ho mai voluto credere a chi diceva che mi sarei scordata presto di tutto questo... e infatti...


E ora non mi resta che dedicarmi a questo fine settimana meraviglioso che ci aspetta, all’insegna delle corse per far sì che tutto sia perfetto

che prima di tutto la Piccola Meraviglia sia tranquilla e felice

che ogni amichetto riceva il suo regalino di ringraziamento (seguirà post dedicato)

che gli invitati trovino accogliente la sala delle feste (meno male che c'è la zia 'Mastro Lindo'...!)

che le cibarie siano proporzionate all’evento, senza esagerazioni e senza limitazioni (non riuscirò mai ad avere le idee chiare sulle quantità...!)

che dopo tanti mesi passati ad esercitarsi su ogni fiammella che le passava davanti (vera o disegnata che fosse), la Piccola Meraviglia non si dimentichi come si soffia sulla candelina (ma se poi non soffia siamo tutti felici lo stesso e ci facciamo una risata sopra...!)

che infine tutto questo rimanga sempre impresso nella nostra mente, come uno di quei momenti da non dimenticare mai!

che avventura... in bocca al lupo polepole e famiglia!

mercoledì 11 febbraio 2009

Un premio per me...?!

Questo premio me lo aveva assegnato Unika un po' di tempo fa...
... e io, vuoi perché non me lo aspettavo, vuoi perché sono così poco pratica di rete che non avevo ancora capito come si faceva a postarlo, vuoi perché alla fermata del tempo che non ho ci sono sempre tante cose che aspettano... fatto sta che non l'ho mai prelevato e fatto davvero mio.
Un premio tutto per me???
E poi a tema golosità, il mio vizio preferito...
proviamo a fare le cose per bene:
REGOLAMENTO:
Il premio "Criceto Goloso" è un riconoscimento di golosità e ghiottoneria per cui va assegnato a tutti quei blogs, le cui foto e i cui contenuti trasmettono al meglio questo messaggio.
Chi riceve il premio dovrà a sua volta nominare almeno altri 5 blogs spiegando il motivo per cui si assegna il premio ed esibire il logo creato da Laura.
Io, che viaggio ancora poco in questa rete, frequento pochi blog ma tutti parecchio viziosi, assegno questo premio - motivando la scelta dal punto di vista 'vizioso' che mi compete - a:
perché, qualsiasi cosa si metta a fare, ottiene sempre il massimo del risultato, unendo alla gola anche tutto l'amore di mamma (vedi le ricettine per l'ultimo dell'anno dei piccoli!)
perché, anche se la conosco da poco, mi sembra una che vive la vita con la giusta dose di tutti i vizi che ci vogliono... e perché ha trovato delle parole bellissime ed affascinanti per definire la cucina: "Perché qui ci si occupa di un aspetto assai importante della vita, che prevede la trasformazione della materia. Da materia a cibo. Occhio, che qui non si parla di cottura ma di cucina. Non si parla di cibo semplicemente come nutrimento, ma di cibo per godere "del peccato di gola". Qui la materia si trasforma, per generare energia, energia positiva, le ricette vengono ideate per allietarci, nutrire il corpo e lo spirito." ... e questo la dice tutta!
perché ogni volta che passo da casa sua sembra proprio di arrivare a casa e trovare la mamma indaffarata a preparare chicchi e cose buone da mangiare per coccolare tutti i suoi cari... un vizio goloso e coccoloso!
perché l'ho appena conosciuta e mi è piaciuta la semplicità da buona toscana e poi il fatto che alla semplicità della cosa toscana più buona che ci sia (il pan con l'olio) abbina un sacco di ricettine strane, esotiche, che ti fanno venire voglia di girare il mondo stando seduta a tavola... e poi perché ci vuole anche un po' di campanilismo...!
perché nel suo blog c'è un po' di Inghilterra e secondo qualcuno non c'è cucina peggiore di quella inglese (ma io ho il vizio di cercare il buono ed il positivo in tutti ed in tutto...!), perché mi basta dare un'occhiata alle sue foto spettacolari per ingrassare 10 kg, perché mi piace da morire la frase che ha messo nell'intestazione del blog!
E allora grazie Unika, perché 'sto premio mi garba proprio tanto e poi è il mio primo premio!
E ora al lavoro, per creare una ricettina che lo meriti davvero... con la cioccolata, ci giurerei!

Seduti al bar del CircoloVizioso

Seduti al bar del CircoloVizioso
Ovvero: avete tempo per una birra? Il nostro bar è nato per conservare e ricordare i tanti "posticini del cuore" che ci hanno lasciato un'emozione. Per chi ha bisogno di trovare il suo, di posticino del cuore. Per evadere 10 minuti dalla routine quotidiana, per conoscere posti che magari non avete mai visto, per fermarsi a meditare su un'immagine, per bersi una birretta ghiacciata in compagnia degli amici... Tornate quando volete, il bar è sempre aperto!

argomenti viziosi

#10minutiPerMe #miregalolentezza #OperazioneUnPassoAllaVolta 5 stelle della P.M. A caccia di felicità con album scrap A piccoli passi accidia Afrodita alla fermata del tempo che non ho amici ancora amici antidolorificomagnifico appunti di vita vissuta architetti e architetture armadi baby babyy benvenuti a tutti blog candy e give-away buone feste Caccia al tesoro caro diario cartoline Casa Cena dell'Allegra Compagnia chi l'avrebbe mai detto? cioccolata dappertutto coccole con le mani in pasta con poche parole costruire di felicità Di Semplicità Virtù Eco-sostenibile entusiasmo Fata Bislacca FataSognante e Gri-Gri Flat Stanley fotografia giochiamo? gola grazie Happy Week Art Journal HappyWeekJournal2013 i supernonni i talenti Il gioco dei vizi il marconista Il Nostro Personale Giorno del Ringraziamento il vizio di leggere il vizio di riflettere il vizio di scrivere ilcircolovizioso ingenua insegnamenti Io me stessa e me iomivizio ItaliaNostra la grande transumanza dei segnalibri La mia agenda la supernonna la vittima lavoro LeggiAmo 2013 LeggiAmo 2014 LeggiAmo 2015 Liberiamo una ricetta 2013 Liberiamo una ricetta 2014 Lista delle Cose da Fare 2015 Lussuria mare MenoStressPiùFarfalle mi vizio con... Natalia Cattelani natura nodi che vengono al pettine non ci posso credere nonna Iolanda nuove amicizie Nutella Oggi vorrei proprio essere qui oroscopo ozio parliamone parole famose PECC pensieri e parole personaggi PestiPossibili Piccola Meraviglia piccolo Che piccolo-spazio-pubblicità PIF Pippi Calzelunghe Plastic Guerrilla poesia polepole al lavoro POLUCHINA posticini del cuore premi Project 10 books raccolte Ri-Vivere Ricette per la Cena ricette rubate rivelazioni S.A.L. scatole di latta scusa sogni e bisogni storia e storie di culture diverse strani vizi Summer Manifesto 2015 superbia swap tanti auguri a te Tatti Turisti a casa propria Una Casa a Modo Mio vecchi tempi VisteRiviste vizi Voglia di Creare voglia di viaggiare voglia di... writing tuesday ZEBUK zen zibaldone

...chi ha vizi come me...

Il Vizio di Leggere

Il Vizio di Leggere
Per non perdere il vizio, nonostante le mille cose da fare, per trovare il tempo da dedicare ad una buona lettura, per scoprire nuove emozioni e sensazioni, di quelle che solo un buon libro è capace di regalare a chi lo apre con passione e curiosità.

Il vizio di riflettere

Il vizio di riflettere
... il mio modo di Guardare e non solo Vedere ciò che ci circonda...