lunedì 12 aprile 2010

Le mele al forno del Dirigibile...



Le mele renette sono la mia passione.
Anzi, lo sono le mele in generale ma per le renette ho una predilezione che viene da lontano... dall’infanzia, precisamente: tutto iniziò in un pomeriggio invernale, quando ancora la televisione era in bianco e nero e polepole, da brava bambina diligente, dopo aver fatto i compiti, si godeva il meritato riposo seduta sotto il tavolo del tinello, con una fetta di pane bagnato con lo zucchero ed una spremuta di arancia lì vicina.
La mamma intanto stirava, e il profumo dell’acqua alla lavanda con cui si inumidivano i panni per aiutarsi nelle pieghe difficili, inebriava l’aria.

Maria Giovanna Elmi insieme a nonmiricordochi giocava a cucinare coi bambini, e insieme a loro preparò queste mele al forno, ripiene di marmellata. 


I ricordi si mescolano ai profumi, le immagini dei cartoni in bianco e nero si sfumano e si fondono tra loro. La copertina del 45 giri (il disco funziona ancora perfettamente e la piccola meraviglia lo adora!), con quella luna grandissima e sorridente, è stampata anche nella mia memoria di bambina...
Da quel giorno le mele al forno le hanno preparate anche polepole e la sua mamma: e ogni volta che spargo lo zucchero di canna sulle mele, sfiocchettate di burro, ritorna alla memoria quell’aria profumata di lavanda, mele e cannella, il calore del ferro da stiro e le immagini in bianco e nero.

Le mele al forno del Dirigibile

per 4 persone:
  • 4 mele renette, belle e sode
  • 4 cucchiai di marmellata di arance amare (ma va bene di qualsiasi tipo, fidatevi!)
  • 2 cucchiai di zucchero di canna
  • qualche ricciolo di burro (se volete pensare alla prova-bikini, potete anche lasciare perdere...)
  • cannella in polvere a volontà
Come procedere:
  1. Accendete il forno a 180°
  2. Lavate le mele e lasciate loro la buccia, procuratevi un levatorsoli nel bazar più vicino e fornito della zona e forate le mele, ottenendo un incavo di almeno 1,5 cm di diametro
  3. Riempite ogni cavità con un cucchiaio di marmellata, sistemate le mele in una teglia, spolverate di zucchero di canna e qualche ricciolo di burro
  4. Mettete in forno a temperatura e lasciate cuocere per una mezz’oretta

... chevvelodicoaffare? buon appetito! (meglio se non contate le calorie, forse...)

Note:
  • Per i romantici-nostalgici: il testo della sigla cantata da Christian de Sica, quella che faceva “Trenino va trenino va...” si trova qui 
  • Qui Barbara - Mamma Felice aveva proposto una versione molto molto più light, che ho provato e apprezzato nel mio mini-periodo di ‘contenimento energetico’... (durato troppo poco, forse...)
C’è da dire ancora qualcosa in proposito: la scorsa estate, durante la mitica Caccia al Tesoro organizzata da Mamma Felice (si ripeterà anche quest’anno? che dite? proviamo a chiederglielo???), una delle tappe era proprio basata sul racconto dei nostri personali comfort-food... be’, per tutto quello che mi ricordano, per quello che il profumo di queste mele fa affiorare alla mia mente, per le sensazioni che mi danno ancor prima di averle assaggiate, ogni volta... le mele al forno del Dirigibile sono per me un po’ come le famose ‘madeleneis’ di Proust: è bello sapere che posso avere sempre a disposizione qualcosa che è capace di riportarmi indietro nel tempo, e farmi provare quella piacevole sensazione di casa, di calore, di ‘fanciullezza’...

    8 commenti:

    1. Dai, le calorie, comunque sono contenute!!!! E poi vuoi mettere, con un ricordo così, le calorie non contano più!

      RispondiElimina
    2. tesoro..che bello
      è bello leggere di queste cose..dei racconti del passato..è come riviverli con te.
      baci alla p.m.
      Antonella

      RispondiElimina
    3. Dai, qualcosa organizzeremo anche quest'estate ;)
      Servono consigli!

      RispondiElimina
    4. uhhhhhhhh che ricordi..il dirigibile...la fatina.. grazie!!!!! (e De Sica che canta Il Trenino è una chicca!!)Buona settimana

      RispondiElimina
    5. Ah, PolepollucciuccciuccinaBella, anche io sono una fan delle mele cotte, però non ricordo assolutamente nulla di quella trasmissione...i casi possono essere due: o la demenza senile precoce s'è già completamente impossessata di me, oppure (ahimè) ero già troppo grande per "guardare ancora quei programmi da piccoli"...in ogni caso le renette al forno anche per me hanno quel sapore/profumo di antico che mi riporta indietro l'anima....in tempi cari....

      Un abbraccio
      Tatti

      RispondiElimina
    6. @ fantasie: ma sì, che si fa per scherzare! Se no che circolovizioso siamo, se no esageriamo un po’???

      @ Antonella: ;-)) abbraccioni, cara, ci sentiamo presto!

      @ mammafelice: ...corrooooo!

      @ Mamma C: eh, anche tu di quei tempi, eh? ma chi non c’è passato non può capire...

      @ Tatti: no no, tu eri già a studiare ‘altri elementi importanti della vita’... mica baubaumiciomicio! ahimè, non eri ‘troppo’ grande, vista coi miei occhi di allora: eri già un mito!!! ;-))

      RispondiElimina
    7. Che bel racconto...
      E sulle calorie, non sentirti in colpa: in confronto ai tartufi al cioccolato ed al semifreddo ai marron glaces di cui ho letto stasera, il tuo post è assolutamente "light"!

      RispondiElimina
    8. mmmmmmmmmmm boooooooone, anch'io amo le mele al forno.
      Io le riempio così: 1 cucchiaino di marmellata, qualche pinolo, i cucchiaino uvetta ammollata e 1 amaretto pestato.
      Faccio una pappetta e poi le riempio.
      Non metto burro e zucchero, quindi penso che le caloria siano simili.
      Ciao, Margie

      RispondiElimina

    Grazie per aver lasciato un commento alle mie parole!
    In questo modo nell'archivio dei vizi rimarrai anche tu, con le tue parole, col tuo pensiero, con la tua mente... e magari così verrò a trovarti anche io e chissà che non ne nasca una nuova amicizia...!!!
    polepole

    Seduti al bar del CircoloVizioso

    Seduti al bar del CircoloVizioso
    Ovvero: avete tempo per una birra? Il nostro bar è nato per conservare e ricordare i tanti "posticini del cuore" che ci hanno lasciato un'emozione. Per chi ha bisogno di trovare il suo, di posticino del cuore. Per evadere 10 minuti dalla routine quotidiana, per conoscere posti che magari non avete mai visto, per fermarsi a meditare su un'immagine, per bersi una birretta ghiacciata in compagnia degli amici... Tornate quando volete, il bar è sempre aperto!

    argomenti viziosi

    #10minutiPerMe #miregalolentezza #OperazioneUnPassoAllaVolta 5 stelle della P.M. A caccia di felicità con album scrap A piccoli passi accidia Afrodita alla fermata del tempo che non ho amici ancora amici antidolorificomagnifico appunti di vita vissuta architetti e architetture armadi baby babyy benvenuti a tutti blog candy e give-away buone feste Caccia al tesoro caro diario cartoline Casa Cena dell'Allegra Compagnia chi l'avrebbe mai detto? cioccolata dappertutto coccole con le mani in pasta con poche parole costruire di felicità Di Semplicità Virtù Eco-sostenibile entusiasmo Fata Bislacca FataSognante e Gri-Gri Flat Stanley fotografia giochiamo? gola grazie Happy Week Art Journal HappyWeekJournal2013 i supernonni i talenti Il gioco dei vizi il marconista Il Nostro Personale Giorno del Ringraziamento il vizio di leggere il vizio di riflettere il vizio di scrivere ilcircolovizioso ingenua insegnamenti Io me stessa e me iomivizio ItaliaNostra la grande transumanza dei segnalibri La mia agenda la supernonna la vittima lavoro LeggiAmo 2013 LeggiAmo 2014 LeggiAmo 2015 Liberiamo una ricetta 2013 Liberiamo una ricetta 2014 Lista delle Cose da Fare 2015 Lussuria mare MenoStressPiùFarfalle mi vizio con... Natalia Cattelani natura nodi che vengono al pettine non ci posso credere nonna Iolanda nuove amicizie Nutella Oggi vorrei proprio essere qui oroscopo ozio parliamone parole famose PECC pensieri e parole personaggi PestiPossibili Piccola Meraviglia piccolo Che piccolo-spazio-pubblicità PIF Pippi Calzelunghe Plastic Guerrilla poesia polepole al lavoro POLUCHINA posticini del cuore premi Project 10 books raccolte Ri-Vivere Ricette per la Cena ricette rubate rivelazioni S.A.L. scatole di latta scusa sogni e bisogni storia e storie di culture diverse strani vizi Summer Manifesto 2015 superbia swap tanti auguri a te Tatti Turisti a casa propria Una Casa a Modo Mio vecchi tempi VisteRiviste vizi Voglia di Creare voglia di viaggiare voglia di... writing tuesday ZEBUK zen zibaldone

    ...chi ha vizi come me...

    Il Vizio di Leggere

    Il Vizio di Leggere
    Per non perdere il vizio, nonostante le mille cose da fare, per trovare il tempo da dedicare ad una buona lettura, per scoprire nuove emozioni e sensazioni, di quelle che solo un buon libro è capace di regalare a chi lo apre con passione e curiosità.

    Il vizio di riflettere

    Il vizio di riflettere
    ... il mio modo di Guardare e non solo Vedere ciò che ci circonda...