giovedì 17 marzo 2011

Sono felice così come sono!

Questo post di Daniela de Il coltello di banjas mi ha fatto riflettere. 
Molto.
E questo è già un bel passo avanti.
[attenzione: post lungolungolungo...]

Dopo aver passato uno splendido fine settimana, pieno zeppo di affetto e di contatti umani (e poi parleremo anche di questo... :)), ho letto le parole di Daniela, sempre così semplici e sincere, e ho ripensato a quello che mi è accaduto qualche settimana fa.

Mi è capitato - il tutto concentrato in una sola settimana e in modo assolutamente casuale - di incontrare vecchi compagni di università, colleghi di lavoro di vecchia data, compagni di scuola delle medie, addirittura. E poi ho partecipato ad una bellissima e divertentissima Cena dei Ricordi, con i ragazzi della prima superiore, quasi tutti dispersi perché a giugno la classe fu letteralmente dimezzata!

Sono personalmente convinta che le cose accadano solo per caso, che non ci sia un disegno nascosto dietro a tutto ciò che accade ogni giorno nella nostra vita. Ma credo anche che dobbiamo essere NOI a leggere tra le righe, a cogliere i significati, ad apprezzare ed utilizzare quello che ci capita e gli spunti di riflessione che ne vengono.


E i fatti e gli incontri di quella settimana mi hanno fatto riflettere su quanto davvero io sia felice così come sono. Con tutti i miei tanti difetti. E anche coi miei piccoli pregi (che qualcuno ce ne ho, suvvia!)
Nonostante io debba (come la maggior parte delle persone che conosco) lottare con le bollette e discutere ogni giorno per quello che faccio e per come lo faccio, nonostante i piccoli inciampi nel percorso, nonostante le paure e i timori, nonostante quella sensazione che ogni tanto mi prende...
Le persone che ho rivisto in questi giorni hanno avuto una vita diversa dalla mia, alcuni di loro, laureati a pieni voti e in tempi 'quasi normali', si sono poi duramente scontrati con la verità di una università che non ti insegna a lavorare. E sono scontenti di quello che fanno ora, perché hanno dovuto virare e modificare le loro grandi ambizioni e si sono dovuti accontentare di 'un lavoretto' che non era il loro sogno. E si arrovellano il cervello, pensando solo a questo e non ad altro.
Altri, avventurosi pionieri, stanno viaggiando in lungo e in largo per l'Italia, alle prese con idee brillanti già realizzate e da realizzare ma... non hanno altro che quello. E l'hanno realizzato solo ora.
Alcuni poi si lamentano che non guadagnano abbastanza per quanto lavorano (e non hanno mica torto...)
Altri ancora lavorano, hanno figli, consorte, casa, sì, ma...


Il comun denominatore di tutti quanti, insomma, sembra essere la lamentela. Il non essere soddisfatti di quello che hanno perché vorrebbero di più. O di meno. O perché vorrebbero qualcosa di diverso da quello che hanno.


E va bene, se uno vuole lo trova sempre un motivo buono per lamentarsi.
Se uno vuole.


Io ho quello che ho e certo non è tantissimo, a livello materiale.
Nonostante questo non cambierei una virgola di tutte le scelte che ho fatto finora. E sono orgogliosa di essere felice così come sono.
Ho fatto errori che rifarei pari pari, perché da quegli errori ho imparato ad evitare di rifarne. Ho allungato certi tempi e ne ho affrettati altri. Ho fatto ogni volta quello che sentivo fosse il meglio in quel momento per me e per chi mi stava intorno. Certo, mi adoprerò per migliorare, per ridurre i miei difetti, per valorizzare i miei pregi. E sbaglierò ancora, ne sono certa, perché è normale che sia così. Ma lo farò sempre nella certezza di essere nel giusto. In buona, buonissima fede.
Perché quello che ho è frutto di quello che sono riuscita ad ottenere con la mia forza e col mio lavoro.
Quello che ho non lo misuro (e non l'ho mai misurato) in denaro o in titoli. 
Quello che ho lo vedo guardandomi allo specchio ogni mattina, osservando dal di fuori la mia casetta, le piccole cose e il grande amore che accoglie. 
Quello che ho sono i capelli che si tingono d'argento, la certezza che ogni bacio dato alle persone che amo è dato come fosse l'unico che posso dar loro, la voglia di mettermi in discussione ogni volta che c'è un problema.


E se lo scrivo, qui, ora, non è ovvietà, non è luogo comune. 
E' il sincero e sereno pensiero di chi si accorge di quanta felicità abbiamo a disposizione, solo a volerla vedere.

7 commenti:

  1. Hai proprio ragione Pole è proprio bello quello che scrivi, anche io nonostante tutto sono felice come sono, non potremo mai avere tutto ma bisogna anche gioire di tutto quello che abbiamo. Buona serata.

    RispondiElimina
  2. verissimo Pole Pole. Io sono molto in sintonia con il tuo modo di vedere le cose e la vita....

    RispondiElimina
  3. questo post mi è piaciuto molto...è vero...la maggior parte delle persone sono insoddisfatte.....invece è bellissimo apprezzare ciò che si ha....e ciò che si è stati....siamo caduti e ci siamo rialzati e...penso che nulla sia più soddisfacente....un bacione
    Annamaria

    RispondiElimina
  4. Essere insoddisfatti e lamentarsi è un lato umano che tutti hanno...
    Vedere oltre queste delusioni e gioire per quello che si ha o che si sta facendo è una sfaccettatura preziosa della nostra anima, non è da tutti riuscire a trovarla dentro di se!
    Brava Pole, vai avanti così dando baci che sanno di cuore e di vaniglia...

    RispondiElimina
  5. Ciao cara!

    Devo dire che sono moooolto d'accordo con la nostra ZUCCHINA in linea di massima...anche se io per filosofia di vita amo più guardare alla "vita" stessa.

    Un abbraccio GRANDE! ;o) NI

    RispondiElimina
  6. Condivido appieno quello che hai detto e anche mentre guardo la mia figlia e la mia casa mutuata, ritengo di avere un tesoro inestimabile. Ma io più passa il tempo e più penso che un grande errore nella mia vita l'ho fatto e tu puoi immaginare quale. Una ferita che difficilmente si potrà dimenticare! TVB

    RispondiElimina
  7. bisogna sempre vivere pienamente quello che si ha...ora e subito senza crearsi troppe aspettative!!!!!! la vita vera è fatta di poche e semplici cose!
    Anche a me piaci come SEI...
    ;)

    RispondiElimina

Grazie per aver lasciato un commento alle mie parole!
In questo modo nell'archivio dei vizi rimarrai anche tu, con le tue parole, col tuo pensiero, con la tua mente... e magari così verrò a trovarti anche io e chissà che non ne nasca una nuova amicizia...!!!
polepole

Seduti al bar del CircoloVizioso

Seduti al bar del CircoloVizioso
Ovvero: avete tempo per una birra? Il nostro bar è nato per conservare e ricordare i tanti "posticini del cuore" che ci hanno lasciato un'emozione. Per chi ha bisogno di trovare il suo, di posticino del cuore. Per evadere 10 minuti dalla routine quotidiana, per conoscere posti che magari non avete mai visto, per fermarsi a meditare su un'immagine, per bersi una birretta ghiacciata in compagnia degli amici... Tornate quando volete, il bar è sempre aperto!

argomenti viziosi

#10minutiPerMe #miregalolentezza #OperazioneUnPassoAllaVolta 5 stelle della P.M. A caccia di felicità con album scrap A piccoli passi accidia Afrodita alla fermata del tempo che non ho amici ancora amici antidolorificomagnifico appunti di vita vissuta architetti e architetture armadi baby babyy benvenuti a tutti blog candy e give-away buone feste Caccia al tesoro caro diario cartoline Casa Cena dell'Allegra Compagnia chi l'avrebbe mai detto? cioccolata dappertutto coccole con le mani in pasta con poche parole costruire di felicità Di Semplicità Virtù Eco-sostenibile entusiasmo Fata Bislacca FataSognante e Gri-Gri Flat Stanley fotografia giochiamo? gola grazie Happy Week Art Journal HappyWeekJournal2013 i supernonni i talenti Il gioco dei vizi il marconista Il Nostro Personale Giorno del Ringraziamento il vizio di leggere il vizio di riflettere il vizio di scrivere ilcircolovizioso ingenua insegnamenti Io me stessa e me iomivizio ItaliaNostra la grande transumanza dei segnalibri La mia agenda la supernonna la vittima lavoro LeggiAmo 2013 LeggiAmo 2014 LeggiAmo 2015 Liberiamo una ricetta 2013 Liberiamo una ricetta 2014 Lista delle Cose da Fare 2015 Lussuria mare MenoStressPiùFarfalle mi vizio con... Natalia Cattelani natura nodi che vengono al pettine non ci posso credere nonna Iolanda nuove amicizie Nutella Oggi vorrei proprio essere qui oroscopo ozio parliamone parole famose PECC pensieri e parole personaggi PestiPossibili Piccola Meraviglia piccolo Che piccolo-spazio-pubblicità PIF Pippi Calzelunghe Plastic Guerrilla poesia polepole al lavoro POLUCHINA posticini del cuore premi Project 10 books raccolte Ri-Vivere Ricette per la Cena ricette rubate rivelazioni S.A.L. scatole di latta scusa sogni e bisogni storia e storie di culture diverse strani vizi Summer Manifesto 2015 superbia swap tanti auguri a te Tatti Turisti a casa propria Una Casa a Modo Mio vecchi tempi VisteRiviste vizi Voglia di Creare voglia di viaggiare voglia di... writing tuesday ZEBUK zen zibaldone

...chi ha vizi come me...

Il Vizio di Leggere

Il Vizio di Leggere
Per non perdere il vizio, nonostante le mille cose da fare, per trovare il tempo da dedicare ad una buona lettura, per scoprire nuove emozioni e sensazioni, di quelle che solo un buon libro è capace di regalare a chi lo apre con passione e curiosità.

Il vizio di riflettere

Il vizio di riflettere
... il mio modo di Guardare e non solo Vedere ciò che ci circonda...