giovedì 28 aprile 2011

Regalami un libro! Il libro ricevuto


Fase A del racconto.
[Nel frattempo il libro che ho spedito io non è ancora arrivato... ma aspetto, aspetto ancora, in fondo tra feste e chilometri, un po' di strada da fare ce l'aveva... ;)]

Vi ricordate di Regalami un libro? Era la nostra proposta per raccontare un pezzettino di noi attraverso le pagine di un libro che ci aveva in qualche modo avvicinato alla lettura... uno swap a sorpresa, nel senso che non si sapeva da chi avremmo ricevuto il nostro regalo.
E' stato davvero coinvolgente seguire sul nostro ZeForum le ansie e i dubbi di chi partecipava, sulla possibilità che l'abbinata avesse già una copia del libro che avevamo scelto, sulla possibilità che l'avesse già letto, sull'eventualità che non le fosse piaciuto... alla fine però ne è uscita un'ennesima wish-list, un sacco di titoli interessanti di cui parleremo, pian pianino...


Intanto vi racconto il libro che mi è arrivato giusto ieri: L'igiene dell'assassino, di Amélie Nothomb (non sarà una recensione, però: per quella ormai il referente è Zebuk...)
Me lo ha spedito Daniela (mille grazie Daniela!!!) e... sono proprio curiosa di conoscere le sue motivazioni... ;)


Per quanto mi riguarda, ho appena conosciuto Amélie Nothomb, una giovane scrittrice con già un bel bagaglio di scritti sulle spalle. Una persona 'particolare', con un modo di scrivere provocatorio, acido, crudo e violento. Ma che mi ha attratto da subito, per quel suo modo coinvolgente, per i dialoghi, per le parole che usa.
L'igiene dell'assassino è il suo primo romanzo, pubblicato nel 1992. Si parla degli ultimi giorni di un famosissimo scrittore premio Nobel per la Letteratura - di quelli che mai si concedono al pubblico - e delle interviste che rilascia a quattro selezionatissimi giornalisti.
Lo sto già leggendo, insieme ad altri due... ;) e vi lascio, per ora, con alcune delle parole che mi hanno colpito di più:
"[...] – Però è affascinante sentire uno scrittore parlare della sua creazione, dire come, perché e contro che cosa scrive.
– Se uno scrittore riesce ad essere affascinante a questo riguardo, ci sono solo due possibilità: o ripete ad alta voce quello che ha scritto nel suo libro, e allora è un pappagallo; o spiega cose interessanti di cui non ha parlato nel suo libro, nel qual caso il detto libro è un fallimento perché non basta a se stesso. [...]"

... Ok, ok, prometto che nelle prossime interviste ai nuovi autori non chiederò mai loro di parlare del libro che hanno scritto...! :D

Grazie ancora Daniela! Un perfetto regalo di compleanno, il tuo!!! :D

3 commenti:

  1. Io ho ricevuto ma il mio mi sa che non è ancora arrivato. Ho letto di Amelie Diario di rondine, ma non lo ho apprezzato molto, diciamo che non è il mio genere.

    RispondiElimina
  2. Poi mi dici com'è questo libro che vorrei leggerlo?
    Io stamattina sulla metro ho iniziato e finito Stupore e tremori (era una rilettura, la prima l'avevo fatta dal francese)...e ho riso (ma in effetti a pensarci c'era ben poco da ridere).

    RispondiElimina
  3. Mah, ragazze... è veramente strano!
    Un modo di scrivere così acido, il suo... però mi ha preso, come mi prendono tutti quelli che fanno provocazione.
    Quelli che sanno farla in un certo modo, diciamo così.
    Per ora.
    Poi vi aggiornerò... :)

    RispondiElimina

Grazie per aver lasciato un commento alle mie parole!
In questo modo nell'archivio dei vizi rimarrai anche tu, con le tue parole, col tuo pensiero, con la tua mente... e magari così verrò a trovarti anche io e chissà che non ne nasca una nuova amicizia...!!!
polepole

Seduti al bar del CircoloVizioso

Seduti al bar del CircoloVizioso
Ovvero: avete tempo per una birra? Il nostro bar è nato per conservare e ricordare i tanti "posticini del cuore" che ci hanno lasciato un'emozione. Per chi ha bisogno di trovare il suo, di posticino del cuore. Per evadere 10 minuti dalla routine quotidiana, per conoscere posti che magari non avete mai visto, per fermarsi a meditare su un'immagine, per bersi una birretta ghiacciata in compagnia degli amici... Tornate quando volete, il bar è sempre aperto!

argomenti viziosi

#10minutiPerMe #miregalolentezza #OperazioneUnPassoAllaVolta 5 stelle della P.M. A caccia di felicità con album scrap A piccoli passi accidia Afrodita alla fermata del tempo che non ho amici ancora amici antidolorificomagnifico appunti di vita vissuta architetti e architetture armadi baby babyy benvenuti a tutti blog candy e give-away buone feste Caccia al tesoro caro diario cartoline Casa Cena dell'Allegra Compagnia chi l'avrebbe mai detto? cioccolata dappertutto coccole con le mani in pasta con poche parole costruire di felicità Di Semplicità Virtù Eco-sostenibile entusiasmo Fata Bislacca FataSognante e Gri-Gri Flat Stanley fotografia giochiamo? gola grazie Happy Week Art Journal HappyWeekJournal2013 i supernonni i talenti Il gioco dei vizi il marconista Il Nostro Personale Giorno del Ringraziamento il vizio di leggere il vizio di riflettere il vizio di scrivere ilcircolovizioso ingenua insegnamenti Io me stessa e me iomivizio ItaliaNostra la grande transumanza dei segnalibri La mia agenda la supernonna la vittima lavoro LeggiAmo 2013 LeggiAmo 2014 LeggiAmo 2015 Liberiamo una ricetta 2013 Liberiamo una ricetta 2014 Lista delle Cose da Fare 2015 Lussuria mare MenoStressPiùFarfalle mi vizio con... Natalia Cattelani natura nodi che vengono al pettine non ci posso credere nonna Iolanda nuove amicizie Nutella Oggi vorrei proprio essere qui oroscopo ozio parliamone parole famose PECC pensieri e parole personaggi PestiPossibili Piccola Meraviglia piccolo Che piccolo-spazio-pubblicità PIF Pippi Calzelunghe Plastic Guerrilla poesia polepole al lavoro POLUCHINA posticini del cuore premi Project 10 books raccolte Ri-Vivere Ricette per la Cena ricette rubate rivelazioni S.A.L. scatole di latta scusa sogni e bisogni storia e storie di culture diverse strani vizi Summer Manifesto 2015 superbia swap tanti auguri a te Tatti Turisti a casa propria Una Casa a Modo Mio vecchi tempi VisteRiviste vizi Voglia di Creare voglia di viaggiare voglia di... writing tuesday ZEBUK zen zibaldone

...chi ha vizi come me...

Il Vizio di Leggere

Il Vizio di Leggere
Per non perdere il vizio, nonostante le mille cose da fare, per trovare il tempo da dedicare ad una buona lettura, per scoprire nuove emozioni e sensazioni, di quelle che solo un buon libro è capace di regalare a chi lo apre con passione e curiosità.

Il vizio di riflettere

Il vizio di riflettere
... il mio modo di Guardare e non solo Vedere ciò che ci circonda...