giovedì 16 giugno 2011

Come ti sistemo Betty Boop...

Betty Boop nel cartone Poor Cinderella, 1934 [fonte: Wikipedia]
Qui urge l'esperienza e la sapienza delle creative con le mani fatate che passano da queste parti! Betty ha bisogno di voi...

L'antefatto
Il maritino (strano ma vero!) mi ha ordinato di comprare una borsa nuova, che la vecchia ha già dato tutto il possibile, e andava sostituita già da un po'. Solo che io non avevo proprio cuore di buttarla, la mia Betty. 
Lei, che ho fatto mia in un attimo di follia, quando - uscita per far compere urgenti per la PM appena appena nata - la vidi da dietro la vetrina del negoziettochevendetutto e... fu amore!

Come la salviamo Betty?
La soluzione
Ora, so che questo passo s'ha da fare. Lo so. I manici sono usurati, i bordi strappati, la mia mania di riempire finché ci sta l'ha sformata in tutti i sensi...
Ma Betty se ne sta lì col basco rosso, e strizza l'occhio a Londra, e... e come si fa a gettarla via?

Devo solo trovare il modo di recuperarla e riutilizzarla, per tenerla ancora con me, per fare ancora strada insieme, finché ce n'è, finché si può.

La missione
Ho bisogno di voi, di voi creative, di voi artigiane con le mani preziose, di voi che sapete di sicuro come fare per salvarla: suggerimenti, consigli, link che non ho ancora trovato... quello che volete! La missione è il salvataggio, il recupero di Betty in tutto il suo splendore.
Ma attenzione: deve essere un recupero fattibile per una squinternata del fai da te come polepole. Quindi qualcosa di semplice, che non preveda cuciture a macchina (perché la singer di mammà potrebbe mollarmi a metà strada!), che sia utile e via dicendo...

Le caratteristiche del pezzo
Trattasi di borsa a bauletto in fintissima pelle finta, con stampa della Betty sul fronte e manici applicati con cuciture (e qui ti voglio, che non posso toglierli che si vede il rattoppo e se li lascio li devo mascherare in qualche modo, che son tutti consumati!).
Il resto della borsa penso di recuperarlo: la cerniera è sempre in buono stato, i ganci laterali pure, il rivestimento interno perfetto.
Le dimensioni: 26x19x12 cm


Ora ditemi, o creature dalle mani fatate: come la sistemiamo Betty Boop?

14 commenti:

  1. non so aiutarti... la borsa è proprio bella....spero però arrivi qualcuna a risolvere il mistero!
    (oppure chiamiamo sandrino? ;P... per chi non lo segue... intendo il cartone con i magnifici disegni di scarry... che guardo con mia figlia e che mi ricorda i libri che avevo, forse ho ancora, da bambina!)
    bacioooooo

    RispondiElimina
  2. Di primo acchito mi verrebbe da dirti, ritaglia Betty e applicala su una nuova borsa di tela, ma tu hai messo il veto al cucito perciò... eh... ci devo pensà! ;)
    ... e se rivesti solo i manici con la stoffa? Il fatto è che bisognerebbe averla fra le mani per capire bene come procedere...
    :(

    RispondiElimina
  3. Anche a me su due piedi non viene in mente niente, spero che qualcun altro riesca ad aiutarti...

    RispondiElimina
  4. Non ho capito...
    Tu vorresti:
    A) aggiustare o risistemare la borsa in modo che non si veda più che è consunta, ma utilizzare ancora quella finché non si disintegra a livello molecolare
    B) staccare la figura di Betty Boop ed usare solo quella per decorare una borsa nuova
    C) usare la figura di Betty Boop per fare qualcos'altro (decorare un altro oggetto o farne un quadro da appendere)
    Qual è la risposta corretta?

    Dubito che si possa fare A, se la borsa è consunta come dici, o comunque richiederebbe una certa perizia che io non ho (e forse nemmeno tu)... Hai pensato a portarla da un professionista?

    Nei casi B o C, per non vedere i buchi lasciati dalle cuciture dei manici puoi ritagliare la figura in forma vagamente triangolare o trapezoidale o a nuvoletta o simili, oppure coprire le magagne con applicazioni decorative che sembrino far parte del disegno (tipo ghirigori analoghi allo sfondo, delle nuvole o un aereo che passa, fumetti con parole pronunciate da Betty...)

    Per il resto concordo con Beta, bisognerebbe averla in mano per capire cosa si può fare e cosa no.

    Anche se "applicare sulla stoffa" non è detto che significhi cucire: ci sono colle e biadesivi specifici, o anche borchie e rivetti! La sparapunti però stavolta non mi sembra il caso... :D

    RispondiElimina
  5. TESORAAAAAAA...

    Sinceramente convengo con Beta.

    Anche a me la prima cosa che è venuta in mente è stata quella di ritagliarla...mappoi i manici?

    L'alternativa è un ottimo collante per TOMAIE!

    Quale ad esempio: "Collaprene".

    Dove si compra?
    In ottimi negozi per calzolai.

    Come si incolla?
    Praticamente è un mastice...poi, non la scolli più...fodera e manici...

    Rifletti sulla soluzione di usare Betty come fosse un foglio per decoupage! ;o)

    Sennò...chiamiamo Tattina dei nostri cuori...ingaggiamo la nostra Betty (una mia amica a cui lei ha fatto pure la dedica) e sentiamo cosa ci sa sfornare!;o)

    Ti strabacio dolcissssssssima...INTERNOS: la mail a breve!

    Smuakkkkkkkkete! NI

    RispondiElimina
  6. Chiedo venia e perdono, se appaio solo ora ora, sotto forma di commento, con te che sei sempre molto carina...sorry, sorry davvero!
    Per il tuo quesito, l'ottimale sarebbe stato uno scatto fotografica della tua disperat-bag :-)
    Comunque mi trovo abbastanza in linea con Beta e Nives.
    In alternativa ti propongo dello scotch telato (non so se i manici siano neri, ma c'è anche rosso). Lo dovresti avvolgere attorno, avendo cura di non fare grinze.
    Oppure compri del filo di cotone in tinta coi manici, e lo giri attorno agli stessi (tipo "worms" di Kinà o "filo magico" della Cerri).
    Ti abbraccio, e mi scuso ancor :-)
    elenita°*°

    RispondiElimina
  7. sììì lo scotch che si usa per rivestire i manici delle racchette da tennis che ideona!

    RispondiElimina
  8. Ditemi voi perché arriva un commento sì e un altro no sulla mail... :( ... sarà il caldo che si fa finalmente sentire anche qui?

    E allora rispondo a tutte qui: probabilmente farò così, ritaglierò la mia Betty (x Elena: la disperat-bag è quella della seconda foto...) e userò uno di quei sistemi che avete indicato, tra lo scotch telato di Elena e la colla della Ni'... e magari qualcosa da aggiungere a mano, chi lo sa? però non mi sarebbe dispiaciuto averla con me in un'altra forma... che so, ripiegata a mo' di portafogli? oppure sulla copertina di un album per le foto dell'anno passato? o... boh?!
    ci penserò, ancora e ancora...

    Certo che... mumble mumble... :)

    RispondiElimina
  9. io, una borsa così me la terrei esattamente com'è: bella consumata, ricordo di mille battaglie, corse contro il tempo e giornate passate fuori casa... Magari la manderei un pò "in pensione" utilizzandola per altri scopi, ad esempio, sul ripiano di un armadio come porta foulard, porta calze o porta cinture, per esempio... un abbraccio

    RispondiElimina
  10. polpole, ti abbraccio e ti auguro una buona giornata!

    RispondiElimina
  11. arriva l'espertona di recuperi (è una battuta nè..): questa borsa va tenuta esattamente com'è! certi tipi di borse più sono consumate meglio è, magari farai attenzione a non riempirla e a limitare le sue uscite, alternandola con un'altra (nuova) e capientissima.
    mi è anche saltata in testa un'altra idea (che, tanto per cambiare non saprei come realizzare, ma su questo ti aiuternno le esperte ciapinatrici): un porta riviste! la appendi ad una parete lasciando la cerniera aperta e ci butti dentro le tue riviste preferite, oppure come porta vaso da mettere in terrazzo. lo so che senza e mie idee non puoi stare, lo so...

    RispondiElimina
  12. @ lizzy e @ luciebasta: ma quanto vi adoro, voi due?

    E' deciso. Finirà in uno di questi modi. E lo saprete, presto.
    Ma... sshhht! Non ditelo al maritino: gli ho già giurato di averla buttata via... ;)

    RispondiElimina
  13. Prendi un taglierino, ritaglia la Betty, butta tutto il resto e scendi giù immediatamente a buttare la busta nel cassoneto. La Beetti invece la: appiattisci tra due volumi dell' enciclopedia che non usi mai, magari avvolta in carta velina oppure se ci entra la infili in una busta da foglio e la infili nel cassetto con le carte del mutuo e il testamento se ce l' hai.

    Lasciala lì fino a che non ti viene l' idea geniale, intanto compra un' altra borsa.

    Al prossimo trasloco si perde e non ci pensi più ma intanto non hai sofferto e hai rimandato.

    Ti potrei dire: fattici alcune foto per ricordo e buttala, ma tu volevi la soluzione creativa, no?

    Butta e considerala una roba terapeutica, soffrici il giusto e poi passa ad altro. Poi fra un mese ci racconti come stai, guarda che ti scrivo eh?

    RispondiElimina
  14. ohhhh anche io ho tante borse che aspettano una nuova vita....(senza betty boop!) ma concordo con chi ti ha consigliato di tenerla com'è e metterci riviste o cose all'interno dell'armadio...tanto è tuo personale, il marito mica ci sbircerà dentro!! :)

    RispondiElimina

Grazie per aver lasciato un commento alle mie parole!
In questo modo nell'archivio dei vizi rimarrai anche tu, con le tue parole, col tuo pensiero, con la tua mente... e magari così verrò a trovarti anche io e chissà che non ne nasca una nuova amicizia...!!!
polepole

Seduti al bar del CircoloVizioso

Seduti al bar del CircoloVizioso
Ovvero: avete tempo per una birra? Il nostro bar è nato per conservare e ricordare i tanti "posticini del cuore" che ci hanno lasciato un'emozione. Per chi ha bisogno di trovare il suo, di posticino del cuore. Per evadere 10 minuti dalla routine quotidiana, per conoscere posti che magari non avete mai visto, per fermarsi a meditare su un'immagine, per bersi una birretta ghiacciata in compagnia degli amici... Tornate quando volete, il bar è sempre aperto!

argomenti viziosi

#10minutiPerMe #miregalolentezza #OperazioneUnPassoAllaVolta 5 stelle della P.M. A caccia di felicità con album scrap A piccoli passi accidia Afrodita alla fermata del tempo che non ho amici ancora amici antidolorificomagnifico appunti di vita vissuta architetti e architetture armadi baby babyy benvenuti a tutti blog candy e give-away buone feste Caccia al tesoro caro diario cartoline Casa Cena dell'Allegra Compagnia chi l'avrebbe mai detto? cioccolata dappertutto coccole con le mani in pasta con poche parole costruire di felicità Di Semplicità Virtù Eco-sostenibile entusiasmo Fata Bislacca FataSognante e Gri-Gri Flat Stanley fotografia giochiamo? gola grazie Happy Week Art Journal HappyWeekJournal2013 i supernonni i talenti Il gioco dei vizi il marconista Il Nostro Personale Giorno del Ringraziamento il vizio di leggere il vizio di riflettere il vizio di scrivere ilcircolovizioso ingenua insegnamenti Io me stessa e me iomivizio ItaliaNostra la grande transumanza dei segnalibri La mia agenda la supernonna la vittima lavoro LeggiAmo 2013 LeggiAmo 2014 LeggiAmo 2015 Liberiamo una ricetta 2013 Liberiamo una ricetta 2014 Lista delle Cose da Fare 2015 Lussuria mare MenoStressPiùFarfalle mi vizio con... Natalia Cattelani natura nodi che vengono al pettine non ci posso credere nonna Iolanda nuove amicizie Nutella Oggi vorrei proprio essere qui oroscopo ozio parliamone parole famose PECC pensieri e parole personaggi PestiPossibili Piccola Meraviglia piccolo Che piccolo-spazio-pubblicità PIF Pippi Calzelunghe Plastic Guerrilla poesia polepole al lavoro POLUCHINA posticini del cuore premi Project 10 books raccolte Ri-Vivere Ricette per la Cena ricette rubate rivelazioni S.A.L. scatole di latta scusa sogni e bisogni storia e storie di culture diverse strani vizi Summer Manifesto 2015 superbia swap tanti auguri a te Tatti Turisti a casa propria Una Casa a Modo Mio vecchi tempi VisteRiviste vizi Voglia di Creare voglia di viaggiare voglia di... writing tuesday ZEBUK zen zibaldone

...chi ha vizi come me...

Il Vizio di Leggere

Il Vizio di Leggere
Per non perdere il vizio, nonostante le mille cose da fare, per trovare il tempo da dedicare ad una buona lettura, per scoprire nuove emozioni e sensazioni, di quelle che solo un buon libro è capace di regalare a chi lo apre con passione e curiosità.

Il vizio di riflettere

Il vizio di riflettere
... il mio modo di Guardare e non solo Vedere ciò che ci circonda...