giovedì 13 ottobre 2011

Parliamone: "io non sono razzista ma..."


Ecco, questa è proprio una di quelle cose che mi fanno uscire dai gangheri. 
La classica uscita di chi razzista ci è nell'anima. E non ditemi di no. Rischio di scatenare una polemica ma questo proprio non l'accetto.

Situazione: attendo paziente la bidella per ritirare i miei bravi buoni-pasto*; lei ha da fare, sì, tra i bambini che arrivano col pulmino e le maestre che le chiedono mille cose.
E' una tipa simpatica, la bidella. Una di una certa età, coi capelli corti e la faccia tonda e allegra.
E non ditemi che si chiama "operatrice scolastica", perché a me sta più simpatica se la chiamo così: è una di quelle figure della mia bellissima infanzia che non voglio scordare, e io 'bidella' non l'ho mai visto come un dispregiativo.

Insomma, arriva un ragazzo, probabilmente tunisino, che molto educatamente chiede, in un non perfetto (ma comprensibilissimo) italiano, se il pulmino è già passato e se l'autista ha lasciato qualcosa per lui.
La bidella scrolla la testa: "io non ho capito niente di quel che hai detto". Si gira dall'altra parte.
Il ragazzo mi guarda sconsolato. 
Allora lo spiego io, alla bidella: la sua bimba, il giorno prima, ha dimenticato lo zainetto sul pulmino e lui aveva cortesemente chiesto di lasciarglielo a scuola, di farglielo riavere, per piacere (sue parole).
Ma la bidella fa orecchie da mercante, lei non sa niente, non ha visto niente e non può sapere tutto quello che succede.
"Che vada a sentire al parcheggio dei pulmini", dice rivolta a me, con l'acidità che le è arrivata alle stelle.
Il ragazzo, che comprende l'italiano, ringrazia e se ne va.

Io aspetto ancora i miei buoni pasto, le faccio vedere il bollettino pagato e lei, la bidella, mi risponde: "ah, io non sono razzista, eh, ma questi arrivano qua, prepotenti come sono, e vorrebbero che tutti ascoltassero solo loro e le loro lamentele e noi che stiamo a lavorare e loro invece sono a giro a non fare niente e io non sono razzista ma certa gente proprio dovrebbe starsene a casa sua".

Mi viene dal cuore di risponderle che non mi sembrava fosse stato tanto prepotente, il ragazzo, che le ha chiesto gentilmente e per piacere se fosse possibile rintracciare l'autista, che ha ringraziato... (e non mi sono dilungata troppo sul fatto che lei avesse avuto un comportamento molto maleducato e arrogante e presuntuoso e incivile)
Ma la bidella risponde che "lei non è razzista, sono loro che..."

Spero solo che fosse inacidita da altre sue questioni personali, quel giorno, la bidella.

(ah, lo sapete? la PM mangia al "rittorante dellaccuola" ed è ben contenta di farlo!!!)

3 commenti:

  1. proprio ieri pensavo a me cercando di mettermi in discussione sui miei pregiudizi...ma questa è un'altra storia...
    Ti dico solo che mentre aspettavo di essere chiamata per uno stage in una ong (no dico ONG, diritti umani, integrazione ecc tanto per chiarire meglio il seguito) ho lavorato in un negozio vicino piazza Vittorio a Roma, non so se hai presente, è considerata una periferia al centro di Roma che a partire da Veltroni cercavano di riqualificare senza snaturarla dalla presenza di molti stranieri, anzi considerandolo valore aggiunto ecc... Cmq io lavoravo li, facevo le pulizie, la spesa per la titolare, mi occupavo di qualche cliente (quelli stranieri che mi chiedeva di cacciare ed io indirizzavo in negozi migliori :'( ) e portavo l'incasso settimanale in banca proprio sotto i portici di piazza Vittorio. Insomma tre mesi infernali, in cui tornavo a casa piangendo per il modo in cui parlava degli immigrati e arrabbiata per come leccava il culo a certi cinesi coi soldi. Io provavo a parlargli ma ero solo la ragazzina cattolica piena di buone intenzioni che non conosce la vita...che frustrazione a ripensarci. Ovviamente lei non è razzista sono loro che sono di un'altra razza...grrrr....

    RispondiElimina
  2. E' questo il punto.
    SONO LORO, IL PROBLEMA.

    E non parlo degli immigrati, parlo delle persone che si chiudono come ricci appena avvistano da lontano una faccia appena appena diversa dalla loro.
    Tranne quando la stessa faccia si presenta con la copia dell'estratto conto, allora tutto va bene, tutto è perfetto, tutto è speciale e peace & love e vojamocibbene.

    Di storie così ce ne saranno a quintali, come quella della tizia con la puzza sotto il naso che si fa costruire il palazzo con tanti appartamenti, "da affittare esclusivamente a persone italiane, perché con quegli altri si sa come va a finire"
    E lo sapete come è andata a finire? che li ha affittati davvero solo a italiani, "per carità, non gente del sud, eh"
    E però ancora aspetta di riscuotere gli affitti, è in causa con tre per una serie di danni e il suddetto palazzo è diventato il simbolo dell'inciviltà in tutto il paese.
    E meno male che ci abitano solo italiani.

    RispondiElimina
  3. Cara Pole... Come stai? E la panza??? Quanto manca ancora???
    In quanto all'argomento trattato, non basterebbero tonnellate di parole per descrivere certe situazioni a cui a tutti è capitato di assistere.
    Dico solo che è molto più facile essere "razzisti" che "comprensivi"; non ricordarci che molti nostri nonni sono stati emigranti; molto meglio ergersi su un piedistallo di arroganza che pensare a quante difficoltà stanno affrontando molti di loro...
    Poi, per carità, è vero che ci sono emigranti cafoni e pretenziosi di tutto... Ma ci sono anche molti italiani maleducati ed ignoranti...
    Primi fra tutti quelli con dei grandissimi SUV e gambe sanissime che parcheggiano sovente nei posti riservati ai portatori di handicap! Ancora non ne ho trovato uno che non fosse italiano! Chissà come mai...

    RispondiElimina

Grazie per aver lasciato un commento alle mie parole!
In questo modo nell'archivio dei vizi rimarrai anche tu, con le tue parole, col tuo pensiero, con la tua mente... e magari così verrò a trovarti anche io e chissà che non ne nasca una nuova amicizia...!!!
polepole

Seduti al bar del CircoloVizioso

Seduti al bar del CircoloVizioso
Ovvero: avete tempo per una birra? Il nostro bar è nato per conservare e ricordare i tanti "posticini del cuore" che ci hanno lasciato un'emozione. Per chi ha bisogno di trovare il suo, di posticino del cuore. Per evadere 10 minuti dalla routine quotidiana, per conoscere posti che magari non avete mai visto, per fermarsi a meditare su un'immagine, per bersi una birretta ghiacciata in compagnia degli amici... Tornate quando volete, il bar è sempre aperto!

argomenti viziosi

#10minutiPerMe #miregalolentezza #OperazioneUnPassoAllaVolta 5 stelle della P.M. A caccia di felicità con album scrap A piccoli passi accidia Afrodita alla fermata del tempo che non ho amici ancora amici antidolorificomagnifico appunti di vita vissuta architetti e architetture armadi baby babyy benvenuti a tutti blog candy e give-away buone feste Caccia al tesoro caro diario cartoline Casa Cena dell'Allegra Compagnia chi l'avrebbe mai detto? cioccolata dappertutto coccole con le mani in pasta con poche parole costruire di felicità Di Semplicità Virtù Eco-sostenibile entusiasmo Fata Bislacca FataSognante e Gri-Gri Flat Stanley fotografia giochiamo? gola grazie Happy Week Art Journal HappyWeekJournal2013 i supernonni i talenti Il gioco dei vizi il marconista Il Nostro Personale Giorno del Ringraziamento il vizio di leggere il vizio di riflettere il vizio di scrivere ilcircolovizioso ingenua insegnamenti Io me stessa e me iomivizio ItaliaNostra la grande transumanza dei segnalibri La mia agenda la supernonna la vittima lavoro LeggiAmo 2013 LeggiAmo 2014 LeggiAmo 2015 Liberiamo una ricetta 2013 Liberiamo una ricetta 2014 Lista delle Cose da Fare 2015 Lussuria mare MenoStressPiùFarfalle mi vizio con... Natalia Cattelani natura nodi che vengono al pettine non ci posso credere nonna Iolanda nuove amicizie Nutella Oggi vorrei proprio essere qui oroscopo ozio parliamone parole famose PECC pensieri e parole personaggi PestiPossibili Piccola Meraviglia piccolo Che piccolo-spazio-pubblicità PIF Pippi Calzelunghe Plastic Guerrilla poesia polepole al lavoro POLUCHINA posticini del cuore premi Project 10 books raccolte Ri-Vivere Ricette per la Cena ricette rubate rivelazioni S.A.L. scatole di latta scusa sogni e bisogni storia e storie di culture diverse strani vizi Summer Manifesto 2015 superbia swap tanti auguri a te Tatti Turisti a casa propria Una Casa a Modo Mio vecchi tempi VisteRiviste vizi Voglia di Creare voglia di viaggiare voglia di... writing tuesday ZEBUK zen zibaldone

...chi ha vizi come me...

Il Vizio di Leggere

Il Vizio di Leggere
Per non perdere il vizio, nonostante le mille cose da fare, per trovare il tempo da dedicare ad una buona lettura, per scoprire nuove emozioni e sensazioni, di quelle che solo un buon libro è capace di regalare a chi lo apre con passione e curiosità.

Il vizio di riflettere

Il vizio di riflettere
... il mio modo di Guardare e non solo Vedere ciò che ci circonda...