giovedì 22 dicembre 2011

Coccole: un Natale più... Essenziale



ESSENZIALE è il termine che mi ha lasciato Gabri in questo post.


Quanto ha ragione: ESSENZIALE è il termine giusto. 
Quest'anno (complice forse quel raptus di pulizia zen di inizio anno ma non solo quello...) mi sono tornati alla mente i Natali del tempo passato, come in una specie di Canto di Natale alla Dickens...): quelli in cui, da bambina, andavo a letto la sera di Natale con la segreta speranza che i miei desideri fossero esauditi, con i piccoli sensi di colpa per quelle volte che non ero stata proprio ubbidiente... felice di aver passato una bella serata con mamma e papà, noi tre soli, con una cenetta semplice, di quelle "da vigilia", ma preparata con tanto amore.
E tutti insieme.


La mattina poi, mi alzavo per prima e correvo subito sotto l'albero: il 45 giri de La Tartaruga di Bruno Lauzi è uno dei miei ricordi più forti e indimenticabili di quei Natali (qualcuno di voi sa di cosa parlo?)
Babbo Natale mi aveva ascoltato anche quell'anno, ero stata brava, allora, me lo ero davvero meritato! :)
L'unico regalo sotto l'albero era stato quello, ma era proprio quello che io avevo tanto desiderato... (Lo avrei ascoltato mille e mille e mille volte da quel giorno in poi... ma ne riparleremo, nell'anno nuovo... ;))


Non c'era altro più importante di quell'atmosfera.
Non c'erano cenoni, ricevimenti in pompa magna, visite a sorpresa del vero Babbo Natale, quello in carne e ossa.
Non c'erano corse all'ultimo pacchetto, non c'era l'ansia di dover fare mille regali a tutti i parenti e conoscenti... si stava insieme, in famiglia, con poche cose e tanta gioia, ed era bello così. Ci scambiavamo gli auguri e il panettone. Quello del pacco...
(Ogni tanto rileggendo questi discorsi mi sento un po' una specie di vecchietta, che parla dei vecchi tempi con quella nostalgia che fa luccicare gli occhi... in realtà sono felice del mio 'oggi'. 
Che è ancora fatto di poche cose, piccole, semplici e a volte banali. Ma fatte col cuore.)


Essenziale.
Ecco il mio segreto. È molto semplice: non si vede bene che col cuore. L'essenziale è invisibile agli occhi [Antoine de Saint-Exupéry, Il piccolo Principe]
Queste parole sono davvero piene zeppe di significati: ognuno di noi può trovarci quello più adatto alla situazione che sta vivendo e in ogni occasione può scoprirci un diverso significato.
Sì, quest'anno cercheremo di ritrovare ancor più questo spirito. Semplice ed essenziale. Pieno d'amore e di armonia. Con la pace nel cuore, soprattutto.
A tutti voi lo stesso augurio.

6 commenti:

  1. ....la tartaruga
    lenta com'e'
    afferra al volo
    la fortuna quando c'e'
    dietro una foglia
    lungo la via
    lei ha trovato
    la' per la'
    la felicita'.....

    Eccome se me la ricordo!
    Ricordo anche benissimo i disegni di Bozzetto.... credo di averla cantata fino a consumarla...e tu sai bene perchè ce l'ho nel cuore, vero????

    Per te un augurio essenziale, ma di cuore: BUON NATALE!
    Tatti

    RispondiElimina
  2. Condivido quello che scrivi, la parola essenziale, rientra anche nel mio Natale, soprattutto in questo periodo di crisi...godiamoci il natale al di là dei regali...Auguri.

    RispondiElimina
  3. grazie per quello che hai scritto! e per aver condiviso i tuoi pensieri. auguro anche a te un sereno Natale fatto di cose semplici dioie per il cuore, e tante carezze per l'anima!

    RispondiElimina
  4. Quella frase del Petit-Prince l'ho scritta con un pennarello indelebile su uno specchio in bagno....é una delle mie filosofie di vita ;D

    RispondiElimina

Grazie per aver lasciato un commento alle mie parole!
In questo modo nell'archivio dei vizi rimarrai anche tu, con le tue parole, col tuo pensiero, con la tua mente... e magari così verrò a trovarti anche io e chissà che non ne nasca una nuova amicizia...!!!
polepole

Seduti al bar del CircoloVizioso

Seduti al bar del CircoloVizioso
Ovvero: avete tempo per una birra? Il nostro bar è nato per conservare e ricordare i tanti "posticini del cuore" che ci hanno lasciato un'emozione. Per chi ha bisogno di trovare il suo, di posticino del cuore. Per evadere 10 minuti dalla routine quotidiana, per conoscere posti che magari non avete mai visto, per fermarsi a meditare su un'immagine, per bersi una birretta ghiacciata in compagnia degli amici... Tornate quando volete, il bar è sempre aperto!

argomenti viziosi

#10minutiPerMe #miregalolentezza #OperazioneUnPassoAllaVolta 5 stelle della P.M. A caccia di felicità con album scrap A piccoli passi accidia Afrodita alla fermata del tempo che non ho amici ancora amici antidolorificomagnifico appunti di vita vissuta architetti e architetture armadi baby babyy benvenuti a tutti blog candy e give-away buone feste Caccia al tesoro caro diario cartoline Casa Cena dell'Allegra Compagnia chi l'avrebbe mai detto? cioccolata dappertutto coccole con le mani in pasta con poche parole costruire di felicità Di Semplicità Virtù Eco-sostenibile entusiasmo Fata Bislacca FataSognante e Gri-Gri Flat Stanley fotografia giochiamo? gola grazie Happy Week Art Journal HappyWeekJournal2013 i supernonni i talenti Il gioco dei vizi il marconista Il Nostro Personale Giorno del Ringraziamento il vizio di leggere il vizio di riflettere il vizio di scrivere ilcircolovizioso ingenua insegnamenti Io me stessa e me iomivizio ItaliaNostra la grande transumanza dei segnalibri La mia agenda la supernonna la vittima lavoro LeggiAmo 2013 LeggiAmo 2014 LeggiAmo 2015 Liberiamo una ricetta 2013 Liberiamo una ricetta 2014 Lista delle Cose da Fare 2015 Lussuria mare MenoStressPiùFarfalle mi vizio con... Natalia Cattelani natura nodi che vengono al pettine non ci posso credere nonna Iolanda nuove amicizie Nutella Oggi vorrei proprio essere qui oroscopo ozio parliamone parole famose PECC pensieri e parole personaggi PestiPossibili Piccola Meraviglia piccolo Che piccolo-spazio-pubblicità PIF Pippi Calzelunghe Plastic Guerrilla poesia polepole al lavoro POLUCHINA posticini del cuore premi Project 10 books raccolte Ri-Vivere Ricette per la Cena ricette rubate rivelazioni S.A.L. scatole di latta scusa sogni e bisogni storia e storie di culture diverse strani vizi Summer Manifesto 2015 superbia swap tanti auguri a te Tatti Turisti a casa propria Una Casa a Modo Mio vecchi tempi VisteRiviste vizi Voglia di Creare voglia di viaggiare voglia di... writing tuesday ZEBUK zen zibaldone

...chi ha vizi come me...

Il Vizio di Leggere

Il Vizio di Leggere
Per non perdere il vizio, nonostante le mille cose da fare, per trovare il tempo da dedicare ad una buona lettura, per scoprire nuove emozioni e sensazioni, di quelle che solo un buon libro è capace di regalare a chi lo apre con passione e curiosità.

Il vizio di riflettere

Il vizio di riflettere
... il mio modo di Guardare e non solo Vedere ciò che ci circonda...