martedì 6 dicembre 2011

Writing Tuesday: Angoscia


Appuntamento col Writing Tuesday
da un'idea di silbietta

Si guardò attorno e si accorse che in realtà non aveva percorso nemmeno 100 metri di corsa da quella prima, orribile sensazione. Vedeva occhi che lo spiavano dappertutto, mani che cercavano di afferrarlo, piedi che gli intralciavano il passo. E più si affrettava, più quegli occhi quelle mani quei piedi si intromettevano ovunque.
Sì, perché non intralciavano solo il suo passo ma anche i suoi pensieri. E lo seguivano.

A un tratto si ricordò di quando aveva letto quel libro, a scuola, uno di quei libri che ti fanno leggere per forza e tu lo fai, anche se di malavoglia; non ricordava quale fosse il titolo ma ricordava benissimo, a memoria addirittura, le parole che lo scrittore aveva usato:
"Ogni oggetto dinanzi a lui, si trattasse di qualcosa di concreto o soltanto di ombre, assumeva la parvenza di qualcosa di spaventoso; ma questi timori erano un'inezia in confronto alla sensazione che lo assillava di essere seguito alla calcagna dalla figura spaventosa di quel mattino. Riusciva a intravvederne l'ombra nelle tenebre, a scorgere il più piccolo particolare del profilo e a notare con quale rigida solennità sembrasse seguirlo furtiva. Ne udiva le vesti frusciare sulle foglie e ogni alito di vento gli portava quell'ultimo grido soffocato. Se si fermava, anche l'ombra si fermava. Se si metteva a correre, lo seguiva... Ma senza correre a sua volta. No, questo sarebbe stato un sollievo; lo seguiva, invece, come un cadavere dotato soltanto dei movimenti meccanici della vita e sorretto e portato da un vento lento e malinconico che mai aumentava e mai diminuiva." *
Gli erano rimaste così impresse, per la prima volta nella sua vita, che lo prese come un avvertimento datogli dal suo destino, una premonizione: un giorno o l'altro sarebbe successo anche a lui, avrebbe fatto qualcosa di davvero grave e avrebbe sentito su di sé tutta quella pressione, quel panico infinito, quell'angoscia senza confini.
Come era reale, quella descrizione!
Quando l'aveva letta per la prima volta lo aveva considerato solo un bellissimo passo, capace di suscitare realmente le sensazioni che provava il personaggio... ora, però, ora che quelle sensazioni le provava realmente anche lui, ora che 'qualcosa' era accaduto, si rendeva conto che quelle stesse sensazioni non lo avrebbero mai e poi mai abbandonato.


Lo avrebbero seguito.
Le sue sensazioni lo avrebbero seguito.
Senza correre, portate da quel vento lento che mai aumentava e mai diminuiva.
L'unica cosa ad aumentare sarebbe stata la sua angoscia.
Per sempre.
Per sempre.
Sarebbe stato così per sempre. 
Ogni giorno della sua vita. E forse anche dopo.






* [n.d.r.] Si ringrazia per il gentile prestito della citazione tale sig. Charles Dickens: il passo è tratto da uno dei suoi libri, Le avventure di Oliver Twist. Si tratta delle ore che seguono il crudele omicidio di Nancy. Ore piene di angoscia, per Sikes, e non solo per lui, dato che anche a me è rimasto fisso in mente quello sguardo...


Il confronto tra il mio racconto ed il brano citato è evidentemente un azzardo gigantesco: mai arriverò a tale capacità di suscitare emozioni...
Ma anche questo fa parte del "mettersi in gioco" che ho voluto attivare partecipando al Writing Tuesday. Quindi ben vengano i confronti, ben vengano le critiche e le annotazioni. Siamo al mondo per imparare! :)

4 commenti:

  1. viva dickens e viva polepole
    mi è piaciuto moltissimissimo :)

    qui trovi il mio
    http://attimidiletizia.blogspot.com/2011/12/writing-tuesday-angoscia.html

    RispondiElimina
  2. Bello il confronto azzardato con Dikens!!!Mi è piaciuto molto!

    RispondiElimina
  3. mi fa piacere ritrovare dickens nel tuo racconto...un autore che non ho mai particolarmente approfondito e il tuo racconto mi dà los timolo giusto per potermi riaccostare ai suoi scritti! grazie!

    RispondiElimina

Grazie per aver lasciato un commento alle mie parole!
In questo modo nell'archivio dei vizi rimarrai anche tu, con le tue parole, col tuo pensiero, con la tua mente... e magari così verrò a trovarti anche io e chissà che non ne nasca una nuova amicizia...!!!
polepole

Seduti al bar del CircoloVizioso

Seduti al bar del CircoloVizioso
Ovvero: avete tempo per una birra? Il nostro bar è nato per conservare e ricordare i tanti "posticini del cuore" che ci hanno lasciato un'emozione. Per chi ha bisogno di trovare il suo, di posticino del cuore. Per evadere 10 minuti dalla routine quotidiana, per conoscere posti che magari non avete mai visto, per fermarsi a meditare su un'immagine, per bersi una birretta ghiacciata in compagnia degli amici... Tornate quando volete, il bar è sempre aperto!

argomenti viziosi

#10minutiPerMe #miregalolentezza #OperazioneUnPassoAllaVolta 5 stelle della P.M. A caccia di felicità con album scrap A piccoli passi accidia Afrodita alla fermata del tempo che non ho amici ancora amici antidolorificomagnifico appunti di vita vissuta architetti e architetture armadi baby babyy benvenuti a tutti blog candy e give-away buone feste Caccia al tesoro caro diario cartoline Casa Cena dell'Allegra Compagnia chi l'avrebbe mai detto? cioccolata dappertutto coccole con le mani in pasta con poche parole costruire di felicità Di Semplicità Virtù Eco-sostenibile entusiasmo Fata Bislacca FataSognante e Gri-Gri Flat Stanley fotografia giochiamo? gola grazie Happy Week Art Journal HappyWeekJournal2013 i supernonni i talenti Il gioco dei vizi il marconista Il Nostro Personale Giorno del Ringraziamento il vizio di leggere il vizio di riflettere il vizio di scrivere ilcircolovizioso ingenua insegnamenti Io me stessa e me iomivizio ItaliaNostra la grande transumanza dei segnalibri La mia agenda la supernonna la vittima lavoro LeggiAmo 2013 LeggiAmo 2014 LeggiAmo 2015 Liberiamo una ricetta 2013 Liberiamo una ricetta 2014 Lista delle Cose da Fare 2015 Lussuria mare MenoStressPiùFarfalle mi vizio con... Natalia Cattelani natura nodi che vengono al pettine non ci posso credere nonna Iolanda nuove amicizie Nutella Oggi vorrei proprio essere qui oroscopo ozio parliamone parole famose PECC pensieri e parole personaggi PestiPossibili Piccola Meraviglia piccolo Che piccolo-spazio-pubblicità PIF Pippi Calzelunghe Plastic Guerrilla poesia polepole al lavoro POLUCHINA posticini del cuore premi Project 10 books raccolte Ri-Vivere Ricette per la Cena ricette rubate rivelazioni S.A.L. scatole di latta scusa sogni e bisogni storia e storie di culture diverse strani vizi Summer Manifesto 2015 superbia swap tanti auguri a te Tatti Turisti a casa propria Una Casa a Modo Mio vecchi tempi VisteRiviste vizi Voglia di Creare voglia di viaggiare voglia di... writing tuesday ZEBUK zen zibaldone

...chi ha vizi come me...

Il Vizio di Leggere

Il Vizio di Leggere
Per non perdere il vizio, nonostante le mille cose da fare, per trovare il tempo da dedicare ad una buona lettura, per scoprire nuove emozioni e sensazioni, di quelle che solo un buon libro è capace di regalare a chi lo apre con passione e curiosità.

Il vizio di riflettere

Il vizio di riflettere
... il mio modo di Guardare e non solo Vedere ciò che ci circonda...