martedì 13 dicembre 2011

Writing Tuesday: Circo

Appuntamento col Writing Tuesday
da un'idea di silbietta


Il Rossino.
I piccoli occhietti verdi così vicini tra loro, che ti guardavano ma non ti vedevano e andavano per la loro strada.
La sua pelle, bianca e lucente come ragnatela appena tessuta, tirata sul suo corpo striminzito, che sembrava che da un momento all'altro si strappasse.
Le lentiggini che gli riempivano ogni centimetro quadrato del viso, il naso, fino e allungato, che lo faceva simile ad un Pinocchio. 
E chissà, forse lo era davvero.


Se ne stava a mattine intere nella piazza, sotto gli antichi pini, col suo giubbotto fosforescente, e dirigeva il traffico del paese. Sì, proprio il "traffico": gli anziani che si facevano, estate e inverno, la loro passeggiata mattutina, le mamme e le tate con passeggini e carrozzine, i nullafacenti che spostavano la loro fatica di panchina in panchina. E poi chi passava di lì per lavoro, col cellulare all'orecchio, le scartoffie in una mano, le chiavi della macchina nell'altra, le borse chissà come incastrate tra le dita per non perdere un attimo di vita...


Salutava tutti, il Rossino. 
Per tutti, tutti, c'era un "ciao bimba, buona giornata!".
E quando incontrava chi era più vecchio di lui borbottava un po' intimidito un "b-buongiorno" che sapeva di latte e caffè. "Poco caffè, che fa male", diceva. E sembrava si intristisse, dopo averlo detto.
Le leggende sulla sua storia si sommavano. Nessuno sapeva realmente chi fosse, cosa facesse, perché fosse così... 'svitato'. Per tutti era solo il Rossino. Quello che ti dava il buongiorno ogni giorno, appena uscivi di casa e ti immergevi in quel circo di acrobazie senza rete e giocolieri prestigiatori che toccava superare per arrivare a sera.
E tornare a casa, dalla tua famiglia.


Il Rossino era lì ad aspettarti ogni mattina. Col suo barattolo pieno di pinoli, che coglieva uno alla volta nei prati sotto gli antichi pini, passando la giornata. Col suo "buongiorno!", il suo sorriso e il suo profumo di latte e caffè, con le sue domande strambe da parole crociate senza schema.


Come la sua mente.
Dove forse tutto questo vivere intorno era davvero un circo. 
Un grande, immenso circo, pieno di persone animali cose in ordine sparso. 


Lui, allora, doveva essere il direttore.
Quello che ordinava gli oggetti, li raccoglieva in gruppi e li organizzava per grandezza. 
E poi li mostrava al grande pubblico che girovagava intorno a lui, senza meta: anziani, mamme e tate, nullafacenti e lavoratori. 


Sì, doveva essere proprio così: lui era la sola persona al mondo cosciente della vita, del tempo, dello star bene, del 'come dovevano andare le cose'. Perché gli altri, persone animali cose in ordine sparso, sembravano girovagare senza rendersi conto di ciò che era davvero importante: il buongiorno, il sole, i pinoli, le parole crociate senza schema.


"Buongiorno a voi, mio pubblico! Buona giornata!
Niente trucco niente inganno, oggi: il sole splende, i pinoli sono stati raccolti, le parole crociate senza schema tornano, come sempre..."


Al Rossino del mio paese, con tanto affetto

4 commenti:

  1. Bellissimo , davvero....

    Questo Rossino esiste davvero? Bello da parte tua avergli dedicato questo pensiero...

    RispondiElimina
  2. Ma grazie bimbe! :)
    Sì, il Rossino esiste davvero. Ha i capelli color carota e gli occhietti piccoli piccoli. E' proprio lui, è così come l'ho descritto... ed è una delle certezze di questo paese, uno di quei personaggi sopra le righe come ce ne sono tanti in tutti i luoghi del mondo...

    Mi è piaciuto tanto averlo descritto così, mi sa che ci riproverò con altri tipi strani di qui (e ce ne sono tanti, lo ammetto...), chissà che non ne venga un bel quadretto tipico?

    RispondiElimina

Grazie per aver lasciato un commento alle mie parole!
In questo modo nell'archivio dei vizi rimarrai anche tu, con le tue parole, col tuo pensiero, con la tua mente... e magari così verrò a trovarti anche io e chissà che non ne nasca una nuova amicizia...!!!
polepole

Seduti al bar del CircoloVizioso

Seduti al bar del CircoloVizioso
Ovvero: avete tempo per una birra? Il nostro bar è nato per conservare e ricordare i tanti "posticini del cuore" che ci hanno lasciato un'emozione. Per chi ha bisogno di trovare il suo, di posticino del cuore. Per evadere 10 minuti dalla routine quotidiana, per conoscere posti che magari non avete mai visto, per fermarsi a meditare su un'immagine, per bersi una birretta ghiacciata in compagnia degli amici... Tornate quando volete, il bar è sempre aperto!

argomenti viziosi

#10minutiPerMe #miregalolentezza #OperazioneUnPassoAllaVolta 5 stelle della P.M. A caccia di felicità con album scrap A piccoli passi accidia Afrodita alla fermata del tempo che non ho amici ancora amici antidolorificomagnifico appunti di vita vissuta architetti e architetture armadi baby babyy benvenuti a tutti blog candy e give-away buone feste Caccia al tesoro caro diario cartoline Casa Cena dell'Allegra Compagnia chi l'avrebbe mai detto? cioccolata dappertutto coccole con le mani in pasta con poche parole costruire di felicità Di Semplicità Virtù Eco-sostenibile entusiasmo Fata Bislacca FataSognante e Gri-Gri Flat Stanley fotografia giochiamo? gola grazie Happy Week Art Journal HappyWeekJournal2013 i supernonni i talenti Il gioco dei vizi il marconista Il Nostro Personale Giorno del Ringraziamento il vizio di leggere il vizio di riflettere il vizio di scrivere ilcircolovizioso ingenua insegnamenti Io me stessa e me iomivizio ItaliaNostra la grande transumanza dei segnalibri La mia agenda la supernonna la vittima lavoro LeggiAmo 2013 LeggiAmo 2014 LeggiAmo 2015 Liberiamo una ricetta 2013 Liberiamo una ricetta 2014 Lista delle Cose da Fare 2015 Lussuria mare MenoStressPiùFarfalle mi vizio con... Natalia Cattelani natura nodi che vengono al pettine non ci posso credere nonna Iolanda nuove amicizie Nutella Oggi vorrei proprio essere qui oroscopo ozio parliamone parole famose PECC pensieri e parole personaggi PestiPossibili Piccola Meraviglia piccolo Che piccolo-spazio-pubblicità PIF Pippi Calzelunghe Plastic Guerrilla poesia polepole al lavoro POLUCHINA posticini del cuore premi Project 10 books raccolte Ri-Vivere Ricette per la Cena ricette rubate rivelazioni S.A.L. scatole di latta scusa sogni e bisogni storia e storie di culture diverse strani vizi Summer Manifesto 2015 superbia swap tanti auguri a te Tatti Turisti a casa propria Una Casa a Modo Mio vecchi tempi VisteRiviste vizi Voglia di Creare voglia di viaggiare voglia di... writing tuesday ZEBUK zen zibaldone

...chi ha vizi come me...

Il Vizio di Leggere

Il Vizio di Leggere
Per non perdere il vizio, nonostante le mille cose da fare, per trovare il tempo da dedicare ad una buona lettura, per scoprire nuove emozioni e sensazioni, di quelle che solo un buon libro è capace di regalare a chi lo apre con passione e curiosità.

Il vizio di riflettere

Il vizio di riflettere
... il mio modo di Guardare e non solo Vedere ciò che ci circonda...