venerdì 28 gennaio 2011

Il Gioco dei Vizi - L'ACCIDIA

Presi come siamo dalla Furia Pulitrice, sembravamo essercene scordati, ma mica abbiamo smesso di parlare di vizi, noi... ;)


Ed eccoci all'accidia, al 'non fare', a quel caratteristico stato di torpore e di inerzia condannato da tutti quanti.

"L'ozio è il padre dei vizi", si dice. 


E magari è anche vero.
Però a noi del CircoloVizioso l'ozio piace, e ci sembra anche profondamente utile, se praticato nella giusta condizione d'animo. Certo, non deve essere accompagnato a tristezza e depressione, non ci deve portare ad essere più vegetale che animale: deve essere un ozio attivo, il nostro. 
Positivo.
Da qualche parte ho trovato questa frase, di Marcel Achard, commediografo francese: 
La cosa più deliziosa non è non aver nulla da fare: è aver qualcosa da fare, e non farla!
Be', mi sembra che spieghi perfettamente il gusto ed il piacere che si possono provare in certe particolari circostanze... ;)


In tutti i casi, per chi abbia qualche dubbio in merito, per chi abbia voglia di giocare con noi, è così che noi pratichiamo il nostro Ozio:


il nostro Ozio è quello dei momenti passati a guardare le nuvole e le loro forme;
il nostro Ozio profuma di serenità e di prati fioriti;
il nostro Ozio parla di sogni raccontati a voce alta;
il nostro Ozio tocca la lana e la seta, il ghiaccio a cubetti e il pelo di un gatto;
il nostro Ozio assaggia torte di mele e the alla cannella.


Il nostro Ozio è quel momento passato a risvegliare tutti i sensi, per ripartire con gioia!

lunedì 24 gennaio 2011

Pulizia zen, secondo passo: un week end da Pretty Woman!


Piccola premessa
Ne avevo proprio bisogno.
E' inutile che mi guardiate con quelle espressioni di disapprovazione. 
Inutile che mi facciate sentire tanto in colpa, questa volta non mi fregate.
Visto che non sono una che spende e spande in continuazione (e parlo solo e soltanto dell'abbigliamento, intendetemi!), per una volta me lo sono proprio concesso, di gusto!

La storia
Lo stato in cui versava il mio guardaroba era semplicemente deprimente e desolante. Jeans e magliette. Magliette e jeans. Non più un pezzo che si abbinava ad un altro. Niente da mettere con quella maglietta, nessun giacchettino che si abbinasse al dolcevita, nemmeno una V nera, da indossare sotto la maglina fatta da mammà... tailleur di diverse stagioni fa, che conservavo perché sempre sfruttabili ma che avevano bisogno di una rinnovata, capi che provenivano dall'Era della Grande Panza, risalente a più di quattro anni fa, sfruttati e fatti sfinire, in attesa di ritornare in una forma che potesse dirsi tale e non fosse più una 'sforma'... i tanti jeans, il mio capo da tutti i giorni, finito e sfinito, sottoposto a visite in cantiere e logorii da rilievo in mezzo al fango o nelle giungle di rovi dei casali abbandonati...
Insomma, poco davvero si è salvato dalla revisione da severissimo censore fatta nella mattinata di sabato scorso: nel mese dedicato alla pulizia zen (della casa e dell'anima!) questo era il secondo passo da fare. [In realtà la situazione non era così tragica: l'ho un bel po' esagerata per far tacere le male lingue! ;)]
E così (complici due grandi scatoloni e diverse buste di carta) è andata: questo sì questo no questo sì questo no questo sì questo no... la Furia Pulitrice è passata anche dall'armadio del CircoloVizioso, ed il sabato pomeriggio, bancomat alla mano e qualche dritta delle esperte sui negozietti da spulciare, son tornata a casa con un guardaroba nuovo nuovo e con una spesa modica rispetto a tutto quello che mi sono portata a casa.

Soddisfatta.
Pienamente soddisfatta.
Con un sorriso alla Pretty Woman stampato in faccia, una soddisfazione non da pochi, direi... magari riuscissi a conquistare anche un po' del suo fascino... ;)


***
Il lieto fine
E poi ho ottenuto un bottino meraviglioso!
Ma cosa avete capito? Mica tutto quello che ho comprato! No no, mica sono così fashion-victim, io...
Io parlo di tutto il bendiddio da riciclare e riutilizzare, maritino permettendo, di tutto quello che fa parte del "questo no" di cui sopra: 
  • stoffa da riciclare per fare bellissime tote-bag per le quali la mia cara Salvia mi fornirà tanti buoni consigli
  • bottoni, cerniere, tasche e aggeggi vari da riutilizzare in chissà quanti modi diversi (e già c'è qualche idea che mi passa per la testa...)
  • lana da recuperare dal coloratissimo maglione che ho accidentalmente fatto infeltrire (!), per provare di nuovo a far la maglia (e penso che ripartiremo dalle basi...)
  • perline da infilare ad ago dopo essersi perse nell'acchiappasogni di Tatti
  • notes da rivestire che aspettano solo di scegliere il loro vestitino firmato
  • scatole da guardaroba in attesa di un nuovo look
  • pagine di album scrap a cui manca quel tocco in più (e magari chiederò qualche consiglio a Lizzy)

... insomma, in quei due scatoloni c'è un mondo intero nascosto, che aspetta solo di prendere vita! Si accettano altri suggerimenti... ;))

venerdì 21 gennaio 2011

Apre i battenti un nuovo negozio: 2, Rue de la Brocante


Io non so se conoscete già queste due tipe, le loro pazzesche idee, la loro contagiosa ilarità e creatività.
Io posso solo dirvi che dal momento che le ho conosciute di persona sono diventate una presenza importante e costante nella mia vita.
E ora che hanno aperto il loro angolo di paradiso, 2 Rue de la Brocante, io non mi scollo più di lì. 
Io, con l'amore per le cose vecchie e senza il posto dove esporle. Con la testa piena di idee su come rifare quel mobile e su dove sistemare quel manichino. Con tanti dubbi su come carteggiare e come ridipingere per fare shabby-chic.

Ma da oggi in poi la DaniVerdeSalvia e la FrancescaCadregaFenice le vedremo insieme, alle prese con un'esperienza tutta nuova (per me, non certo per loro...!). E chissà quante sorprese ci saranno!
Passate a salutarle, andate a scuriosare, di sicuro saranno lì, carta abrasiva in una mano e pennello intinto nel bianco nell'altra, e vi offriranno una gran risata e tanta passione!

In bocca al lupo a loro e un bel bacione al nuovo nato!

lunedì 17 gennaio 2011

Gennaio. Parola d'ordine: pulizia zen

Enso, un importante simbolo zen


Quest'anno è già accaduto qualcosa di strano nella mia vita.
Qualcosa che mi ha particolarmente sorpresa.


Qualcosa che io chiamo "pulizia zen".


Un bisogno di vedere il vuoto intorno a me, per poterlo di nuovo riempire con me stessa e con le mie cose. 


Una Furia Pulitrice mai conosciuta (aveva ragione il maritino!) mi ha posseduto negli ultimi giorni, una furia che mi ha portato a pulire, con forza ed energia, a rimuovere ogni traccia di 'presenza' all'interno di casa e luogo di lavoro.
Ma soprattutto una Furia Pulitrice che ha concluso il lungo (e anche sofferto) cammino di pulizia dell'anima, che mi ha accompagnato nell'ultimo periodo e di cui parleremo prossimamente.


Fiera di questa conquista, andrò avanti in questo mio percorso e segnalerò i prossimi passi che questa terribile Musa mi porterà a compiere...

venerdì 14 gennaio 2011

Oggi vorrei proprio essere qui


Ed andare col pensiero oltre quel bianco steccato

correre saltare far capriole
con la mente
e scoprire che non c'è una ginnastica migliore
per il cervello
che quella fatta con la fantasia!

lunedì 10 gennaio 2011

Il Gioco dei Vizi - Lo proroghiamo!



Ok, avete presente quando davvero non riuscite a stare dietro alla vostra vita? Quando le cose, gli eventi, le persone, vi sembra di vederle passare come dai finestrini di un treno in corsa? E anche se vi siete preparate per tempo e avete pensato anche agli imprevisti, poi vi accade qualcosa che manda all'aria tutti i vostri progetti?
Ecco, mi sta succedendo questo... quindi, dato che questo anno nuovo porterà tante cose bellissime, qui al CircoloVizioso, be', ci diamo qualche altro mese per parlare dei nostri vizi, ok? ;-))
  1. Se avete voglia di partecipare leggetevi qui il Regolamento del Gioco dei Vizi 
  2. Se volete saperne di più sui vizi in generale e su qualche nostra ricerca personale potete dare un'occhiata qui
  3. Se siete curiose di capire quale sarà il premio in palio... be', qualche indizio lo potete trovare qui e qui e qui e se volete anche qui... ;-))


Allora, come stabilito dal CircoloVizioso al gran completo, il termine ultimo per partecipare al Gioco dei Vizi è prorogato al 28 febbraio 2011. Entro quella data saranno pubblicati altri post dedicati ai vizi capitali, giusto per stuzzicarvi un po' e farvi parlare del vostro Vizio Per Eccellenza. 
Si attendono notizie dai ritardatari e da quelli che non hanno trovato prima il tempo e il modo di partecipare... dopodiché sarà pubblicata la lista ufficiale dei partecipanti e verrà dato il via al web-voto! Questa volta non sarà il CircoloVizioso a scegliere ma la Rete intera (o meglio, quelli che passeranno di qui e vorranno dir la loro...)!



    sabato 1 gennaio 2011

    2011!

    Anno Nuovo a Concepcion, Cile


    Intanto spero che quando questo post si pubblicherà in automatico voi non siate qui a leggere, ma siate a festeggiare con le persone più care. 
    Io lo farò, anche quest'anno: una festa in piena regola, in 4+2, con cibo, musica, amore e tanta allegria. Con gli amici di sempre, quelli che ci sono nei momenti felici e ancor di più nei momenti cosìcosì. Magari non saremo in gran tiro, in abito lungo e scarpa col tacco. Quello no. Ma saremo tutti insieme, in casa, a festeggiare.

    Festeggiare cosa?
    Festeggiare la rinascita, il nuovo anno, con le sue promesse e anche le sue incertezze
    Festeggiare la vita, con i suoi problemi e le sue gioie
    Festeggiare l'amore, che c'è, c'è sempre, anche quando la persona amata non è lì vicino a noi perché magari sta lavorando (chi sa, sa perché lo scrivo! ;)))
    Festeggiare il fatto che esistiamo, con tutti i nostri pregi e ancora di più con tutti i nostri difetti
    Festeggiare l'entusiasmo che ancora abbiamo e che è capace di portarci tanto lontano con la fantasia (e non solo con quella, se ce la mettiamo tutta!)

    Il tempo corre sempre di più e spesso ci rendiamo conto appena in tempo delle tante cose (e delle tante occasioni) che rischiamo di perderci. "Non ho tempo" è una delle scuse che accampiamo più spesso quando non riusciamo a gestire il nostro 'volere'.
    A volte è vero, perché il lavoro e gli impegni si prendono davvero gran parte delle ore a nostra disposizione. 
    A volte invece è una scusa.
    Perché non siamo in grado di organizzare il nostro tempo, perché ne perdiamo una grandissima parte in operazioni di poca importanza (come stirare e pagare le bollette alla posta, ad esempio ;)) invece che pensare al sano, sanissimo 'momento del trastullo', invece che pensare a quanto bene faccia a volte il delegare anziché voler essere sempre e solo noi protagonisti del nostro lavoro e delle nostre faccende di casa.

    In questo 2011 appena arrivato mi/vi auguro di riuscire a tenere sempre a mente una cosa: c'è tutto un mondo intorno a noi, che noi lo vogliamo o no, c'è tutto un mondo intorno, che gira e che - ogni giorno - ci dice che esistono anche gli altri
    E che lavorare lavorare lavorare e poi non avere tempo per gli altri, per noi stessi, per il mondo intorno a noi, non serve alla nostra anima
    E che se per un momento solo alzassimo la testa da quello che ci sta di fronte e guardassimo oltre, ci renderemmo conto di quanto abbiamo già rischiato di perdere fino ad ora.


    C'è tutto un mondo intorno. Come nella vecchia, splendida canzone dei Matia Bazar: mi gira in testa quella incredibile voce, quel grido che se provo a farlo io... be', lasciamo perdere!

    C'è tutto un mondo intorno. Un mondo che può darci tanto, in affetti, in conoscenza, in valori da tenere a mente, anche in denaro a volte; ma a patto che noi siamo disposti a dare a lui un po' del nostro tempo. A patto che siamo disposti a guardarci in giro, a renderci conto di quello che accade, a non 'fare il nostro' solamente, con il paraocchi calato.


    C'è tutto un mondo intorno. Disposto a darci un'occasione, se solo noi glielo chiediamo e gli diamo la possibilità di farsi ascoltare.


    C'è tutto un mondo intorno. E io ci credo ancora, nonostante tutto. Nonostante non arrivino certo molti segnali a favore di questa mio pensiero.


    C'è tutto un mondo intorno. E per questo mondo che gira intorno a noi, io dico che vale la pena di riorganizzare la nostra vita ed il tempo che abbiamo a disposizione.
    Vale la pena di tagliare certe occupazioni 'secche' per far spazio a nuove idee, a nuovi interessi.
    Vale la pena di muoversi, di svegliarsi presto la mattina, di rinunciare a quel vestito quasi-bellissimo ancora per un po', in attesa di poter raggiungere davvero quello dei nostri sogni!

    C'è tutto un mondo intorno. E quest'anno ce ne vogliamo rendere conto! :)

    Seduti al bar del CircoloVizioso

    Seduti al bar del CircoloVizioso
    Ovvero: avete tempo per una birra? Il nostro bar è nato per conservare e ricordare i tanti "posticini del cuore" che ci hanno lasciato un'emozione. Per chi ha bisogno di trovare il suo, di posticino del cuore. Per evadere 10 minuti dalla routine quotidiana, per conoscere posti che magari non avete mai visto, per fermarsi a meditare su un'immagine, per bersi una birretta ghiacciata in compagnia degli amici... Tornate quando volete, il bar è sempre aperto!

    argomenti viziosi

    #10minutiPerMe #miregalolentezza #OperazioneUnPassoAllaVolta 5 stelle della P.M. A caccia di felicità con album scrap A piccoli passi accidia Afrodita alla fermata del tempo che non ho amici ancora amici antidolorificomagnifico appunti di vita vissuta architetti e architetture armadi baby babyy benvenuti a tutti blog candy e give-away buone feste Caccia al tesoro caro diario cartoline Casa Cena dell'Allegra Compagnia chi l'avrebbe mai detto? cioccolata dappertutto coccole con le mani in pasta con poche parole costruire di felicità Di Semplicità Virtù Eco-sostenibile entusiasmo Fata Bislacca FataSognante e Gri-Gri Flat Stanley fotografia giochiamo? gola grazie Happy Week Art Journal HappyWeekJournal2013 i supernonni i talenti Il gioco dei vizi il marconista Il Nostro Personale Giorno del Ringraziamento il vizio di leggere il vizio di riflettere il vizio di scrivere ilcircolovizioso ingenua insegnamenti Io me stessa e me iomivizio ItaliaNostra la grande transumanza dei segnalibri La mia agenda la supernonna la vittima lavoro LeggiAmo 2013 LeggiAmo 2014 LeggiAmo 2015 Liberiamo una ricetta 2013 Liberiamo una ricetta 2014 Lista delle Cose da Fare 2015 Lussuria mare MenoStressPiùFarfalle mi vizio con... Natalia Cattelani natura nodi che vengono al pettine non ci posso credere nonna Iolanda nuove amicizie Nutella Oggi vorrei proprio essere qui oroscopo ozio parliamone parole famose PECC pensieri e parole personaggi PestiPossibili Piccola Meraviglia piccolo Che piccolo-spazio-pubblicità PIF Pippi Calzelunghe Plastic Guerrilla poesia polepole al lavoro POLUCHINA posticini del cuore premi Project 10 books raccolte Ri-Vivere Ricette per la Cena ricette rubate rivelazioni S.A.L. scatole di latta scusa sogni e bisogni storia e storie di culture diverse strani vizi Summer Manifesto 2015 superbia swap tanti auguri a te Tatti Turisti a casa propria Una Casa a Modo Mio vecchi tempi VisteRiviste vizi Voglia di Creare voglia di viaggiare voglia di... writing tuesday ZEBUK zen zibaldone

    ...chi ha vizi come me...

    Il Vizio di Leggere

    Il Vizio di Leggere
    Per non perdere il vizio, nonostante le mille cose da fare, per trovare il tempo da dedicare ad una buona lettura, per scoprire nuove emozioni e sensazioni, di quelle che solo un buon libro è capace di regalare a chi lo apre con passione e curiosità.

    Il vizio di riflettere

    Il vizio di riflettere
    ... il mio modo di Guardare e non solo Vedere ciò che ci circonda...