giovedì 20 febbraio 2014

Oggi doveva uscire un altro post.

Oggi doveva uscire un altro post.
Ieri sera però mia figlia mi ha raccontato qualcosa che era successo a scuola e il post della mia liberazione per Zebuk è scivolato in un provvisorio secondo piano. 

Ci sono cose che vanno raccontate, soprattutto quando tua figlia - che per principio non ti racconta mai niente della scuola - parla per prima.
La premessa: mi sono innamorata di quei bambini e dallo scorso anno vado ogni tanto a leggere loro delle storie, ad Alta Voce. Mi incanto a guardarli, tutti presi dalle vicende dei personaggi, mi diverto a fare piccoli laboratori creativi con loro, a ricostruire le storie, gli scenari, gli oggetti.
Ieri abbiamo iniziato una nuova storia e c'è stato moltissimo entusiasmo, tante proposte e tanto lavoro da fare, tra carta, colori, zattere da costruire, ponti da progettare...
- Mamma, sai, ieri quando è venuto il papà di X lui gli ha fatto vedere quello che aveva fatto per la storia
- Ah sì? Era proprio contento, X, l'ho visto! E allora?
- E il suo papà lo ha guardato e gli ha detto "Che schifo hai fatto".
Devo provare a raccontarvi il gelo che si è impossessato di me?
Ne faccio a meno.
Ma dovevo dirle qualcosa, dovevo parlarle, spiegarle, trovare un motivo, una giustificazione, non poteva rimanere tutto sospeso così, nella sua testolina. Mi sono sentita in dovere di difenderla dalla cattiveria delle persone, ho sentito un dolore forte qui, vicino al cuore e mentre cercavo le parole giuste per spiegarle, lei ha ripreso la parola e mi ha detto, con un filo di voce che poi era intervenuta la maestra e aveva risposto per le rime al genitore, parecchio per le rime... Parecchio.

Ora, faccio una sola, minima, pesante riflessione: cosa vogliamo dare ai nostri figli? cosa desideriamo che loro ricevano da noi? cosa ci aspettiamo che esca da quei bambini, se non diamo loro altro che no?

7 commenti:

  1. Questo è molto peggio di un no,quello che ha fatto il genitore è una cattiveria gratuita...
    è una frase che un bambino si porterà dietro, mina la sua autostima, la sua fiducia in se stesso e nelle sue capacità...
    Questo genitore non capisce proprio un cavolo di rapporti , non tra padre e figlio, ma tra persone.

    RispondiElimina
  2. Povero bambino! Bene ha fatto la maestra a intervenire pesantemente, ma ormai il danno è fatto nel cuore del bambino... Che tristezza.

    RispondiElimina
  3. ...conosco bene questa situazione. Questo distacco, la volontà di ferire un bambino, la mancanza di tenerezza, il limite a guardare oltre... Spero che questo bimbo possa veder colmato altrove il suo bisogno d'amore.

    RispondiElimina
  4. Ero senza parole, ieri, ho scritto il post di getto, piuttosto furiosa.
    Quello che allo stesso tempo mi ha fatto montare la rabbia e mi ha lasciato senza risposte è stato sentir pronunciare quelle tremende parole da mia figlia. Le ha dette con rabbia, con un senso di impotenza, come se quell'insulto fosse stato rivolto a lei.
    Abbiamo approfondito, poi con calma e mi ha raccontato che l'intera classe si è raccolta intorno al bimbo, verso il genitore.
    Sì, il danno è fatto nel cuore di quel bimbo, e forse non era nemmeno la prima volta che veniva trattato così. Però credo - e spero - che vedersi tutti intorno a difenderlo, sentire vicini soprattutto i suoi compagni, lo abbia aiutato molto.

    Triste pensare che queste situazioni si possano ripetere chissà quante volte, nella vita di chissà quanti bimbi.
    Per come sono fatta io, questa cosa non finirà qui.

    RispondiElimina
  5. Cara Pole, se puoi parla con quei bambini, fai capire loro che ogni storia, ogni racconto, ogni disegno porta con se un valore grandissimo e nessuno, nemmeno un genitore (idiota...) può esprimere su di esso un parere così negativo perchè se lo fa vuol dire che non ha capito e loro, che sono bravissimi, devono aiutarlo a capire...
    Se lui vuole ascoltare naturalmente!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Elena. Nei prossimi giorni tornerò a leggere a scuola e vedremo come è stata elaborata la cosa. Ne ho parlato anche con le maestre, ci muoveremo... :)

      Elimina

Grazie per aver lasciato un commento alle mie parole!
In questo modo nell'archivio dei vizi rimarrai anche tu, con le tue parole, col tuo pensiero, con la tua mente... e magari così verrò a trovarti anche io e chissà che non ne nasca una nuova amicizia...!!!
polepole

Seduti al bar del CircoloVizioso

Seduti al bar del CircoloVizioso
Ovvero: avete tempo per una birra? Il nostro bar è nato per conservare e ricordare i tanti "posticini del cuore" che ci hanno lasciato un'emozione. Per chi ha bisogno di trovare il suo, di posticino del cuore. Per evadere 10 minuti dalla routine quotidiana, per conoscere posti che magari non avete mai visto, per fermarsi a meditare su un'immagine, per bersi una birretta ghiacciata in compagnia degli amici... Tornate quando volete, il bar è sempre aperto!

argomenti viziosi

#10minutiPerMe #miregalolentezza #OperazioneUnPassoAllaVolta 5 stelle della P.M. A caccia di felicità con album scrap A piccoli passi accidia Afrodita alla fermata del tempo che non ho amici ancora amici antidolorificomagnifico appunti di vita vissuta architetti e architetture armadi baby babyy benvenuti a tutti blog candy e give-away buone feste Caccia al tesoro caro diario cartoline Casa Cena dell'Allegra Compagnia chi l'avrebbe mai detto? cioccolata dappertutto coccole con le mani in pasta con poche parole costruire di felicità Di Semplicità Virtù Eco-sostenibile entusiasmo Fata Bislacca FataSognante e Gri-Gri Flat Stanley fotografia giochiamo? gola grazie Happy Week Art Journal HappyWeekJournal2013 i supernonni i talenti Il gioco dei vizi il marconista Il Nostro Personale Giorno del Ringraziamento il vizio di leggere il vizio di riflettere il vizio di scrivere ilcircolovizioso ingenua insegnamenti Io me stessa e me iomivizio ItaliaNostra la grande transumanza dei segnalibri La mia agenda la supernonna la vittima lavoro LeggiAmo 2013 LeggiAmo 2014 LeggiAmo 2015 Liberiamo una ricetta 2013 Liberiamo una ricetta 2014 Lista delle Cose da Fare 2015 Lussuria mare MenoStressPiùFarfalle mi vizio con... Natalia Cattelani natura nodi che vengono al pettine non ci posso credere nonna Iolanda nuove amicizie Nutella Oggi vorrei proprio essere qui oroscopo ozio parliamone parole famose PECC pensieri e parole personaggi PestiPossibili Piccola Meraviglia piccolo Che piccolo-spazio-pubblicità PIF Pippi Calzelunghe Plastic Guerrilla poesia polepole al lavoro POLUCHINA posticini del cuore premi Project 10 books raccolte Ri-Vivere Ricette per la Cena ricette rubate rivelazioni S.A.L. scatole di latta scusa sogni e bisogni storia e storie di culture diverse strani vizi Summer Manifesto 2015 superbia swap tanti auguri a te Tatti Turisti a casa propria Una Casa a Modo Mio vecchi tempi VisteRiviste vizi Voglia di Creare voglia di viaggiare voglia di... writing tuesday ZEBUK zen zibaldone

...chi ha vizi come me...

Il Vizio di Leggere

Il Vizio di Leggere
Per non perdere il vizio, nonostante le mille cose da fare, per trovare il tempo da dedicare ad una buona lettura, per scoprire nuove emozioni e sensazioni, di quelle che solo un buon libro è capace di regalare a chi lo apre con passione e curiosità.

Il vizio di riflettere

Il vizio di riflettere
... il mio modo di Guardare e non solo Vedere ciò che ci circonda...