giovedì 23 luglio 2015

Richard Chamberlain, Uccelli di rovo, la mia infanzia e i coming out

L'uccello con la spina nel petto segue una legge immutabile; è spinto da non sa cosa a trafiggersi, e muore cantando. Nell'attimo stesso in cui la spina lo penetra, non ha consapevolezza della morte imminente; si limita a cantare e a cantare, finché non rimane più vita per emettere una sola altra nota. Ma noi, quando affondiamo le spine nel nostro petto, sappiamo. E lo facciamo ugualmente. Lo facciamo ugualmente. [Uccelli di rovo, Colleen McCullough]
Leggo pochi blog ultimamente, dedico alla rete poco tempo ma cerco di scegliere cose che mi facciano pensare profondo.

Le parole verranno mi ha fatto ricordare di quel bellone di Richard Chamberlain, signoramia quant'era bello! Scopro gugolando che l'autrice del romanzo è morta qualche mese fa e ancora che lui, uno dei modelli d'uomo mammamia che avevo all'epoca... ehm, ha fatto coming out, anche lui.

Automatico cercare subito il romanzo, oggi vado in biblioteca, sono sicura di trovarlo lì pronto ad aspettarmi, il mio padre Ralph! Lo affiancherò alla lettura di un altro, appena caricato sul reader, un tale Grey che va tanto di moda, di cui non ho letto ancora niente e so quel tanto che mi basta per capire che non è il mio genere. Ma magari chissà.

E automatico riguardarsi qualche scena della serie (scopro che a rivederla non è proprio da bambini!) e riascoltare questa musica che rievoca lacrime e singhiozzi e sogni di bambina. (E qui dovrebbe venirmi in aiuto la mia amica patita degli anni 80 almeno quanto me)
E avevo 10 anni, quasi 11. Soli? E i miei mi permettevano di guardare certe sporcaccionerie? ussignur!
Tante domande si fanno strada nella mia testolina, appena sconvolta dall'idea che io, che mi proclamo tanto "mamma con idee libere", non farei vedere queste scene a mia figlia mancomorta, nononononseneparlanemmeno. Già mi sembra troppo avanti così com'è.
Penso agli amici che ho e a qualcuno di loro che non avrà mai il coraggio di mostrarsi per come è, di dire quello che davvero gli piace, di parlare a voce alta di quello che ama. Penso a chi ha camminato duro, consumato strade e piedi fino a capire che questa è l'unica vita che abbiamo e dobbiamo viverla come siamo, senza maschere. Scontato e banale. Ma vero. Penso alle mamme che smorfiano sconvolte quando si parla di Leggere liberi da stereotipi e di libri per bambini. Penso al sindaco di Venezia e alla sua lista nera, che fortunatamente sta diventando una lista di consigli letterari. Penso ai libri che devo ancora leggere, penso che non mi basterà tutta la vita, nonostante stia adoperando anche buona parte della notte per leggere. Penso che non ho mai amato i romanzi troppo "rosa", quelli dei sospiri e delle passioni tenute nascoste. E penso che è tanto forte vedere e trovare il bello e il buono in tutti ma alcuni proprio lottano per metterti i bastoni tra le ruote e risultarti antipatici da morire. Penso a quelle sere a guardare Uccelli di Rovo, con la testa sul cuscino del divano e anche chissàdove. A mia figlia, sette anni e mezzo, che mi bacchetta perché non mi trucco e guarda Clio con tanto interesse. E io glielo lascio fare. E la guardo anch'io, per imparare.

3 commenti:

  1. "Uccelli di rovo"... caspita, lo guardavo anche io e avevo più o meno la stessa età!!! E' vero, a pensarci bene, la situazione di certe scene era un po' spintarella: dai, un prete, anzi un vescovo, che si spupazza una donna di moooolti anni più giovane di lui!!!
    Grtazie per la traccia musicale, non mi ricordavo che era tanto bella. Quanto mi ha fatto sospirar Padre Ralph!!!
    Un bacione
    Francesca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uuuhh, quanto ho pianto con questa musica in sottofondo... :)

      Elimina
  2. Io intanto il romanzo l'ho preso in biblioteca, le vacanze porteranno consiglio... :)

    RispondiElimina

Grazie per aver lasciato un commento alle mie parole!
In questo modo nell'archivio dei vizi rimarrai anche tu, con le tue parole, col tuo pensiero, con la tua mente... e magari così verrò a trovarti anche io e chissà che non ne nasca una nuova amicizia...!!!
polepole

Seduti al bar del CircoloVizioso

Seduti al bar del CircoloVizioso
Ovvero: avete tempo per una birra? Il nostro bar è nato per conservare e ricordare i tanti "posticini del cuore" che ci hanno lasciato un'emozione. Per chi ha bisogno di trovare il suo, di posticino del cuore. Per evadere 10 minuti dalla routine quotidiana, per conoscere posti che magari non avete mai visto, per fermarsi a meditare su un'immagine, per bersi una birretta ghiacciata in compagnia degli amici... Tornate quando volete, il bar è sempre aperto!

argomenti viziosi

#10minutiPerMe #miregalolentezza #OperazioneUnPassoAllaVolta 5 stelle della P.M. A caccia di felicità con album scrap A piccoli passi accidia Afrodita alla fermata del tempo che non ho amici ancora amici antidolorificomagnifico appunti di vita vissuta architetti e architetture armadi baby babyy benvenuti a tutti blog candy e give-away buone feste Caccia al tesoro caro diario cartoline Casa Cena dell'Allegra Compagnia chi l'avrebbe mai detto? cioccolata dappertutto coccole con le mani in pasta con poche parole costruire di felicità Di Semplicità Virtù Eco-sostenibile entusiasmo Fata Bislacca FataSognante e Gri-Gri Flat Stanley fotografia giochiamo? gola grazie Happy Week Art Journal HappyWeekJournal2013 i supernonni i talenti Il gioco dei vizi il marconista Il Nostro Personale Giorno del Ringraziamento il vizio di leggere il vizio di riflettere il vizio di scrivere ilcircolovizioso ingenua insegnamenti Io me stessa e me iomivizio ItaliaNostra la grande transumanza dei segnalibri La mia agenda la supernonna la vittima lavoro LeggiAmo 2013 LeggiAmo 2014 LeggiAmo 2015 Liberiamo una ricetta 2013 Liberiamo una ricetta 2014 Lista delle Cose da Fare 2015 Lussuria mare MenoStressPiùFarfalle mi vizio con... Natalia Cattelani natura nodi che vengono al pettine non ci posso credere nonna Iolanda nuove amicizie Nutella Oggi vorrei proprio essere qui oroscopo ozio parliamone parole famose PECC pensieri e parole personaggi PestiPossibili Piccola Meraviglia piccolo Che piccolo-spazio-pubblicità PIF Pippi Calzelunghe Plastic Guerrilla poesia polepole al lavoro POLUCHINA posticini del cuore premi Project 10 books raccolte Ri-Vivere Ricette per la Cena ricette rubate rivelazioni S.A.L. scatole di latta scusa sogni e bisogni storia e storie di culture diverse strani vizi Summer Manifesto 2015 superbia swap tanti auguri a te Tatti Turisti a casa propria Una Casa a Modo Mio vecchi tempi VisteRiviste vizi Voglia di Creare voglia di viaggiare voglia di... writing tuesday ZEBUK zen zibaldone

...chi ha vizi come me...

Il Vizio di Leggere

Il Vizio di Leggere
Per non perdere il vizio, nonostante le mille cose da fare, per trovare il tempo da dedicare ad una buona lettura, per scoprire nuove emozioni e sensazioni, di quelle che solo un buon libro è capace di regalare a chi lo apre con passione e curiosità.

Il vizio di riflettere

Il vizio di riflettere
... il mio modo di Guardare e non solo Vedere ciò che ci circonda...