giovedì 14 luglio 2016

Quando le cose capitano al momento giusto. Di premi e domande a cui rispondere. #2

Ecco qui la seconda parte di questo gioco-premio a cui mi ha invitata Mari (Diario a cielo aperto), veniamo alle domande e alle nomination!
Anch'io come ha fatto lei voglio nominare chiunque abbia voglia di parlare di sé e di raccontarsi (e anche, perché no? di osservarsi dall'esterno...): vediamolo come un modo per conoscersi meglio, ok?

Le domande

Cinque sole domande, botta e risposta, con tutti gli approfondimenti che vi va di fare.
  1. Il blog, un luogo un po' abbandonato da molti, ultimamente, a scapito dei social, più veloci e immediati. Io ci sono tornata perché qui mi sento molto più a casa che sui mordi e fuggi (o guarda e piaccia). Tu cosa ne pensi?
  2. Raccontare, scrivere, leggere. Quando preferisci farlo, come e dove?
  3. La mia passione sono i vizi: la gola e l'ozio la fanno da padrone. Tu come te la cavi? Hai un vizio preferito?
  4. Parliamo di letture: ho appena finito Argento vivo, di Marco Malvaldi, e sto valutando quanto mi sia piaciuto. E tu cos'hai sul comodino al momento?
  5. Ci sono temi, argomenti, che meritano un blog a parte, dove possano essere al centro dell'attenzione, senza altre distrazioni. Io l'ho fatto con Una casa a modo mio, perché l'Abitare fosse l'unico argomento di conversazione. Se tu dovessi aprire un nuovo blog, diverso da quello che hai ora, di cosa vorresti parlare?
Vi ricordate le regole per partecipare? Eccole qui, copincollate dal blog di Mari:
  • Ringraziare il blogger/i blogger che ti hanno nominato - eh beh, mi sembra il minimo! :)
  • Inserire il logo del Liebster Award - fatto!
  • Rispondere alle domande di chi ti ha nominato
  • Nominare altri blog
  • Formulare altre domande
  • Informare i blogger del premio.

Avanti, ora tocca a voi! Raccontate e chiedete, siate curiosi... ;)

5 commenti:

  1. Mi autorizzi a svicolare da una delle regole? Tanto orami ognuno fa un po' come vuole :D Visto che un post sul mio blog sul Liebster Award l'ho già fatto, ma le tue domande mi piacciono assai, ti rispondo qui invece che là:

    1 - Il blog, un luogo un po' abbandonato da molti, ultimamente, a scapito dei social, più veloci e immediati. Io ci sono tornata perché qui mi sento molto più a casa che sui mordi e fuggi (o guarda e piaccia). Tu cosa ne pensi?

    Sono tornata su fb dopo otto anni di assenza per ragioni principalmente di opportunità: da un lato la maggior diffusione dei progetti con la mia associazione, dall'altra (credevo) una buona vetrina per i post dell'altro mio blog. Devo dire che lo torvo a volte un posto molto violento, bulimico e che contribuisce a creare mondi separati (sapete vero che fb ti fa vedere solo i post che corrispondono ai tuoi interessi e ai tuoi gusti - anche politici? Così credi di essere informato ma se c'è un posto in cui l'informazione è assolutamente di parte è proprio quello. Sui blog devi fare la fatica di andare a spulciare articoli e scegli tu cosa seguire e cosa no. E poi è uno spazio in cui mi sento più libera, forse anche in funzione del fatto di non sapere molte cose delle belle persone che si conoscono tramite esso. Sapere che oggi tizio ha mangiato un panino al seitan, vedere il nuovo taglio di caia, osservare i piedi a mollo nell'acqua di sempronia non sempre sono cose per cui vorrei sprecare tempo. Tramite blog non succede. Almeno, per la mia esperienza, poi di certo c'è modo e modo di usare i blog...

    2- Raccontare, scrivere, leggere. Quando preferisci farlo, come e dove?

    Raccontare mi piace quando ho una persona davanti capace di ascoltare ciò che sto raccontando, di entrare in sintonia con le parole. Non sempre ne ho voglia però: mi piace che i vissuti e i pensieri si depositino un po' prima di condividerli. Mi piace molto scrivere (a penna) in viaggio. In treno ad esempio. Ciò che scrivo on line necessita di un pc (solo una volta ho scritto un post dal telefono ma ero in India e senza pc e dovevo scrivere quel post), quindi generalmente da casa mia. Leggere: spesso la sera prima di dormire, o il pomeriggio quando ho bisogno di staccare dal lavoro che sto facendo. In vacanza spesso. Se poi sono su una spiaggia, sempre.

    3- La mia passione sono i vizi: la gola e l'ozio la fanno da padrone. Tu come te la cavi? Hai un vizio preferito?

    Non mi sento molto viziosa, non direi di avere un vizio particolare, ma penso che a seconda dei momenti è possibile cadere un po' nell'uno un po' nell'altro. Un vizio che sono certa di non avere è l'invidia, non mi sento invidiosa di nulla e nessuno.

    4- Parliamo di letture: ho appena finito Argento vivo, di Marco Malvaldi, e sto valutando quanto mi sia piaciuto. E tu cos'hai sul comodino al momento?

    Sul mio comodino ci sono diversi libri. Quello che sto leggendo al momento è "L'isola delle illusioni" di Toni Morrison, quello che va avanti a super fatica è "Gli anni" di Annie Eranux (da tutti riconosciuto un capolavoro, io fatico un po' con la sua asciutta perfezione), quello regalatomi è "Il ristorante dell'amore ritrovato" di Ito Ogawa.

    5- Ci sono temi, argomenti, che meritano un blog a parte, dove possano essere al centro dell'attenzione, senza altre distrazioni. Io l'ho fatto con Una casa a modo mio, perché l'Abitare fosse l'unico argomento di conversazione. Se tu dovessi aprire un nuovo blog, diverso da quello che hai ora, di cosa vorresti parlare?

    Ho già due blog diversi, uno in forma di diaro che è quello che conosci, l'altro in cui condivido analisi più "tematiche" con un linguaggio un po' diverso, generalmente su questioni di genere e su come gli stereotipi maschili e femminili che ingabbiano le nostre esistenze non siano dati per natura ma costruiti culturalmente: Komorebi - La luce che filtra dagli alberi (https://lalucechefiltradaglialberi.wordpress.com).

    Saluti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che bello, che bello!
      A me piace un sacco star fuori dalle regole... ;)
      Voglio conoscerti molto meglio, Mari. Hai un sacco di cose da scoprire, a quanto pare...

      Elimina
    2. Mi sono già segnata i libri che stai leggendo e che non conoscevo.
      Il blog l'ho messo tra i preferiti e lo leggerò con molta cura, dato che il tema mi interessa molto, sull'fb concordo in pieno: violento e bulimico. A volte anche inutile, ma sta a noi scegliere cosa vogliamo leggere. Il mondo dei blog è in tutti i casi molto più corrispondente al mio modo di essere: meno istantaneo, più meditato.
      Grazie per le risposte, grazie mille!

      Elimina
  2. Cara Silvia, qualcosa deve essere andato storto nel commento che ti ho lasciato tempo fa... a costo di ripetermi: molto felice quando le parole scritte sono condivise e fanno venir voglia di conoscersi di più, ti ringrazio e contraccambio! Un saluto!

    RispondiElimina

Grazie per aver lasciato un commento alle mie parole!
In questo modo nell'archivio dei vizi rimarrai anche tu, con le tue parole, col tuo pensiero, con la tua mente... e magari così verrò a trovarti anche io e chissà che non ne nasca una nuova amicizia...!!!
polepole

Seduti al bar del CircoloVizioso

Seduti al bar del CircoloVizioso
Ovvero: avete tempo per una birra? Il nostro bar è nato per conservare e ricordare i tanti "posticini del cuore" che ci hanno lasciato un'emozione. Per chi ha bisogno di trovare il suo, di posticino del cuore. Per evadere 10 minuti dalla routine quotidiana, per conoscere posti che magari non avete mai visto, per fermarsi a meditare su un'immagine, per bersi una birretta ghiacciata in compagnia degli amici... Tornate quando volete, il bar è sempre aperto!

argomenti viziosi

#10minutiPerMe #miregalolentezza #OperazioneUnPassoAllaVolta 5 stelle della P.M. A caccia di felicità con album scrap A piccoli passi accidia Afrodita alla fermata del tempo che non ho amici ancora amici antidolorificomagnifico appunti di vita vissuta architetti e architetture armadi baby babyy benvenuti a tutti blog candy e give-away buone feste Caccia al tesoro caro diario cartoline Casa Cena dell'Allegra Compagnia chi l'avrebbe mai detto? cioccolata dappertutto coccole con le mani in pasta con poche parole costruire di felicità Di Semplicità Virtù Eco-sostenibile entusiasmo Fata Bislacca FataSognante e Gri-Gri Flat Stanley fotografia giochiamo? gola grazie Happy Week Art Journal HappyWeekJournal2013 i supernonni i talenti Il gioco dei vizi il marconista Il Nostro Personale Giorno del Ringraziamento il vizio di leggere il vizio di riflettere il vizio di scrivere ilcircolovizioso ingenua insegnamenti Io me stessa e me iomivizio ItaliaNostra la grande transumanza dei segnalibri La mia agenda la supernonna la vittima lavoro LeggiAmo 2013 LeggiAmo 2014 LeggiAmo 2015 Liberiamo una ricetta 2013 Liberiamo una ricetta 2014 Lista delle Cose da Fare 2015 Lussuria mare MenoStressPiùFarfalle mi vizio con... Natalia Cattelani natura nodi che vengono al pettine non ci posso credere nonna Iolanda nuove amicizie Nutella Oggi vorrei proprio essere qui oroscopo ozio parliamone parole famose PECC pensieri e parole personaggi PestiPossibili Piccola Meraviglia piccolo Che piccolo-spazio-pubblicità PIF Pippi Calzelunghe Plastic Guerrilla poesia polepole al lavoro POLUCHINA posticini del cuore premi Project 10 books raccolte Ri-Vivere Ricette per la Cena ricette rubate rivelazioni S.A.L. scatole di latta scusa sogni e bisogni storia e storie di culture diverse strani vizi Summer Manifesto 2015 superbia swap tanti auguri a te Tatti Turisti a casa propria Una Casa a Modo Mio vecchi tempi VisteRiviste vizi Voglia di Creare voglia di viaggiare voglia di... writing tuesday ZEBUK zen zibaldone

...chi ha vizi come me...

Il Vizio di Leggere

Il Vizio di Leggere
Per non perdere il vizio, nonostante le mille cose da fare, per trovare il tempo da dedicare ad una buona lettura, per scoprire nuove emozioni e sensazioni, di quelle che solo un buon libro è capace di regalare a chi lo apre con passione e curiosità.

Il vizio di riflettere

Il vizio di riflettere
... il mio modo di Guardare e non solo Vedere ciò che ci circonda...