giovedì 27 ottobre 2016

I libri, le emozioni e la malattia del riciclo

Magia!

L'aspetto delle cose varia secondo le emozioni;
e così noi vediamo magia e bellezza in loro, ma, in realtà, magia e bellezza sono in noi.

(Kahlil Gibran)


La mia storia con i segnalibri è antica: ho sempre avuto, fin da piccola, il vizio di innamorarmi di segnalibri di qualsiasi tipo e provenienza, e da un po' di tempo a questa parte ne lascio uno in ogni libro che leggo e conservo in libreria. Ho fermato le emozioni e i sensi che le storie hanno saputo stimolare in questo modo: con le parole mie e le illustrazioni del prescelto.
E poi ci sono state raccolte, giochi, esperimenti, tanta fantasia da sfruttare. E la mania del riciclo.

Per rincorrere la fantasia e la leggerezza che mi sono prefissata come prossima meta - e per far scorta di nuovi segnalibri, che sono sempre un modo efficace di accompagnare un libro da regalare - oggi metto insieme le idee di due belle persone che ho conosciuto sul web: Lizzy e Daniela.


qui il freebie di Lizzy
Lizzy è tornata alla grande! La aspettavo da tempo e ora ritrovarla con tante idee e colori e emozioni quasi ogni giorno mi fa un gran bene: vedere le sue pagine mi ha sempre ispirata tantissimo, da lei è nata la mia fissazione per le farfalle e il motto MenoStressPiùFarfalle che da qualche anno mi segue nella mia ricerca di leggerezza e serenità.


Nei giorni scorsi ha proposto sul blog il suo modo personalizzato di "abbandonare i pensieri tra le pagine di un libro amato", attraverso una scheda ad hoc in cui fermare le sensazioni e le belle emozioni che l'ultimo libro letto ha saputo donarvi.
Un po' il principio che abbiamo usato anche noi di ZeBuk per ricordare la nostra sfida annuale della ReadingList con il mini E-Buk da scaricare, stampare e compilare in piena libertà.


I segnalibri di Daniela
Daniela di Decoriciclo invece ha pubblicato in questi giorni i suoi esperimenti ispirati alla tecnica degli Zentangle: amore a prima vista per la tecnica, per la sua interpretazione e per i materiali che ha usato!

Commentando i post di queste due ragazze supercreative i cricetini - che di solito stazionano pigramente nel mio cervello - hanno cominciato a correre sulla ruota e sono arrivati a qualche nuova e interessante conclusione: quella di unire le emozioni e le sensazioni ai "primi fogli di carta che capitano tra le mani", quelli a cui di solito anch'io mi sono sempre affidata per fissare le mie note personali prima di usare il mini E-Buk.

"Primi fogli di carta" che si traducono in: 
  • volantini pubblicitari per primi, raccolti da piccole manine cicciotte mentre siamo in coda alla posta
  • pagine strappate da riviste che devono finire nel cesto della raccolta differenziata "però quel disegno è troppo bellino per finire buttato"
  • comunissima carta di giornale, perché le parole sono importanti!
  • fogli colorati e invecchiati ritrovati durante le opere di pulizia nella mia camera da ragazzina... 
  • perché no qualche avanzo di stoffa? perché no? e le carte da parati che mi regala l'amica commerciante? eh?

Insomma: niente da comprare, tutto da riciclare.
E tutto da arricchire con emozioni, sentimenti, colori e bella calligrafia. 
E magari qualche faccina in stile Lizzy :)


What is a junk journal?
Una specie di Junk-qualcosa, per me che fino a qualche tempo fa non buttavo via nulla e ora sto imparando a mollare, a lasciar andare, a viaggiare leggera, ma ancora non resisto a certe immagini e a certi materiali e a certi segni che solo la mia mente legge tra le righe. :)

Sto ancora facendo 2+2 e nei conti son sempre stata lenta riflessiva... ma qualche idea sta spuntando, chissà cosa ne verrà fuori!

5 commenti:

  1. Cito: "per me che fino a qualche tempo fa non buttavo via nulla e ora sto imparando a mollare"...
    Ecco, anch'io macino sempre concetti del genere.
    Sono nata in una famiglia che, tendenzialmente, non butta via nulla e aggiusta e ricicla, un po' per necessità e un po' per divertimento. Però bisogna anche saper distinguere tra le cose che effettivamente è utile tenere in casa o che veramente ci ispirano, e quelle che conserviamo per lo scrupolo che un giorno potremmo pentirci di averle buttate. Ma se siamo veramente persone piene di risorse, quando un giorno ci troveremo nella necessità proprio di quella cosa che abbiamo buttato sapremo ingegnarci con un'alternativa che ci sarà capitata sottomano nel frattempo. E se ci si trova con qualcosa "troppo bello per essere buttato", sono arrivata alla conclusione che vada trattato come un'opera in un museo: non puoi portarla a casa, nemmeno ti lasciano fare le foto. La guardi bene, te la imprimi nella mente e la conservi dentro di te. Anche se è solo il cartellino di un vestito, che però ha un disegno grazioso (e complimenti al graphic designer).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sul tema del lasciar andare ho appena finito di scrivere un post su Una casa a modo mio, uscirà nei prossimi giorni. Leggilo, mi sembra uscito proprio bene!
      Sono d'accordo con te, il modo di replicare e ispirarsi si trova sempre, ma io sto ancora cercando di guarire dalla malattia, abbi pazienza: fra qualche mese riuscirò anche a conservare solo dentro di me! :)

      Elimina
  2. OnorAta ed orgogliosa di essere stata citata in questo tuo post, mi fa un gran bene all'anima, credimi.... per il resto, la tua idea di riciclare carta, stoffa, immagini divertenti, etichette età è bella sul serio, e fonte di grande ispirazione!!! Un abbraccio, pole pole!

    RispondiElimina
  3. Che bello ritrovarmi qui tra le tue pagine, lietissima di aver contribuito a far girare i tuoi cricetini! =)))
    Anch'io, accumulatrice seriale di materiale da riciclare, sto provando a imparare a dire di NO, a lasciar andare ciò che davvero non può aggiungersi alla montagna di materiale che giace in attesa dell'ispirazione.
    Non vedo l'ora di ammirare il risultato delle tue nuove ispirazioni.
    A presto. =)
    Dani

    RispondiElimina

Grazie per aver lasciato un commento alle mie parole!
In questo modo nell'archivio dei vizi rimarrai anche tu, con le tue parole, col tuo pensiero, con la tua mente... e magari così verrò a trovarti anche io e chissà che non ne nasca una nuova amicizia...!!!
polepole

Seduti al bar del CircoloVizioso

Seduti al bar del CircoloVizioso
Ovvero: avete tempo per una birra? Il nostro bar è nato per conservare e ricordare i tanti "posticini del cuore" che ci hanno lasciato un'emozione. Per chi ha bisogno di trovare il suo, di posticino del cuore. Per evadere 10 minuti dalla routine quotidiana, per conoscere posti che magari non avete mai visto, per fermarsi a meditare su un'immagine, per bersi una birretta ghiacciata in compagnia degli amici... Tornate quando volete, il bar è sempre aperto!

argomenti viziosi

#10minutiPerMe #miregalolentezza #OperazioneUnPassoAllaVolta 5 stelle della P.M. A caccia di felicità con album scrap A piccoli passi accidia Afrodita alla fermata del tempo che non ho amici ancora amici antidolorificomagnifico appunti di vita vissuta architetti e architetture armadi baby babyy benvenuti a tutti blog candy e give-away buone feste Caccia al tesoro caro diario cartoline Casa Cena dell'Allegra Compagnia chi l'avrebbe mai detto? cioccolata dappertutto coccole con le mani in pasta con poche parole costruire di felicità Di Semplicità Virtù Eco-sostenibile entusiasmo Fata Bislacca FataSognante e Gri-Gri Flat Stanley fotografia giochiamo? gola grazie Happy Week Art Journal HappyWeekJournal2013 i supernonni i talenti Il gioco dei vizi il marconista Il Nostro Personale Giorno del Ringraziamento il vizio di leggere il vizio di riflettere il vizio di scrivere ilcircolovizioso ingenua insegnamenti Io me stessa e me iomivizio ItaliaNostra la grande transumanza dei segnalibri La mia agenda la supernonna la vittima lavoro LeggiAmo 2013 LeggiAmo 2014 LeggiAmo 2015 Liberiamo una ricetta 2013 Liberiamo una ricetta 2014 Lista delle Cose da Fare 2015 Lussuria mare MenoStressPiùFarfalle mi vizio con... Natalia Cattelani natura nodi che vengono al pettine non ci posso credere nonna Iolanda nuove amicizie Nutella Oggi vorrei proprio essere qui oroscopo ozio parliamone parole famose PECC pensieri e parole personaggi PestiPossibili Piccola Meraviglia piccolo Che piccolo-spazio-pubblicità PIF Pippi Calzelunghe Plastic Guerrilla poesia polepole al lavoro POLUCHINA posticini del cuore premi Project 10 books raccolte Ri-Vivere Ricette per la Cena ricette rubate rivelazioni S.A.L. scatole di latta scusa sogni e bisogni storia e storie di culture diverse strani vizi Summer Manifesto 2015 superbia swap tanti auguri a te Tatti Turisti a casa propria Una Casa a Modo Mio vecchi tempi VisteRiviste vizi Voglia di Creare voglia di viaggiare voglia di... writing tuesday ZEBUK zen zibaldone

...chi ha vizi come me...

Il Vizio di Leggere

Il Vizio di Leggere
Per non perdere il vizio, nonostante le mille cose da fare, per trovare il tempo da dedicare ad una buona lettura, per scoprire nuove emozioni e sensazioni, di quelle che solo un buon libro è capace di regalare a chi lo apre con passione e curiosità.

Il vizio di riflettere

Il vizio di riflettere
... il mio modo di Guardare e non solo Vedere ciò che ci circonda...