martedì 13 giugno 2017

Di briciole, di pioggia, di bellezza.

rain

Da quando mi sono innamorata di te, ogni cosa si è trasformata ed è talmente piena di bellezza…
L’amore è come un profumo, come una corrente, come la pioggia.
Sai, cielo mio, tu sei come la pioggia ed io, come la terra, ti ricevo e accolgo
(
Frida Kahlo)

Da quanto non ci leggiamo? C'è bisogno di un tempo silenzioso, ancora per un po'.

Intanto colgo frasi, momenti, piccole cose, pezzi di carta, ritagli di stoffa, poesie, immagini, legni sbiancati dal mare. Ne sono felice, mi fanno felice, anche se sono niente, briciole. 
Mi piace vederle lì e poi ritrovarle, magari dopo tanto tempo archiviarle, ricomporle. Chissà se queste briciole, seguendole passo passo, alla fine porteranno in qualche luogo, chissà.


Queste parole di Frida Kahlo, per esempio, mi hanno colpito forte: da tanto ho in mente di approfondire la sua vita, di saperne di più di lei. 
Quest'estate sarà il momento giusto.

giovedì 4 maggio 2017

Qualcosa per cui vivere

Un soffione
Non giudicare ogni giorno dal raccolto che raccogli,
ma dai semi che pianti.
(Robert Louis Stevenson)

Fa molto pensare, questa frase: in un periodo della mia vita in cui stanno crollando alcune delle mie certezze (di tipo lavorativo, niente di assoluto e irrisolvibile, per fortuna!) mi rendo conto che ci sarà poco da raccogliere per qualche tempo. 
Però sarà un raccolto di qualità. Garantito.
Ho seminato cose preziose per me, ho seguito il cuore, sempre, molto più che della testa. E ho sbagliato, certo, tantissime volte. Ma ogni volta è stato un seminare col cuore, un nutrire di fiducia e amore quelle piccole promesse future.

"Il Sankalpa (che in sanscrito significa “intenzione”) è come un seme che possiamo piantare nel nostro cuore e poi innaffiare con cura essendo certi che, anche se esteriormente non vediamo nulla (almeno nella fase iniziale), continuando a curarlo con costanza, amore e dedizione, lo vedremo germogliare"

Tempo fa Claudia Porta ha parlato di Sankalpa. Io da allora ho cercato il mio, aspettando, ascoltando, meditando, osservando, senza però trovarne, per un bel po' di tempo, uno che davvero risuonasse forte in me. E si sa, senza una pratica costante e convinta, certe buone abitudini tendono a perdersi per strada, rischiano di essere dimenticate nella frenesia del quotidiano.
Un giorno però, un giorno qualsiasi, senza che fosse successo nulla di particolare o notevole, almeno in apparenza, ho iniziato a notare alcune cose che si ripetevano e mi si riproponevano in continuo, ho sentito sorgere dal profondo certe domande, mie solo mie. Allora mi sono ricordata di Claudia e del Sankalpa. E ho ricominciato a cercarlo, ad ascoltarmi.

"Qualcosa per cui vivere"
(oppure)
"Una ragione per svegliarsi al mattino"

Ieri poi ho letto da Catia questa cosa qui: Ikigai. Che mi sembra un concetto molto affine a quello del Sankalpa. E allora basta fare due più due per rimettere in moto il cuore e la testa, nella ricerca del seme giusto da piantare, in questo momento:

"Contrariamente al desiderio di cambiare noi stessi per piacere agli altri, il sankalpa è un’aspirazione che viene dal profondo ed esprime ciò che – in fondo – siamo già. Esprime la nostra realtà interiore, ignorata al punto da andare (quasi) perduta. Quando il sankalpa affiora nella nostra mente, è perché abbiamo in noi tutti gli strumenti per realizzarlo. Ricorda, nel formulare la [tua] affermazione, che possiedi già tutte le qualità necessarie alla sua realizzazione"

Il mio Ikigai, il mio Sankalpa, stanno finalmente affiorando. Ho deciso finalmente di imparare a curarli, a custodirli e a farli crescere, annaffiandoli con amore e attenzione, nutrendoli della costanza e della cura di cui hanno bisogno le cose preziose.
Sono convinta che anche voi, se vi impegnate per qualche minuto ogni giorno ad ascoltarvi, ad ascoltare il vostro cuore, potete trovare quella parola, quella frase preziosa, da accudire, custodire, curare e far crescere insieme a voi.

mercoledì 22 marzo 2017

La Giornata Mondiale dell'Acqua. Pensieri, giochi e avventure



Poco tempo fa ho letto questo post di Voglio una mela blu. Mi è piaciuto il suo pensiero, mi è piaciuto lo spunto di riflessione sui temi dell'acqua e del nostro modo di usarla e sfruttarla e mi sono messa in mente di parlarne con i bambini, di avventurarci sui luoghi dell'acqua e di capire cosa possiamo/dobbiamo fare per aiutare la Natura e salvaguardare il dono più prezioso che abbiamo ricevuto: la nostra Terra.


71% di ACQUA!

Oggi, 22 marzo, è la Giornata Mondiale dell'Acqua. Come possiamo parlarne con i nostri figli? Cosa fare, cosa dire perché la cura di questo elemento, così vitale, fondamentale, diventi per loro indispensabile?
Qui trovate qualche informazione in più, qui il sito ufficiale di UnWater, il meccanismo di coordinamento, ma il web è pieno di suggerimenti, basta navigare un po' e cercarli in giro!

Conoscere l'acqua

In famiglia cerchiamo da sempre di evitare gli sprechi, aggiustando i rubinetti che perdono, riutilizzando l'acqua usata in cucina per annaffiare le piante, chiudendo la doccia mentre ci insaponiamo (qui un bel po' di consigli per non sprecare acqua)
Ho trovato un vademecum per gli insegnanti, il progetto WET, per "educare i bambini alla risorsa acqua": perché non sfruttarlo anche noi genitori? ci sono diversi giochi da fare insieme, tanti approfondimenti ed esperimenti per stimolare la curiosità dei bimbi e imparare di più anche noi. Ho stampato le pagine che mi ispiravano di più e abbiamo giocato alla Caccia all'acqua, fatto esperimenti con i gambi di sedano, costruito i materiali per ripetere Il viaggio dell'acqua...

Nei giorni scorsi poi abbiamo fatto un giro in biblioteca, come ci piace fare spesso, e abbiamo letto alcuni libri che parlano dell'acqua in modi diversi (su Zebuk potete trovare altri testi da leggere con i bambini, come questo di Emanuela Bussolati o quello di Vanessa Navicelli). Uno che ci avevano regalato tempo fa lo abbiamo ripreso e riascoltato (è accompagnato da un cd, piacevolissimo):



Acqua bell'acqua. 10 storie sul bene più prezioso, Editrice Missionaria Italiana

ACQUA BELL’ACQUA è un libro ideato da ACRA per sensibilizzare i più piccoli sulla necessità di risparmiare e conservare l’acqua. Il libro è accompagnato da un Cd. I testi letterari sono stati scritti da: Pietro Formentini, Laura Fusca, Giancarlo Migliorati, Emanuela Nava, Roberto Piumini, Giusy Quarenghi, Guido Quarzo, Silvia Roncaglia, Bruno Tognolini, Virginia Zamparelli. I disegni sono di: Emanuela Bussolati, Giusy Capizzi, Cristiana Cerretti, Sophie Fatus, Cristiano Lissoni, Giovanni Manna, Lilia Marcucci, Giulia Orecchia, Andrea Valente, Antonio Vincenti. Le voci narranti sono di Enrique Balbontin, Anna Bonel, Lella Costa, Laura Curino, Bano Ferrari, Pietro Formentini, Marina Massironi, Giovanni Storti, Dario Vergassola. Una bellissima raccolta di fiabe, favole e filastrocche sull’acqua che è anche un gesto concreto di solidarietà perché parte del ricavato servirà a finanziare progetti di accesso all’acqua della campagna Qualcuno non se la beve! e in particolare la costruzione di pozzi e infrastrutture idriche che ACRA realizza in Africa e America latina.

Avventure sull'acqua


Il Ponte della Maddalena sul fiume Serchio
Ma l'avventura più bella saranno le passeggiate sul fiume e sui torrenti di cui sono ricche la Piana Lucchese e la vicina Garfagnana: abbiamo cominciato con il fiume Serchio, (continueremo appena le condizioni del tempo ce lo permetteranno, promesso!) per scoprire sassi e natura, guardare la città da un'altra prospettiva, imparare quanto l'acqua possa dare e quanto possa togliere, in poco pochissimo tempo. Per questo dobbiamo averne cura, per questo è importante curarla e rispettarla, in ogni sua forma.

Teatro con l'acqua...?

Ho scoperto anche un testo per uno spettacolo teatrale scritto da Bruno Tognolini (uno degli autori che adoro!). Lo metto da parte e lo leggo, chissà che non ispiri nuove idee e giochi da fare insieme? ;)

Aggiornamenti

Riporto qui i vari spunti che trovo via via, perché quello dell'acqua è davvero un mondo incredibile, da imparare a conoscere meglio.

giovedì 16 marzo 2017

Le domande da farsi, le cosa da FARE.

recycle!

Per avere successo bisogna porsi queste quattro domande:
Perché? Perché no? Perché non io? Perché non adesso?
(James Allen)

Che poi bisogna capire prima di tutto del tipo di successo di cui uno parla. Per me non si tratta di diventare celebrità o di guadagnare immensi capitali, di essere famosi o di poter vivere in un castello.

Si tratta di essere felici di essere sé. Semplicemente.

Si tratta di trovare il coraggio di far di tutto per raggiungere i propri sogni, di mettere in pratica, pur folli che siano, le proprie idee.
Chi di voi non ha mai immaginato di scoprire la formula magica della felicità? Di essere, un giorno, finalmente felice, fiero di aver fatto quello che aveva sempre sognato di fare? Pensateci bene: quel percorso d'immaginazione ha accarezzato ogni volta un vostro sogno, una vostra idea, una cosa a cui avete spesso pensato ma che non avete avuto il coraggio o la forza o l'energia di fare. 

Io credo che sia proprio questa la strada giusta: 

Perché?
Perché no?
Perché non io?
Perché non adesso?

E quindi mettere nero su bianco le idee, stabilire un piano, un percorso in più punti, e FARE. Soprattutto, FARE!

venerdì 3 marzo 2017

Come sconfiggere il deserto dei Tartari

Costruisci una porta!
Se l’opportunità non bussa, costruisci una porta.

Me lo dico da sempre: se non hai un lavoro che ti piace devi inventartelo. Se non hai l'opportunità di fare e dimostrare le tue capacità, quell'opportunità devi costruirla.
E piano piano, con passetti infinitamente piccoli, mi rendo conto che qualcosa sto facendo. Seguo l'esempio della mia amata Poluchina, ascolto le parole che lascia sulla mia strada, la cerco quando mi sento completamente annientata dalle energie negative delle persone che condividono tratti di strada con me (di gente negativa è pieno il mondo, lo sapevate?), mischio piccoli passi alla vita di tutti i giorni, a quella quotidianità che spesso va stretta perché vorresti scalare mari e monti e invece.
Te ne sei accorto sì
che parti per scalare le montagne
e poi ti fermi al primo ristorante
e non ci pensi più
(La verità, Brunori Sas)
Lo ammetto: la mia maggiore difficoltà è combattere la pigrizia di base che mi ritrovo come bagaglio. Nonostante l'entusiasmo, la spinta che mi fa partire a testa bassa come un Toro, mi capita spesso, troppo spesso, di appoggiarmi per un momento in un luogo comodo, comodissimo, in una gabbia dorata, e di rimanerci poi per troppo tempo.
E infatti questa canzone sulla verità, ormai così famosa, suonata su tutte le radio, mi tormenta da un po'. E il bello è che mi piace, mi piace un sacco, questa canzone. Anche se dice cose di me che mi piacciono un po' meno. Ma accettare la verità è anche un modo per affrontarla e superarla e magari modificarla.

a volte basta una canzone, anche una stupida canzone,
solo una stupida canzone, a ricordarti chi sei“ *

questo Brunori Sas me lo devo studiare meglio, sì...

La cosa più divertente poi è scoprire e rendersi conto di tutti i segnali che arrivano a dirmi:

Svegliati!
È ora!
Devi ripartire!

Per esempio: mi capita di trovare abbandonato su una poltrona della sala d'attesa della mia dentista un Classico di quelli che dico "Eh, prima o poi devo leggerlo!" e se non l'avessi trovato lì magari non lo avrei mai fatto: la mia dentista ha accolto il progetto della biblioteca comunale del mio paese e ha fatto spazio ad uno scaffale di libri a disposizione di chiunque passi di lì. Un BookCrossing che gira per tutto il paese, tra uffici postali, negozi di alimentari, farmacie, boutique. 

Proprio a dirti: sei in coda? stai aspettando il tuo turno? allora leggi!

Di cui - ignorante! - so solo che è un classico da leggere.
Di cui a scuola non abbiamo fatto in tempo a parlare, probabilmente, perché il mio prof era fissatissimo col Novecento e questo classicone non se lo sarebbe fatto scappare, se solo avesse avuto tempo per farcelo leggere.
Di cui mi innamoro fin dalla prima pagina, perché quel Giovanni Drogo che parte presto presto per la Fortezza mi sta un sacco simpatico.
Poi a ogni pagina sento un campanellino che mi avverte del pericolo: quella "abitudine", quella tendenza a rimandare, quell'attesa del momento giusto, della grande occasione... sembro proprio io, a volte. No, spesso. Fin troppo.
Allora macino pagine, con l'ansia di sapere se quella grande occasione arriva oppure no, macino pagine alla ricerca del particolare, della strategia giusta per sconfiggere quel Deserto dei Tartari che Drogo teme tanto e che allo stesso tempo lo affascina. Da lì deve arrivare la Grande Occasione, da lì!

"[...] Ma a un certo punto, istintivamente, ci si volta indietro e si vede che un cancello è stato sprangato alle spalle nostre, chiudendo la via del ritorno. Allora si sente che qualche cosa è cambiato, il sole non sembra più immobile ma si sposta rapidamente, ahimè, non si fa tempo a fissarlo che già precipita verso il fiume dell'orizzonte, ci si accorge che le nubi non ristagnano più nei golfi azzurri del cielo ma fuggono accavallandosi l'una sull'altra, tanto è il loro affanno; si capisce che il tempo passa e che la strada un giorno dovrà pur finire." (Il deserto dei Tartari, Dino Buzzati, pag. 47)

Mentre scrivo questo post guardo l'ora, perché non vedo l'ora di continuare a leggere e arrivare alla fine del libro.
Perché quello che voglio è sconfiggere quel deserto, riuscire ad affrontarlo e ad attraversarlo, senza paura che proprio da quella parte arrivi il "pericolo", quella Grande Occasione che tanto temo e che però attendo col fiato sospeso. Solo che non si può aspettare con le mani in mano, rimandando la propria vita a quando "qualcosa succederà".
E allora continuo a costruire porte, sperando facendo tutto il possibile perché da una di quelle porte esca l'opportunità che cerco.

venerdì 24 febbraio 2017

Io CondiVivo, e tu? #MilluminoDiMeno


Dai che la conoscete anche voi, ormai, questa iniziativa qui! Bello che propongano anche questa cosa, che sa di vecchie abitudini, di quel bello stare insieme, della socialità di una volta:

"Oltre agli spegnimenti quest’anno invitiamo tutti coloro che aderiscono a compiere un gesto di condivisione contro lo spreco di risorse. È dimostrato come la più grande dispersione energetica sia causata dallo spreco in tutti ambiti dei nostri consumi: alimentari, trasporti, comunicazione. Per questo Caterpillar invita tutti gli ascoltatori il 24 febbraio a condiVivere: dando un passaggio in auto ai colleghi, organizzando una cena collettiva nel proprio condominio, aprendo la propria rete wireless ai vicini e in generale condividendo la proprie risorse come gesto concreto anti spreco e motore di socialità"

Ed ecco le regole da rispettare, non solo oggi:
  1. spegnere le luci quando non servono
  2. spegnere e non lasciare in stand by gli apparecchi elettronici
  3. sbrinare frequentemente il frigorifero; tenere la serpentina pulita e distanziata dal muro in modo che possa circolare l’aria
  4. mettere il coperchio sulle pentole quando si bolle l’acqua ed evitare sempre che la fiamma sia più ampia del fondo della pentola
  5. se si ha troppo caldo abbassare i termosifoni invece di aprire le finestre
  6. ridurre gli spifferi degli infissi riempiendoli di materiale che non lascia passare aria
  7. utilizzare le tende per creare intercapedini davanti ai vetri, gli infissi, le porte esterne
  8. non lasciare tende chiuse davanti ai termosifoni
  9. inserire apposite pellicole isolanti e riflettenti tra i muri esterni e i termosifoni
  10. utilizzare l’automobile il meno possibile, condividerla con chi fa lo stesso tragitto. Utilizzare la bicicletta per gli spostamenti in città.
Nel tempo è talmente cresciuta l'adesione a questa iniziativa, che ora stanno portando avanti la proposta di farla diventare Giornata Nazionale del Risparmio Energetico e degli Stili di Vita Sostenibili! Questo il manifesto:
Il 24 febbraio è la festa del Risparmio Energetico e degli Stili di Vita Sostenibili.
Spegniamo le luci e accendiamo l’energia della condivisione
Si può condividere l’auto per andare al lavoro.
Si può condividere la bicicletta e partire tutti insieme.
Si può iniziare ad usare il bike sharing o il car sharing.
Si può condividere il cibo: cucinare e mangiare insieme, a casa o in piazza.
Si può condividere il trapano, la polentiera, l’aspirapolvere, il tosaerba e la lavatrice.
Si può condividere la casa: con l’ospitalità, lo scambio, il divano o un posto per il sacco a pelo.
Si può condividere la banda: aprire il proprio wireless, sherare.
Si può condividere un saper fare: t’appendo quel quadro, t’insegno lo spagnolo, ti riparo la gomma della bicicletta.
Si può condividere un sapere: lasciare un libro o un giornale.
Si può condividere lo sport: correre insieme, pedalare, nuotare e sudare.
Si può condividere un telescopio e guardare le stelle che con le luci spente son più belle. E il cielo è di tutti, già condiviso
Si possono condividere i vestiti e i giocattoli usati dei nostri figli organizzando un baratto a scuola
Si possono condividere le incombenze, facciamo che oggi te lo porto fuori io il cane
Si possono condividere i genitori e i bambini facendo i compiti insieme.
Si può condividere qualsiasi cosa. Si può condividere un po’ di tempo. In silenzio. Si può anche parlare e ascoltarsi.
In ogni condivisione c’è un risparmio di energia. 
Ogni condivisione genera energia.
Condividere fa bene.
#MilluminoDiMeno
www.caterpillar.rai.it/milluminodimeno

Sapete cosa faremo noi? CondiViveremo così, risparmiando energia per abbracciarci forte forte e volerci bene: 

  1. niente tv oggi: apriremo il cassetto dei giochi in scatola e passeremo dallo Scarabeo al Labirinto Magico passando per gli shangai e il domino.
  2. cucineranno i bambini, usando poca poca energia: bruschette per tutti! e magari invitiamo anche i vicini... ;)
  3. dopo cena andremo tutti sul tappeto a lume di candela per leggere le storie del buio: una serata calda calda, con un po' di paura e tante coccole!
Dai, fatelo anche voi!

mercoledì 1 febbraio 2017

Leggendo Alda. Di farfalle e cambiamenti.

e se diventi farfalla...

E se diventi farfalla
nessuno pensa più
a ciò che è stato
quando strisciavi per terra
e non volevi le ali

Tempo fa ho letto per caso questa frase di Alda Merini, che mi ha colpito forte al cuore, anche se non ne ho capito il perché: ancora sto cercandone il motivo preciso. Ho immaginato, fatto ipotesi, cercato e meditato. Ho messo in gioco ancora una volta la mia volontà, il mio bisogno di cambiamento e quella voglia che ho da sempre di farfalle. Ho cercato dubbiosa un motivo, una ragione. L'ho scavato nel profondo, ho analizzato e indagato.
Poi oggi ho finalmente ritrovato l'intera poesia da cui era tratto quel brano. E forse ho capito qualcosa in più di quel colpo forte al cuore che mi ha dato al primo ascolto.

Eccola:

Se avess’io 
Se avess’io levità di una fanciulla
invece di codesto, torturato,
pesantissimo cuore e conoscessi
la purezza delle acque come fossi
entro raccolta in miti-sacrifici,
spoglierei questa insipida memoria
per immergermi in te, fatto mio uomo. 

Io ti debbo i racconti piu fruttuosi
della mia terra che non dà mai spiga.
e ti debbo parole come l’ape
deve miele al suo fiore.
Perché t’amo caro, da sempre,
prima dell’inferno prima del paradiso,
prima ancora che io fossi buttata nell’argilla
del mio pavido corpo.
Amore mio
quanto pesante è adducerti il mio carro
che io guido nel giorno dell’arsura
alle tue mille bocche di ristoro!

Anima mia che metti le ali
e sei un bruco possente
ti fa meno male l’oblio
che questo cerchio di velo.
E se diventi farfalla
nessuno pensa più
a ciò che è stato
quando strisciavi per terra
e non volevi le ali.


Leggendola, ora, ha tutto un altro significato. Leggendola in questo contesto è tutt'altro da quello che mi aspettavo. Leggendola, però, leggo ancora quella necessità di cambiamento. Sempre più forte. 
Il bruco si sta trasformando, sono certa che diventerà una splendida farfalla, libera, effimera ma felice.

lunedì 23 gennaio 2017

Una nuova ZeBuk Reading List, quella del 2017!


Eccoci qui, in un nuovo anno pieno di voglia di leggere. 


L'augurio più bello?
che la voglia di leggere non vi lasci mai! 

Quest'anno sarà ancora più bello farlo, in piena pienissima libertà, con la ZeBuk Reading List 2017!
Chissà che la mia voglia di leggere non si combini con quella dell'Art Journal e che non pubblichi più spesso pagine colorate e scritte fitte fitte fitte... ;)

lunedì 9 gennaio 2017

Happy Week Art Journal 2017: un nuovo anno di gratitudine. E di obiettivi da completare e serendipità

"ogni giorno, da oggi fino a Natale,
scrivere una cosa che ci rende felici
o per la quale siamo grati,
piccola o grande non importa"

Tutto è partito da qui, da un suggerimento di Laura (minimoblog) su una riflessione da fare, tutti quanti. 
Una riflessione quotidiana che ho fatto mia da un po' di tempo a questa parte, ma ripassare certe lezioni non fa mai male, vero?
Così da brava e diligente bambina (non sarà mica tornata la signora Angelica? ;) ) ho compilato ogni giorno il mio personale "oggi sono grata per..." in forma natalizia e oggi, passate tutte le feste, primo giorno di rientro generale a scuola e al lavoro, voglio mostrarvelo:


Per scrivere quelle 24 cose per cui ero grata ho ripensato alle pagine delle mie ispiratrici, ma visto che non son brava quanto loro (e visto che al momento la mia creatività è parecchio arrugginita) mi sono limitata a volare basso e scopiazzare un'idea di altri: quando ho visto quel sole tra i suggerimenti di minimo non ho potuto dire di no!

A questo punto il nuovo anno è iniziato, fortunatamente. 
Ho abbandonato le pesantezze di quello appena passato, ho cercato di far tesoro delle cose buone del 2016: poche a dire il vero, ma quelle poche si sono trasformate in una nuova, forte, decisa intenzione:

migliorare, migliore, migliorare!


Lo farò cominciando dalla gratitudine: migliorerò i miei grazie, cercherò di sentirli e farli sentire di più. E compilerò il Quaderno dei Grazie ogni giorno (magari usando questi). 

È per questo motivo che quest'anno voglio anche ricominciare a pubblicare l'Happy Week Art Journal: sarà un tentativo di liberare quella parte creativa che ultimamente è sepolta sotto metri di detriti e polvere, quella che ho fatto addormentare con la scusa della mancanza di tempo e di ispirazione, quella che invece dovremmo sempre tenere viva, perché è alla base della soddisfazione personale (a proposito, polepole: ricordati di mettere in Reading List il libro della Gilbert: Big Magic! ;) )

Pensando all'Happy Week Art Journal e cercando parole e motivazioni adatte alla Me di questo momento, in uno dei blog che seguo (Ali Edwards), ho trovato una frase che all'improvviso mi ha colpita forte, quasi in piena faccia:


"whenever you want something you've never had, 
you have to do (finish) something you've never done."


Vi ricordate della Serendipità? Molto spesso ho meditato sulle cose della vita che ho iniziato e non ho portato a termine, troppo spesso direi. E questa frase mi ha fatto tornare lì, a quelle cose che non ho avuto il coraggio di concludere. O di abbandonare. Trovarla proprio nel momento in cui stavo cercando tutt'altro mi ha fatto sorridere per la nuova conferma: la mia indicazione per il 2017, la parola a cui fare riferimento e su cui meditare (e ciapinare e scrappare e chissà cos'altro) sarà

completare

È questo il mio bisogno più forte, al momento, questo che ho bisogno di sentirmi ripetere costantemente, come un disco rotto, questo l'obiettivo che devo raggiungere per metter pace nel passato e pensare, finalmente, solo all'oggi. Completare tutte le avventure iniziate, concludere i percorsi avviati, per ognuno di loro decidere come terminarli (non "se" ma "come": perché in un modo o nell'altro devono tutti terminare).

Sì, sarà un anno di cose portate a termine questo. Me lo auguro. Ve lo auguro. :)

mercoledì 4 gennaio 2017

Vivere significa

Vivere, nonostante il gelo

« Vivere significa sempre lanciarsi in avanti, verso qualcosa di superiore, verso la perfezione, lanciarsi e cercare di arrivarci. »
(Boris Pasternak, Il dottor Živago)

Che il 2017 sia fatto di continui lanci in avanti, per tutti.

Seduti al bar del CircoloVizioso

Seduti al bar del CircoloVizioso
Ovvero: avete tempo per una birra? Il nostro bar è nato per conservare e ricordare i tanti "posticini del cuore" che ci hanno lasciato un'emozione. Per chi ha bisogno di trovare il suo, di posticino del cuore. Per evadere 10 minuti dalla routine quotidiana, per conoscere posti che magari non avete mai visto, per fermarsi a meditare su un'immagine, per bersi una birretta ghiacciata in compagnia degli amici... Tornate quando volete, il bar è sempre aperto!

argomenti viziosi

#10minutiPerMe #miregalolentezza #OperazioneUnPassoAllaVolta 5 stelle della P.M. A caccia di felicità con album scrap A piccoli passi accidia Afrodita alla fermata del tempo che non ho amici ancora amici antidolorificomagnifico appunti di vita vissuta architetti e architetture armadi baby babyy benvenuti a tutti blog candy e give-away buone feste Caccia al tesoro caro diario cartoline Casa Cena dell'Allegra Compagnia chi l'avrebbe mai detto? cioccolata dappertutto coccole con le mani in pasta con poche parole costruire di felicità Di Semplicità Virtù Eco-sostenibile entusiasmo Fata Bislacca FataSognante e Gri-Gri Flat Stanley fotografia giochiamo? gola grazie Happy Week Art Journal HappyWeekJournal2013 i supernonni i talenti Il gioco dei vizi il marconista Il Nostro Personale Giorno del Ringraziamento il vizio di leggere il vizio di riflettere il vizio di scrivere ilcircolovizioso ingenua insegnamenti Io me stessa e me iomivizio ItaliaNostra la grande transumanza dei segnalibri La mia agenda la supernonna la vittima lavoro LeggiAmo 2013 LeggiAmo 2014 LeggiAmo 2015 Liberiamo una ricetta 2013 Liberiamo una ricetta 2014 Lista delle Cose da Fare 2015 Lussuria mare MenoStressPiùFarfalle mi vizio con... Natalia Cattelani natura nodi che vengono al pettine non ci posso credere nonna Iolanda nuove amicizie Nutella Oggi vorrei proprio essere qui oroscopo ozio parliamone parole famose PECC pensieri e parole personaggi PestiPossibili Piccola Meraviglia piccolo Che piccolo-spazio-pubblicità PIF Pippi Calzelunghe Plastic Guerrilla poesia polepole al lavoro POLUCHINA posticini del cuore premi Project 10 books raccolte Ri-Vivere Ricette per la Cena ricette rubate rivelazioni S.A.L. scatole di latta scusa sogni e bisogni storia e storie di culture diverse strani vizi Summer Manifesto 2015 superbia swap tanti auguri a te Tatti Turisti a casa propria Una Casa a Modo Mio vecchi tempi VisteRiviste vizi Voglia di Creare voglia di viaggiare voglia di... writing tuesday ZEBUK zen zibaldone

...chi ha vizi come me...

Il Vizio di Leggere

Il Vizio di Leggere
Per non perdere il vizio, nonostante le mille cose da fare, per trovare il tempo da dedicare ad una buona lettura, per scoprire nuove emozioni e sensazioni, di quelle che solo un buon libro è capace di regalare a chi lo apre con passione e curiosità.

Il vizio di riflettere

Il vizio di riflettere
... il mio modo di Guardare e non solo Vedere ciò che ci circonda...