venerdì 3 marzo 2017

Come sconfiggere il deserto dei Tartari

Costruisci una porta!
Se l’opportunità non bussa, costruisci una porta.

Me lo dico da sempre: se non hai un lavoro che ti piace devi inventartelo. Se non hai l'opportunità di fare e dimostrare le tue capacità, quell'opportunità devi costruirla.
E piano piano, con passetti infinitamente piccoli, mi rendo conto che qualcosa sto facendo. Seguo l'esempio della mia amata Poluchina, ascolto le parole che lascia sulla mia strada, la cerco quando mi sento completamente annientata dalle energie negative delle persone che condividono tratti di strada con me (di gente negativa è pieno il mondo, lo sapevate?), mischio piccoli passi alla vita di tutti i giorni, a quella quotidianità che spesso va stretta perché vorresti scalare mari e monti e invece.
Te ne sei accorto sì
che parti per scalare le montagne
e poi ti fermi al primo ristorante
e non ci pensi più
(La verità, Brunori Sas)
Lo ammetto: la mia maggiore difficoltà è combattere la pigrizia di base che mi ritrovo come bagaglio. Nonostante l'entusiasmo, la spinta che mi fa partire a testa bassa come un Toro, mi capita spesso, troppo spesso, di appoggiarmi per un momento in un luogo comodo, comodissimo, in una gabbia dorata, e di rimanerci poi per troppo tempo.
E infatti questa canzone sulla verità, ormai così famosa, suonata su tutte le radio, mi tormenta da un po'. E il bello è che mi piace, mi piace un sacco, questa canzone. Anche se dice cose di me che mi piacciono un po' meno. Ma accettare la verità è anche un modo per affrontarla e superarla e magari modificarla.

a volte basta una canzone, anche una stupida canzone,
solo una stupida canzone, a ricordarti chi sei“ *

questo Brunori Sas me lo devo studiare meglio, sì...

La cosa più divertente poi è scoprire e rendersi conto di tutti i segnali che arrivano a dirmi:

Svegliati!
È ora!
Devi ripartire!

Per esempio: mi capita di trovare abbandonato su una poltrona della sala d'attesa della mia dentista un Classico di quelli che dico "Eh, prima o poi devo leggerlo!" e se non l'avessi trovato lì magari non lo avrei mai fatto: la mia dentista ha accolto il progetto della biblioteca comunale del mio paese e ha fatto spazio ad uno scaffale di libri a disposizione di chiunque passi di lì. Un BookCrossing che gira per tutto il paese, tra uffici postali, negozi di alimentari, farmacie, boutique. 

Proprio a dirti: sei in coda? stai aspettando il tuo turno? allora leggi!

Di cui - ignorante! - so solo che è un classico da leggere.
Di cui a scuola non abbiamo fatto in tempo a parlare, probabilmente, perché il mio prof era fissatissimo col Novecento e questo classicone non se lo sarebbe fatto scappare, se solo avesse avuto tempo per farcelo leggere.
Di cui mi innamoro fin dalla prima pagina, perché quel Giovanni Drogo che parte presto presto per la Fortezza mi sta un sacco simpatico.
Poi a ogni pagina sento un campanellino che mi avverte del pericolo: quella "abitudine", quella tendenza a rimandare, quell'attesa del momento giusto, della grande occasione... sembro proprio io, a volte. No, spesso. Fin troppo.
Allora macino pagine, con l'ansia di sapere se quella grande occasione arriva oppure no, macino pagine alla ricerca del particolare, della strategia giusta per sconfiggere quel Deserto dei Tartari che Drogo teme tanto e che allo stesso tempo lo affascina. Da lì deve arrivare la Grande Occasione, da lì!

"[...] Ma a un certo punto, istintivamente, ci si volta indietro e si vede che un cancello è stato sprangato alle spalle nostre, chiudendo la via del ritorno. Allora si sente che qualche cosa è cambiato, il sole non sembra più immobile ma si sposta rapidamente, ahimè, non si fa tempo a fissarlo che già precipita verso il fiume dell'orizzonte, ci si accorge che le nubi non ristagnano più nei golfi azzurri del cielo ma fuggono accavallandosi l'una sull'altra, tanto è il loro affanno; si capisce che il tempo passa e che la strada un giorno dovrà pur finire." (Il deserto dei Tartari, Dino Buzzati, pag. 47)

Mentre scrivo questo post guardo l'ora, perché non vedo l'ora di continuare a leggere e arrivare alla fine del libro.
Perché quello che voglio è sconfiggere quel deserto, riuscire ad affrontarlo e ad attraversarlo, senza paura che proprio da quella parte arrivi il "pericolo", quella Grande Occasione che tanto temo e che però attendo col fiato sospeso. Solo che non si può aspettare con le mani in mano, rimandando la propria vita a quando "qualcosa succederà".
E allora continuo a costruire porte, sperando facendo tutto il possibile perché da una di quelle porte esca l'opportunità che cerco.

Nessun commento:

Posta un commento

Grazie per aver lasciato un commento alle mie parole!
In questo modo nell'archivio dei vizi rimarrai anche tu, con le tue parole, col tuo pensiero, con la tua mente... e magari così verrò a trovarti anche io e chissà che non ne nasca una nuova amicizia...!!!
polepole

Seduti al bar del CircoloVizioso

Seduti al bar del CircoloVizioso
Ovvero: avete tempo per una birra? Il nostro bar è nato per conservare e ricordare i tanti "posticini del cuore" che ci hanno lasciato un'emozione. Per chi ha bisogno di trovare il suo, di posticino del cuore. Per evadere 10 minuti dalla routine quotidiana, per conoscere posti che magari non avete mai visto, per fermarsi a meditare su un'immagine, per bersi una birretta ghiacciata in compagnia degli amici... Tornate quando volete, il bar è sempre aperto!

argomenti viziosi

#10minutiPerMe #miregalolentezza #OperazioneUnPassoAllaVolta 5 stelle della P.M. A caccia di felicità con album scrap A piccoli passi accidia Afrodita alla fermata del tempo che non ho amici ancora amici antidolorificomagnifico appunti di vita vissuta architetti e architetture armadi baby babyy benvenuti a tutti blog candy e give-away buone feste Caccia al tesoro caro diario cartoline Casa Cena dell'Allegra Compagnia chi l'avrebbe mai detto? cioccolata dappertutto coccole con le mani in pasta con poche parole costruire di felicità Di Semplicità Virtù Eco-sostenibile entusiasmo Fata Bislacca FataSognante e Gri-Gri Flat Stanley fotografia giochiamo? gola grazie Happy Week Art Journal HappyWeekJournal2013 i supernonni i talenti Il gioco dei vizi il marconista Il Nostro Personale Giorno del Ringraziamento il vizio di leggere il vizio di riflettere il vizio di scrivere ilcircolovizioso ingenua insegnamenti Io me stessa e me iomivizio ItaliaNostra la grande transumanza dei segnalibri La mia agenda la supernonna la vittima lavoro LeggiAmo 2013 LeggiAmo 2014 LeggiAmo 2015 Liberiamo una ricetta 2013 Liberiamo una ricetta 2014 Lista delle Cose da Fare 2015 Lussuria mare MenoStressPiùFarfalle mi vizio con... Natalia Cattelani natura nodi che vengono al pettine non ci posso credere nonna Iolanda nuove amicizie Nutella Oggi vorrei proprio essere qui oroscopo ozio parliamone parole famose PECC pensieri e parole personaggi PestiPossibili Piccola Meraviglia piccolo Che piccolo-spazio-pubblicità PIF Pippi Calzelunghe Plastic Guerrilla poesia polepole al lavoro POLUCHINA posticini del cuore premi Project 10 books raccolte Ri-Vivere Ricette per la Cena ricette rubate rivelazioni S.A.L. scatole di latta scusa sogni e bisogni storia e storie di culture diverse strani vizi Summer Manifesto 2015 superbia swap tanti auguri a te Tatti Turisti a casa propria Una Casa a Modo Mio vecchi tempi VisteRiviste vizi Voglia di Creare voglia di viaggiare voglia di... writing tuesday ZEBUK zen zibaldone

...chi ha vizi come me...

Il Vizio di Leggere

Il Vizio di Leggere
Per non perdere il vizio, nonostante le mille cose da fare, per trovare il tempo da dedicare ad una buona lettura, per scoprire nuove emozioni e sensazioni, di quelle che solo un buon libro è capace di regalare a chi lo apre con passione e curiosità.

Il vizio di riflettere

Il vizio di riflettere
... il mio modo di Guardare e non solo Vedere ciò che ci circonda...