lunedì 15 febbraio 2010

Meno male che c'è Pippi!




[Da leggere quando ti trovi col fiato sul collo, con la casa da sistemare, la cena da preparare, le mail da spedire, le telefonate da fare e la doccia che ti aspetta... e ti vede solo a notte fonda, perché prima di te vengono tua figlia, tuo marito e poi tutto il resto del mondo...]

Non sono una che ha l’abitudine di parcheggiare sua figlia davanti alla tv, anzi, cerco di tenerla il più possibile lontana di lì, ma ci sono momenti in cui ripenso alla mia infanzia felice e allora i ricordi arrivano in superficie, come le bollicine dell’acqua gassata, tra riccioli colorati, stelle filanti, filastrocche e cantilene...

In occasione di un compleanno (forse il 4°? ... aaah! milioni di anni fa!) mi regalarono il libro della scrittrice svedese Astrid Lindgren, che raccontava la storia di una bambina molto particolare: è uno dei libri grazie ai quali ho imparato a leggere e che è saltato fuori nell’ultima incursione della piccola meraviglia a casa dei nonni (lo rileggeremo insieme io e lei, e poi forse ve lo racconteremo...! ;-))

Venite avanti gentil cavaliere...
Pippilotta Viktualia Rullgardina Succiamenta Efraisilla Calzelunghe mi ha sempre conquistata con la sua audacia, con le sue trecce che sfidavano la gravità e i modi di fare da bimba maleducata: era un esempio di tutto quello che sapevo non si poteva fare, il modello da non seguire mai, ma quanto mi intrigava, e quanto ammiravo la sua forza e la tenerezza e i pensieri carini che aveva sempre per Annika e Tommy e per gli altri ragazzini del paese... per loro preparava giochi in giardino, regali provenienti da isole inventate,  frittelle che faceva saltare direttamente dalla padella al piatto e sorprese a non finire!
La cosa che mi incuriosiva di più era cercare di capire come potesse essere sempre così felice e sorridente, se poi ogni sera doveva brontolarsi da sola perché non andava a letto!

Quando ho scoperto che erano disponibili tutti gli episodi del telefilm che adoravo da piccola, ho fatto salti di gioia e mi sono messa i soldini da parte per comprarli tutti (che poi magari li trovavo anche su internet, ma mica lo sapevo...). E ora, quando ho bisogno di tornare ad essere bambina, ma anche quando la piccola meraviglia non mi lascia spazio per respirare tre secondi e sta per prendermi un attacco d’ansia (;-P), le propongo di guardarci un episodio di Pippi.

Risultato: lei rimane incantata, seduta sul divano come una bambolina di porcellana, inspiegabilmente immobile per quasi 10 minuti (l’abbiamo cronometrata ed è proprio il massimo che riesce a fare!)....
Io, in quei magici 10 preziosi minuti, prendo fiato.
E m’incanto a mia volta, coma da bambina, di fronte a quella impertinente tenera sfrontata e tanto dolce e buona Pippi Calzelunghe!

15 commenti:

  1. Devo assolutamente rimediare... confesso di non averla mai vista nemmeno da piccola! Però se esiste qualcosa che immobilizza Dafne per 10 minuti (me ne bastano anche 9!), la provo di sicuro :)

    Buona settimana!
    Mammafelice

    RispondiElimina
  2. Pippi è uno stupendo ricordo anche della mia infanzia. Un paio d'anni fa ho cercato il libro, quello bello... impossibile da reperire, ma adesso riprovo, non si sa mai... era bellissimo...
    ciao

    RispondiElimina
  3. Pippi Pipppi Piiiiipppiiii che nome fà un po' ridere, ma voi ridereeete per quello che farò.....ah, che ricordi...anche io l'amavo tanto Pippi, e parecchio tempo fa, in gita a Stoccolma, con la scusa di portarci la (allora lo era...) piccina, volli visitare il museo Junibacken,per entrare in Villa Villacolle, la casa di Pippi e rivivere, toccando con mano, la magia del suo mondo.....eh...che bei ricordi.....adesso però per tenere "buona" la picciona servono ore ed ore ed ore di facebook.....
    Come cambiano le cose....

    Ti bacio
    Tatti

    RispondiElimina
  4. meraviglia delle meraviglie ^^ pippi è l'eroina di tutte noi! e son sicura che appena la mia pupetta avrà voglia di televisione...io ti seguirò a ruota e le proporrò la mitica pippi con le sue trecce che sfidavano la gravità! mi piace!!!

    RispondiElimina
  5. Veeeeeerissimo, perfino nella mia infanzia, nell'Alto Paleistocene, ce ne stavamo tutti nella grotta, al riparo dagli pterodattili, a guardare Pippi... E molto più tardi la mia piccola ne è stata ugualmente rapita.
    Segnalo a tutte il blog di Gloria Calze-lunghe, che è talmente pippesca che ha chiamato sua figlia ANNIKA. All'anagrafe, mica scherzi!
    DaniVS

    RispondiElimina
  6. concordo! la mia bambina cade in catalessi alla prima nota della canzone d'inizio! e nn solo lei:))))

    RispondiElimina
  7. io non lo vedevo da piccola..solo qualche puntata..adesso lo fanno su sky e anche a Letizia piace molto e canta sempre la canzoncina..all'inizio quando ha iniziato a guardarlo ho pensato..ma farò bene? con tutti quei guai che combina pippi non vorrei che iniziasse ad imitarla..come quando si è messa delle spazzole ai piedi come pattini per pulire il pavimento :)..oh mamma e se cade?io sono una di quelle che vede pericoli ovunque ahah
    cmq anche io tengo lety il meno possibile davanti alla tv..anzi a volte anche se l'accendo lei gioca senza badarci
    un abbraccio grade polepole

    RispondiElimina
  8. Anche a me Pippi è sempre piaciuta moltissimo... E' stato tra i primi libri che ho letto a Puzzola, subito prima di "Vacanze nell'isola dei gabbiani" e "Emil", sempre della stessa autrice... hc bellissimi ricordi quel telefilm, quasi quasi li cerco anch'io come hai già fatto tu!

    RispondiElimina
  9. 10 minuti... allora non è il mio che è difettato, deve essere un limite accettabile per l'età... anche se ha un anno in più, mavabbè, facciamo finta di niente ;P
    Pippi però non la conosco: ho provato qualche volta a vedere qualcosa ma dopo pochissimo mi saliva un nervoso tale che le avrei spaccato la faccia...

    RispondiElimina
  10. PiPPiiiiii il mio mito... non mi sono persa neanche una puntata.... e ho anche acquistato le videocassette....
    Beh come vedi anche oggi ha un effetto terapeutico anche con la tua piccolina....
    EVVIVA PIPPIIIII
    ciao Rita

    RispondiElimina
  11. @ Mammafelice: sì sì! Ti assicuro che funziona! E poi credo che Pippi sia un soggetto che applicava le regole del tuo librino già prima che tu le scrivessi... devi assolutamente conoscerla!

    @ Ale: credo che sia una buona cosa rileggere i libri del passato... aspeta qualche giorno e avrai delle sorprese sull’argomento!

    @ Tatti: uuuuuuh! che bello! in gita a Stoccolma a casa di Pippi! ma davvero si può vedere la sua casa? Ma allora programmo subito un viaggio!

    @ Pandora: sai? se la piccola continua così, credo che le dovrò fare il vestitino di Pippi, per il prossimo carnevale...

    @ VerdeSalvia: vado subito a cercare il suo blog! grazie della segnalazione!

    @ Katia: :-))

    @ Antonella: il rischio c’è sempre, coi piccoli. Ma noi le abbiamo insegnato che quello che fa Pippi si può fare solo a casa di Pippi e solo quando c’è lei... funzionerà?

    @ lizzy: gli altri libri della Lindgren non li conosco, in effetti... magari è l’occasione per farsi una cultura!

    @ Cipi: ma dai, com’è possibile? Pippi è troppo buffa e simpatica e conquistatrice per non innamorarsi di lei...

    @ Rita: meglio della Tachipirina, direi...!

    RispondiElimina
  12. POLE sono troppo maniacale e perfezionista...

    RispondiElimina
  13. Grazie per avermi riportato Pippi dai meandri della memoria!!!!Mi sa che cercherò anch'io i telefilm...

    RispondiElimina
  14. ciao cara
    guarda in cosa mi sono imbattuta durante una visita nel blog di Robertina..un post sul viaggo alla casa di pippi
    http://dallaaallas.blogspot.com/search/label/Pippi%20Calzelunghe

    un bacio grande
    Anto

    RispondiElimina
  15. @ Antonella: ma grazie!!! E' bellissimo il reportage che ha fatto Robertina (che tra l'altro non conoscevo ancora...) e sto quasi quasi pensando di farci un viaggetto anche io, dato che tra tutte mi avete stuzzicato la voglia di fare una gita... :))

    @ Cipi: ma dai, credo che guardare Pippi ti farebbe un gran bene, sai? ;-))

    @ EleVi: se ti serve aiuto... ;))

    RispondiElimina

Grazie per aver lasciato un commento alle mie parole!
In questo modo nell'archivio dei vizi rimarrai anche tu, con le tue parole, col tuo pensiero, con la tua mente... e magari così verrò a trovarti anche io e chissà che non ne nasca una nuova amicizia...!!!
polepole

Seduti al bar del CircoloVizioso

Seduti al bar del CircoloVizioso
Ovvero: avete tempo per una birra? Il nostro bar è nato per conservare e ricordare i tanti "posticini del cuore" che ci hanno lasciato un'emozione. Per chi ha bisogno di trovare il suo, di posticino del cuore. Per evadere 10 minuti dalla routine quotidiana, per conoscere posti che magari non avete mai visto, per fermarsi a meditare su un'immagine, per bersi una birretta ghiacciata in compagnia degli amici... Tornate quando volete, il bar è sempre aperto!

argomenti viziosi

#10minutiPerMe #miregalolentezza #OperazioneUnPassoAllaVolta 5 stelle della P.M. A caccia di felicità con album scrap A piccoli passi accidia Afrodita alla fermata del tempo che non ho amici ancora amici antidolorificomagnifico appunti di vita vissuta architetti e architetture armadi baby babyy benvenuti a tutti blog candy e give-away buone feste Caccia al tesoro caro diario cartoline Casa Cena dell'Allegra Compagnia chi l'avrebbe mai detto? cioccolata dappertutto coccole con le mani in pasta con poche parole costruire di felicità Di Semplicità Virtù Eco-sostenibile entusiasmo Fata Bislacca FataSognante e Gri-Gri Flat Stanley fotografia giochiamo? gola grazie Happy Week Art Journal HappyWeekJournal2013 i supernonni i talenti Il gioco dei vizi il marconista Il Nostro Personale Giorno del Ringraziamento il vizio di leggere il vizio di riflettere il vizio di scrivere ilcircolovizioso ingenua insegnamenti Io me stessa e me iomivizio ItaliaNostra la grande transumanza dei segnalibri La mia agenda la supernonna la vittima lavoro LeggiAmo 2013 LeggiAmo 2014 LeggiAmo 2015 Liberiamo una ricetta 2013 Liberiamo una ricetta 2014 Lista delle Cose da Fare 2015 Lussuria mare MenoStressPiùFarfalle mi vizio con... Natalia Cattelani natura nodi che vengono al pettine non ci posso credere nonna Iolanda nuove amicizie Nutella Oggi vorrei proprio essere qui oroscopo ozio parliamone parole famose PECC pensieri e parole personaggi PestiPossibili Piccola Meraviglia piccolo Che piccolo-spazio-pubblicità PIF Pippi Calzelunghe Plastic Guerrilla poesia polepole al lavoro POLUCHINA posticini del cuore premi Project 10 books raccolte Ri-Vivere Ricette per la Cena ricette rubate rivelazioni S.A.L. scatole di latta scusa sogni e bisogni storia e storie di culture diverse strani vizi Summer Manifesto 2015 superbia swap tanti auguri a te Tatti Turisti a casa propria Una Casa a Modo Mio vecchi tempi VisteRiviste vizi Voglia di Creare voglia di viaggiare voglia di... writing tuesday ZEBUK zen zibaldone

...chi ha vizi come me...

Il Vizio di Leggere

Il Vizio di Leggere
Per non perdere il vizio, nonostante le mille cose da fare, per trovare il tempo da dedicare ad una buona lettura, per scoprire nuove emozioni e sensazioni, di quelle che solo un buon libro è capace di regalare a chi lo apre con passione e curiosità.

Il vizio di riflettere

Il vizio di riflettere
... il mio modo di Guardare e non solo Vedere ciò che ci circonda...