venerdì 8 luglio 2011

Turisti a casa... Pescia









Capita per caso. Come la maggior parte delle cose che ti accadono in questo periodo. Ti trovi lì, ad aspettare mezz'ora. E allora giri per le vie della città in attesa del tuo appuntamento. Stranamente sei in anticipo.

E allora ti godi quell'aria così particolare. Quella di un paese che sembra città e che sa donare quel suo fascino a chi lo voglia accogliere.


Passi per vicoli e stradine, incontri persone che ti salutano come se ti conoscessero da una vita, scopri scorci che nascondono sorprese, emergi alla fine di quel buio con la felice vista di uno slargo sporco e poco frequentato.


Vita, anche la non-vita lo è. A suo modo.

Sembra quasi di essere entrati nelle pagine di un libro. L'ultimo che hai letto. E tu ti aspetti proprio che da un momento all'altro sbuchi fuori qualche tipo poco raccomandabile... invece ti aspetta la vecchina dei piccioni, seduta da una parte, col pane raffermo già pronto per chi lo vorrà. E per companatico i suoi ricordi. Quel poco che ricorda dei suoi ricordi. Sempre che siano ricordi e non fantasie.
E comunque poco importa cosa siano. L'importante è lasciar correre il pensiero. E parlare, a voce alta, per allontanare i fantasmi.


Poi parti alla ricerca di antico. La piazza ti abbraccia e ti offre la sua vista. Il palazzo sta sempre lì, imponente e altero. E trovi stemmi, vecchi vetri, bandiere al vento. Il ricordo di quello che è stato e di quello che ancora sarà. Perché anche se qualcosa sparisse rimarrebbe comunque nella memoria di chi c'era.


E tu, quasi non ricordi perché sei qui, persa tra le pagine di una vecchia città, nelle 'orecchie' fatte per tenere il segno. Tra polvere, saluti, suoni e righe scritte a margine.

 
E negli spazi tra quelle pagine un po' di cielo. Per ricordare sempre.

3 commenti:

  1. che bello questo gironzolare senza meta alla riscoperta dei dettagli...sono privilegi che solo in certi posti si ha la fortuna di avere. un saluto!

    RispondiElimina
  2. TESORAAAAAAAAAA...

    Mi siete mancate!...esposizione..FINITA! ;o)

    (UFFFFFFFFA!!!)

    Sono d'accordo con Andrea.

    Anche io amo girare con lo stesso intento!...cercare, catturare, rubare immagini, vita, ritagli di tempo che stazionano lì, da sempre ma mai colti!

    BACI a tutti e...4! ;o) NI

    RispondiElimina
  3. Ah, è un piacere infinito, quello di vagare senza guida in un qualsiasi luogo!
    E il bello è farlo nei luoghi che conosci. Ma che non hai mai guardato con occhi diversi. Giocare a fare il turista in casa propria, girottolando con il naso all'insù per le strade che fai tutti i santi giorni. Ma come se tu non ci fossi mai stato.
    Bellissimo.

    @ Andrea: ma quanto è bello passare da te?
    @ Ni: non vedevo l'ora di poterti risentire, tesora!!! ;)

    RispondiElimina

Grazie per aver lasciato un commento alle mie parole!
In questo modo nell'archivio dei vizi rimarrai anche tu, con le tue parole, col tuo pensiero, con la tua mente... e magari così verrò a trovarti anche io e chissà che non ne nasca una nuova amicizia...!!!
polepole

Seduti al bar del CircoloVizioso

Seduti al bar del CircoloVizioso
Ovvero: avete tempo per una birra? Il nostro bar è nato per conservare e ricordare i tanti "posticini del cuore" che ci hanno lasciato un'emozione. Per chi ha bisogno di trovare il suo, di posticino del cuore. Per evadere 10 minuti dalla routine quotidiana, per conoscere posti che magari non avete mai visto, per fermarsi a meditare su un'immagine, per bersi una birretta ghiacciata in compagnia degli amici... Tornate quando volete, il bar è sempre aperto!

argomenti viziosi

#10minutiPerMe #miregalolentezza #OperazioneUnPassoAllaVolta 5 stelle della P.M. A caccia di felicità con album scrap A piccoli passi accidia Afrodita alla fermata del tempo che non ho amici ancora amici antidolorificomagnifico appunti di vita vissuta architetti e architetture armadi baby babyy benvenuti a tutti blog candy e give-away buone feste Caccia al tesoro caro diario cartoline Casa Cena dell'Allegra Compagnia chi l'avrebbe mai detto? cioccolata dappertutto coccole con le mani in pasta con poche parole costruire di felicità Di Semplicità Virtù Eco-sostenibile entusiasmo Fata Bislacca FataSognante e Gri-Gri Flat Stanley fotografia giochiamo? gola grazie Happy Week Art Journal HappyWeekJournal2013 i supernonni i talenti Il gioco dei vizi il marconista Il Nostro Personale Giorno del Ringraziamento il vizio di leggere il vizio di riflettere il vizio di scrivere ilcircolovizioso ingenua insegnamenti Io me stessa e me iomivizio ItaliaNostra la grande transumanza dei segnalibri La mia agenda la supernonna la vittima lavoro LeggiAmo 2013 LeggiAmo 2014 LeggiAmo 2015 Liberiamo una ricetta 2013 Liberiamo una ricetta 2014 Lista delle Cose da Fare 2015 Lussuria mare MenoStressPiùFarfalle mi vizio con... Natalia Cattelani natura nodi che vengono al pettine non ci posso credere nonna Iolanda nuove amicizie Nutella Oggi vorrei proprio essere qui oroscopo ozio parliamone parole famose PECC pensieri e parole personaggi PestiPossibili Piccola Meraviglia piccolo Che piccolo-spazio-pubblicità PIF Pippi Calzelunghe Plastic Guerrilla poesia polepole al lavoro POLUCHINA posticini del cuore premi Project 10 books raccolte Ri-Vivere Ricette per la Cena ricette rubate rivelazioni S.A.L. scatole di latta scusa sogni e bisogni storia e storie di culture diverse strani vizi Summer Manifesto 2015 superbia swap tanti auguri a te Tatti Turisti a casa propria Una Casa a Modo Mio vecchi tempi VisteRiviste vizi Voglia di Creare voglia di viaggiare voglia di... writing tuesday ZEBUK zen zibaldone

...chi ha vizi come me...

Il Vizio di Leggere

Il Vizio di Leggere
Per non perdere il vizio, nonostante le mille cose da fare, per trovare il tempo da dedicare ad una buona lettura, per scoprire nuove emozioni e sensazioni, di quelle che solo un buon libro è capace di regalare a chi lo apre con passione e curiosità.

Il vizio di riflettere

Il vizio di riflettere
... il mio modo di Guardare e non solo Vedere ciò che ci circonda...