lunedì 28 settembre 2009

ORECCHIETTE (E PIZZARIEDDI) FATTE IN CASA COL RAGU’ DI CARNE




[n.d.r.: la “maninadiforchettadotata” è chiaramente quella della piccola meraviglia, che non mi ha dato modo di fare una foto un pochino più degna dello scopo, tanta era la voglia di mangiare che aveva...! Mi perdonate??? ;-))]




Ma è possibile?!
Non si riesce a trovare un bel post con tanto di passo-passo per la preparazione delle orecchiette fatte a mano... e io che contavo sul web! ... vorrà dire che sarà uno dei prossimi post da fare a quattro mani con la supernonna, nel senso che io fotografo e lei lavora...! ;-))
A parte tutto, a me l’ha insegnato Nonna Iolanda a fare le orecchiette, e googolando qua e là speravo di trovare un tutorial al volo per farle come ha insegnato lei a me...  ma devo ammettere che è vero: ognuno ha il suo modo e la sua maniera.
E nessuno le ha postate proprio come quelle che faceva lei. C’è chi le schiaccia e basta, chi le fa col coltello, chi le rigira su se stesse, chi no... ok, allora: intanto godetevi queste, preparate al volo domenica mattina, senza macchina fotografica al seguito (la testa, polepole, la testa! meno male che è attaccata al collo, eh?!)
Abbiamo preparato le orecchiette ed i pizzarieddi perchè c’era voglia di tornare almeno col pensiero alle vacanze, a quelli che abbiamo gustato il giorno di Ferragosto, quando ce li siamo visti recapitare come ‘dono per la festa’, tutti belli infarinati, nei loro vassoi di carta...


Assaggiateli anche voi conditi con un bel ragù di carne come lo faccio io (non so se è alla bolognese o alla toscana o alla pugliese... boh!? diciamo che è “alla polepole”, visto che la preparazione è luuuuunga....!)


ORECCHIETTE (E PIZZARIEDDI) FATTE IN CASA COL RAGU’ DI CARNE


ingredienti x 4 persone (per le orecchiette):
  • 400 gr di farina di grano duro
  • acqua tiepida
  • sale


ingredienti per il ragù (non è per 4 persone, queste sono le dosi minime per come lo faccio io... ma quello che vi avanza lo potete sempre mettere nei barattoli e conservarlo, congelarlo, papparvelo il giorno dopo con le lasagne...!):
  • Olio e.v.o.
  • 2 carote
  • 2 gambi di sedano
  • 1 cipolla
  •  1 rametto di salvia
  • 4 etti di carne tritata (io faccio 3 di macinata di chianina e 1 di maiale)
  • vino rosso (secco e non frizzante)
  • 1/2 l di salsa di pomodoro (se ne avete voglia preparatela voi, magari coi pachino, che viene spettacolare...!)
  • sale e pepe
  •  5 foglie di basilico


Preparazione del ragù:
  1. In una pentola a bordi bassi e abbastanza larga mettere olio a coprire tutto il fondo
  2. Fare un trito (a mano, con tanto di mezzaluna al seguito: quello del frullatore è sempre troppo fine, il bello invece è sentire la consistenza delle verdure: le ‘pappe’ non ci piacciono mica, a noi...!) con le verdure e la salvia, scaldare leggermente l’olio a fiamma allegra e aggiungere le verdure tritate
  3. Appena imbiondita la cipolla, mettere nella pentola anche la carne macinata, spezzettata col cucchiaio di legno (sempre e solo ‘cucchiaio di legno’, eh?!)
  4. Mescolare spesso e - appena tutta la carne avrà cambiato colore - sfumare con mezzo bicchiere di vino rosso buono (lo so che ‘buono’ non andrebbe nemmeno detto, ma mi giunge voce che qualcuno usi il vino ‘cattivo’ per cucinare, perché “tanto è per cucinare”... :-((!)
  5. Quando il vino sarà evaporato aggiungere la salsa di pomodoro (‘buona’ anche quella, eh?! gli ottimi risultati dipendono dagli ottimi ingredienti...!!!)
  6. Abbassare la fiamma e far cuocere per un’oretta circa o quanto basta per far ritirare il sugo troppo liquido
  7. Aggiustate di sale e se volete di pepe, spengete la fiamma
  8. Aggiungere le foglie di basilico pulite con un panno umido (non lavatele, mi raccomando, pulitele e basta, senza strusciarle troppo, per non ridurre il profumo che emanano!)


NOTE AL TESTO:
Ci sono tanti modi per preparare le orecchiette a mano, per chi vuole cimentarsi nell’impresa (ve lo consiglio caldamente, è tutta un’altra cosa il gusto della pasta fatta in casa) ecco due link a cui va il mio premio-simpatia:
  • Youtube (perché a parte il personaggio sullo sfondo, che è troppo divertente, è così bello vedere la passione e l’arte che sta dietro la preparazione del cibo...)
  • Muccapazza (per il racconto divertente e la ricetta con i broccoli, che è una delle mie preferite per l’inverno)


Per i pizzarieddi non ho trovato nemmeno un filmatino... :-(( comunque si tratta di una pasta tipo ‘maccheroni’, fatta col solito procedimento delle orecchiette, solo che al momento del dare la forma si usa uno strumento, ‘lu frizzulo’: un filo di ferro a sezione quadrata col quale si arrotolano i pezzetti di pasta tagliati dall’impasto. 
Se avete voglia e tempo di leggervi una poesia in dialetto su come si preparano 'li pizzarieddi', scuriosate un po’ qui



Questo bel primo lo portiamo alla Cena dell’Allegra Compagnia di Fine Estate, visto che eravamo un po’ a corto di primi, ma soprattutto perché non c'è niente di meglio che gustare un piatto della tradizione in compagnia... e magari si potrebbe anche far mettere le mani in pasta agli invitati...;-))!




9 commenti:

  1. Le orecchiette....... un ricordo della puglia di qualche anno fa ne ho amngiate quasi da stare maleeeee!!!!
    Le tue sono favolose, si può favorire veramente!!!!!
    Ci credo che la piccola meraviglia non vedeva l'ora di mangiarsele!!!!

    RispondiElimina
  2. la pasta fatta in casa è la più buona del mondo.
    bravissima..baci

    RispondiElimina
  3. gnam gnam...come dare torto alla piccola meraviglia se non ha saputo resistere ed aspettare...brava piccolina.
    voglio partecipare anche io alla cena di fine estate posso?...sono settimane che dico che devo aggiungermi e mettere la mia ricettina ma poi tra una cosa e l'altra mi passa di mente..ma prometto che stasera o domani arrivo anche io ...al pelo ma arrivo
    baci polepole
    e sempre un piacere leggerti
    Antonella

    RispondiElimina
  4. sto sbavando su megatron e batman che il ciccì ha lasciato qui davanti alla tastiera dopo aver guardato i transformers, scooby doo e peppa pig..come faccio ora io alle 0.31 a togliermi questa terribile voglia??

    RispondiElimina
  5. che buone le orecchiette fatte in casa....a me le hanno insegnate l'anno scorso....con il coltello:-) anzi mi hai fatto ricordare che devo farle a cicci :-) un bacio
    Annamaria

    RispondiElimina
  6. Babbabia, stabattina sono uno straccetto, apro la stagione dei raffreddori autunnali...vabbèh, comunque, il tuo ragù è quasi bolognese, andrebbe benerrimo anche per le mie tagliatelle, insegnatemi dalla mitica Nonna Alfa (quasi 95 anni ed è moooolto più in gamba di me...)e concordo con te Polepollucciacara: tagliatelle, orecchiette,pizzarieddi,strozzapreti.....fatti in casa è tutta un'altra roba!

    Ti bacio da lontano che sennò t'infetto
    Tatti

    RispondiElimina
  7. clap clap clap... bravissima!!!!

    p.s. ti ho mandato una mail ieri.

    buona girnata.

    RispondiElimina
  8. La foto della manina che cerca di prendere la pasta con la forchetta è tenerissima!!
    che bella questa pasta e che buona così condita!!
    davvero bravissima! La pasta fatta in casa è veramente la migliore!
    bacioni

    RispondiElimina

Grazie per aver lasciato un commento alle mie parole!
In questo modo nell'archivio dei vizi rimarrai anche tu, con le tue parole, col tuo pensiero, con la tua mente... e magari così verrò a trovarti anche io e chissà che non ne nasca una nuova amicizia...!!!
polepole

Seduti al bar del CircoloVizioso

Seduti al bar del CircoloVizioso
Ovvero: avete tempo per una birra? Il nostro bar è nato per conservare e ricordare i tanti "posticini del cuore" che ci hanno lasciato un'emozione. Per chi ha bisogno di trovare il suo, di posticino del cuore. Per evadere 10 minuti dalla routine quotidiana, per conoscere posti che magari non avete mai visto, per fermarsi a meditare su un'immagine, per bersi una birretta ghiacciata in compagnia degli amici... Tornate quando volete, il bar è sempre aperto!

argomenti viziosi

#10minutiPerMe #miregalolentezza #OperazioneUnPassoAllaVolta 5 stelle della P.M. A caccia di felicità con album scrap A piccoli passi accidia Afrodita alla fermata del tempo che non ho amici ancora amici antidolorificomagnifico appunti di vita vissuta architetti e architetture armadi baby babyy benvenuti a tutti blog candy e give-away buone feste Caccia al tesoro caro diario cartoline Casa Cena dell'Allegra Compagnia chi l'avrebbe mai detto? cioccolata dappertutto coccole con le mani in pasta con poche parole costruire di felicità Di Semplicità Virtù Eco-sostenibile entusiasmo Fata Bislacca FataSognante e Gri-Gri Flat Stanley fotografia giochiamo? gola grazie Happy Week Art Journal HappyWeekJournal2013 i supernonni i talenti Il gioco dei vizi il marconista Il Nostro Personale Giorno del Ringraziamento il vizio di leggere il vizio di riflettere il vizio di scrivere ilcircolovizioso ingenua insegnamenti Io me stessa e me iomivizio ItaliaNostra la grande transumanza dei segnalibri La mia agenda la supernonna la vittima lavoro LeggiAmo 2013 LeggiAmo 2014 LeggiAmo 2015 Liberiamo una ricetta 2013 Liberiamo una ricetta 2014 Lista delle Cose da Fare 2015 Lussuria mare MenoStressPiùFarfalle mi vizio con... Natalia Cattelani natura nodi che vengono al pettine non ci posso credere nonna Iolanda nuove amicizie Nutella Oggi vorrei proprio essere qui oroscopo ozio parliamone parole famose PECC pensieri e parole personaggi PestiPossibili Piccola Meraviglia piccolo Che piccolo-spazio-pubblicità PIF Pippi Calzelunghe Plastic Guerrilla poesia polepole al lavoro POLUCHINA posticini del cuore premi Project 10 books raccolte Ri-Vivere Ricette per la Cena ricette rubate rivelazioni S.A.L. scatole di latta scusa sogni e bisogni storia e storie di culture diverse strani vizi Summer Manifesto 2015 superbia swap tanti auguri a te Tatti Turisti a casa propria Una Casa a Modo Mio vecchi tempi VisteRiviste vizi Voglia di Creare voglia di viaggiare voglia di... writing tuesday ZEBUK zen zibaldone

...chi ha vizi come me...

Il Vizio di Leggere

Il Vizio di Leggere
Per non perdere il vizio, nonostante le mille cose da fare, per trovare il tempo da dedicare ad una buona lettura, per scoprire nuove emozioni e sensazioni, di quelle che solo un buon libro è capace di regalare a chi lo apre con passione e curiosità.

Il vizio di riflettere

Il vizio di riflettere
... il mio modo di Guardare e non solo Vedere ciò che ci circonda...