giovedì 30 dicembre 2010

Swap di Natale - Toscana mon amour


Il secondo dei due post per raccontare lo Swap di Natale della carissima Annamaria del blog "I piaceri della vita". Preparatevi perché anche questo sarà un post lungo e... goloso! ;))

Le foto di quello che ho spedito alla mia abbinata le potete vedere qui (perché per la furia di spedire mi son dimenticata di fare le foto alle cosine che le avevamo preparato...)
Voglio però raccontarvi con le mie parole quello che abbiamo pensato di spedire a Lea del blog "Paolinadolce...mente":


Per Lea e per la sua famiglia il CircoloVizioso ha preparato in primo luogo un bel pacchetto di Biscotti Speziali del CircoloVizioso (i Pepparkakkor di Pippi, postati qui), accompagnati da un infuso alla cannella e chiodi di garofano che ho trovato così... natalizio! ;) 


Quello dei Pepparkakkor (ribattezzati da noi Biscotti Speziali per renderli un po' più 'nostri' e perché abbiamo modificato leggermente la ricetta originale) era il secondo esperimento e mi sembra che sia risultato piuttosto buono. Soprattutto se sgranocchiati insieme all'infuso bollente, danno un bel po' di energia e di calore!

Abbiamo poi messo insieme due specialità lucchesi tipiche, per raccontare a Lea il posto dove viviamo noi: il Buccellato Lucchese e il Farro della Garfagnana.

IL BUCCELLATO


Il Buccellato lo abbiamo preparato insieme alla nostra amica, specializzata nelle ricette della nonna, altrimenti non saremmo state capaci di farlo tanto bene. E' comunque più che altro una questione di tempi, di attese che si possono certo ingannare giocando con la PM e leggendo storie di Natale... :)

INGREDIENTI
  • 500 gr di farina bianca
  • 150 gr di zucchero
  • 50 gr di burro
  • 20 gr di lievito di birra
  • 2 uova
  • 1 bicchiere di latte
  • 50 gr di uva passa
  • 2 cucchiaini di semi di anice
  • sale

PREPARAZIONE
  1. Si impasta la farina con lo zucchero, un uovo, il burro sciolto a bagnomaria, il latte, il lievito sciolto in poca acqua tiepida e un pizzico di sale
  2. Amalgamato il tutto e ottenuto un impasto morbido si uniscono l'uvetta ammollata in acqua calda e i semi di anice.
  3. Si lascia lievitare per almeno due ore, coprendo l'impasto con un canovaccio e depositandolo in un luogo caldo.
  4. Si forma una ciambella (o un filone, a seconda del gusto) sulla teglia da forno imburrata e si incide la superficie con una lama per il lungo, lasciando riposare l'impasto ancora per un'ora.
  5. Si spennella il buccellato con un uovo sbattuto e si fa cuocere in forno caldo (180°) per un'ora.
Il buccellato rende al meglio se mangiato tiepido, la tradizione lo vuole poi inzuppato nel vin santo. Ma degli usi e consumi del buccellato abbiamo già parlato qui, dove si trova anche la nostra personale ricetta della Zuppa Lucchese... A buon intenditor... ;))

IL FARRO DELLA GARFAGNANA


Il farro della Garfagnana è un prodotto tipico della nostra zona: cereale per eccellenza, padre del nostro grano, antico di millenni. Lo usavano già gli Egiziani e gli Assiri, giusto per dire... 
In Garfagnana il farro è IGP e viene prodotto seguendo un Disciplinare di Produzione piuttosto rigido...
Ok, modalità tecnico-giuridica off... ;))

I modi per cucinare il farro sono infiniti (e interessante è la ricetta che ha usato Lea) ma la ricetta più tipica lucchese (e quella che mi piace fare a casa, tutta da sola, con calma e tempo a disposizione... e ad averne, di quel tempo...) è quella della Zuppa di farro coi fagioli:

INGREDIENTI (per 6 persone)
  • 200 gr di farro brillato
  • 300 gr di fagioli borlotti
  • 200 gr di fagioli cannellini
  • 2 spicchi d'aglio
  • 2 costole di sedano
  • 2 carote
  • 2 patate
  • 1 cipolla rossa
  • 1 porro
  • salvia, basilico e prezzemolo
  • 2 fette di pancetta tagliata spessa
  • 1 cucchiaio di conserva di pomodoro
  • olio evo
  • sale e pepe


PREPARAZIONE
  1. Si ammollano i fagioli in acqua fredda la sera prima. Poi si fanno bollire con aglio e salvia fino a cottura.
  2. Nel frattempo si prepara un trito con tutte le verdure e lo si mette in un tegame piuttosto grande ad appassire con un bicchiere d'olio.
  3. Quando i fagioli sono cotti se ne passano 3/4 col filtro più fine, a ottenere una crema, il resto dei fagioli si lasciano interi. 
  4. Il tutto si aggiunge nel tegame, insieme ad un litro di acqua calda ed alla conserva di pomodoro.
  5. Quando il bollore è ripreso si aggiunge il farro crudo, ben lavato sotto l'acqua, la pancetta tagliata a dadini, il sale ed il pepe.
  6. Si cuoce il farro per circa 40 minuti, mescolando di continuo perché non si attacchi. Si serve poi con un filo d'olio buono.

Prossimamente ve ne posterò una foto (ho in mente di fare un invito a pranzo che qualcuno non potrà negarmi... ;)), intanto provate ad immaginarvi il calore ed il profumo che vi arriverà al naso, il sapore rustico di minestra di campagna, sorbita dopo una passeggiata nel bosco, col freddo che ci fa frizzare le mani...


Ma con il farro viene buonissima anche una torta... di cui magari vi parlerò in seguito... ;))

Oooooook, siete riusciti ad arrivare in fondo? Allora buon appetito, direi...

7 commenti:

  1. Forse per una volta son la prima ??????????
    Forse si ????????????????
    Auguri !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    E quanti buoni gnam gnam che vedo !
    Ciao, buon 2011
    :-)

    e°*°

    RispondiElimina
  2. ma stai scherzando : ci dici buon appetito? l'appetito è buono ma la pappa? dov'è non è arrivata
    buon anno Gio

    RispondiElimina
  3. Che buonezzeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee.....Buon Anno PolepollucciucciuccinaBella...a te e a tutto il circolo....

    Smackkkkkkkkk
    Tatti

    RispondiElimina
  4. Buonissimeeeeeeeeeeeeeeeee!!!!!!!! E tantissimi auguri di buon anno!!!! Un bacione!!!!!!

    RispondiElimina
  5. MmmmMMMmmm, la torta di farro non la conosco: aspetto fiduciosa!
    Farro e fagioli li ho fatti giusto ieri: che buona!
    Posso dare un blasfemo suggerimento? Invece dell'acqua calda, aggiungere la broda di cottura dei fagioli, naturalmente a bollore.
    Poluccia, tu glissi, sfuggi, eludi, ma io non ti mollo!!! Ho deciso che ti avrò, e ti avròòòò, cantava scalza Sandie Shaw nel secolo scorso. :)
    Baci ed auguri a tutto il CV,
    DaniVS

    RispondiElimina
  6. Tantissimi auguri di buon 2011!

    RispondiElimina
  7. Bellezze!
    Grazie per gli auguri, per i commenti e per gli accorgimenti (Salvia, hai perfettamente ragione... aspetto di vederti scalza mentre canti: forse questo sarà il segno... ;-)) e Buon futuro a tutte quante!

    RispondiElimina

Grazie per aver lasciato un commento alle mie parole!
In questo modo nell'archivio dei vizi rimarrai anche tu, con le tue parole, col tuo pensiero, con la tua mente... e magari così verrò a trovarti anche io e chissà che non ne nasca una nuova amicizia...!!!
polepole

Seduti al bar del CircoloVizioso

Seduti al bar del CircoloVizioso
Ovvero: avete tempo per una birra? Il nostro bar è nato per conservare e ricordare i tanti "posticini del cuore" che ci hanno lasciato un'emozione. Per chi ha bisogno di trovare il suo, di posticino del cuore. Per evadere 10 minuti dalla routine quotidiana, per conoscere posti che magari non avete mai visto, per fermarsi a meditare su un'immagine, per bersi una birretta ghiacciata in compagnia degli amici... Tornate quando volete, il bar è sempre aperto!

argomenti viziosi

#10minutiPerMe #miregalolentezza #OperazioneUnPassoAllaVolta 5 stelle della P.M. A caccia di felicità con album scrap A piccoli passi accidia Afrodita alla fermata del tempo che non ho amici ancora amici antidolorificomagnifico appunti di vita vissuta architetti e architetture armadi baby babyy benvenuti a tutti blog candy e give-away buone feste Caccia al tesoro caro diario cartoline Casa Cena dell'Allegra Compagnia chi l'avrebbe mai detto? cioccolata dappertutto coccole con le mani in pasta con poche parole costruire di felicità Di Semplicità Virtù Eco-sostenibile entusiasmo Fata Bislacca FataSognante e Gri-Gri Flat Stanley fotografia giochiamo? gola grazie Happy Week Art Journal HappyWeekJournal2013 i supernonni i talenti Il gioco dei vizi il marconista Il Nostro Personale Giorno del Ringraziamento il vizio di leggere il vizio di riflettere il vizio di scrivere ilcircolovizioso ingenua insegnamenti Io me stessa e me iomivizio ItaliaNostra la grande transumanza dei segnalibri La mia agenda la supernonna la vittima lavoro LeggiAmo 2013 LeggiAmo 2014 LeggiAmo 2015 Liberiamo una ricetta 2013 Liberiamo una ricetta 2014 Lista delle Cose da Fare 2015 Lussuria mare MenoStressPiùFarfalle mi vizio con... Natalia Cattelani natura nodi che vengono al pettine non ci posso credere nonna Iolanda nuove amicizie Nutella Oggi vorrei proprio essere qui oroscopo ozio parliamone parole famose PECC pensieri e parole personaggi PestiPossibili Piccola Meraviglia piccolo Che piccolo-spazio-pubblicità PIF Pippi Calzelunghe Plastic Guerrilla poesia polepole al lavoro POLUCHINA posticini del cuore premi Project 10 books raccolte Ri-Vivere Ricette per la Cena ricette rubate rivelazioni S.A.L. scatole di latta scusa sogni e bisogni storia e storie di culture diverse strani vizi Summer Manifesto 2015 superbia swap tanti auguri a te Tatti Turisti a casa propria Una Casa a Modo Mio vecchi tempi VisteRiviste vizi Voglia di Creare voglia di viaggiare voglia di... writing tuesday ZEBUK zen zibaldone

...chi ha vizi come me...

Il Vizio di Leggere

Il Vizio di Leggere
Per non perdere il vizio, nonostante le mille cose da fare, per trovare il tempo da dedicare ad una buona lettura, per scoprire nuove emozioni e sensazioni, di quelle che solo un buon libro è capace di regalare a chi lo apre con passione e curiosità.

Il vizio di riflettere

Il vizio di riflettere
... il mio modo di Guardare e non solo Vedere ciò che ci circonda...