venerdì 19 febbraio 2016

Alzarsi e partire

Alzarsi e partire
Ci sono giorni in cui hai bisogno di staccare la spina dopo solo un'ora di lavoro. Quella pratica proprio non la sopporti e ci giri intorno, leggi e rileggi lo stesso testo e non capisci cosa ci sia scritto, guardi i disegni e non riesci a vederli, sai che non ti interessa proprio (ma questo pensiero lo pensi e lo rimandi subito indietro: sei una professionista e il tuo cliente lo devi far sentire curato e coccolato!) e che non hai voglia, ora, di pensarci con tutta te stessa.

Lo interpreto come un segno e stacco la spina, apro la mia lista dei blog preferiti e trovo erbaviola e il suo Amor fati. Non perdete tempo, leggetevi questo post, perché a me in pochi minuti ha dato la spinta giusta per prendere quelle decisioni per cui da troppo tempo sto logorando fisico e anima. Magari può farlo anche con voi.
Amor fati: "È più profondamente l’amare incondizionatamente il proprio fato dopo essersi impegnati in scelte e percorsi personali, cercando la strada verso la verità, la propria personale e unica strada nel mondo. Una ricerca che può portare a momenti di caos, a momenti d’ombra, a periodi in cui tutto sembra essere sbagliato, specialmente se le decisioni passate e quello che abbiamo lasciato sembrano una perdita incolmabile."
Sto davvero rimettendo tutto in gioco, in questo periodo, tutta la mia vita: non i miei valori certo, ma tutto il resto sì. Ho molto combattuto per arrivare a certi traguardi, alcuni li ho raggiunti, altri no perché, in corsa, mi sono resa conto di quanto poco importasse quel "pezzo di carta" in mano ma non nel cuore. 
Nessun passo è inutile. Gli anni passati a studiare le sudate carte non sono stati anni persi, anche se il finale non è stato - non è ancora stato? lo sarà mai? - quello che tutti si aspettano.
Studiare, fare pratica professionale, impegnarsi in prima persona in certi progetti, tentare un certo tipo di ricerca, proporre un certo progetto e farlo con l'entusiasmo giusto per portarlo a termine facendo felice anche il cliente, mi è servito per diventare quella che sono, e realizzo che non ho bisogno che qualcuno (sulla cui cultura umana, tra l'altro, nutro forti dubbi) mi conceda un foglio di carta con qualche numero, qualche parola, qualche firma, per sapere cosa sono e dove sono. Gli ambienti accademici italiani purtroppo sono davvero quelli da cui fuggire, a quanto pare, sono davvero quelli che insabbiano e infangano e soffocano e avviliscono la vita e la passione vera delle persone. Ma questo post non vuole parlare di università, non voglio che paia una replica della storia della volpe e di quell'uva troppo acerba da cogliere.
Fare pace con il fatto che ci si è creati le condizioni per fare quello che stiamo facendo e vivere come stiamo vivendo è fondamentale per essere felici.
Le parole di Grazia, belle forti, serie, intelligenti e dritte al punto, mi arrivano mentre fingo di scrivere una relazione per sanare lo stato attuale di un edificio che non mi è mai piaciuto. Poco male, l'importante è che quella bruttezza assoluta sia in regola (ma lo dico col cuore: vorrei buttarlo giù a colpi di ariete tanto è inguardabile e invivibile).

Finisco di leggere il post e torno all'edificio, Ma intanto penso: sto iniziando a far pace con me stessa, per arrivare a questo è servito ogni mio passo, nel bene e nel male, per arrivare a questo è servito anche ZenBuk e il poter affrontare i problemi usando il mezzo a me più consono: la lettura. Anche questo passo non è stato inutile. Un altro tassello, nel mio personale puzzle della Vita.
Sto iniziando a far pace anche col fatto che "mi sono creata le condizioni per fare quello che sto facendo" e che sto continuando a crearmele, ogni giorno, con ogni mia azione e ogni mio pensiero, in un loop continuo, perché sono sempre più convinta che non si smetta mai di imparare e che non siamo fatti - almeno io - per fare una sola cosa nella vita. Si chiama multipotenzialità e me l'ha spiegata meglio la mia amica gattonero.

E sto iniziando a far pace anche con la parte di me che non voleva muoversi fisicamente: l'#OperazioneUnPassoAllaVolta procede e la primavera che sta arrivando promette bellezze da godersi, Un Passo Alla Volta.
Nessun passo è stato inutile, nemmeno questi. Forse soprattutto questi.

C'è ancora molto da dire? Sì, c'è da parlare di un libro che ho iniziato più di una volta ma che non sono mai riuscita a terminare (non era il suo momento, lo so):
"nel nomento in cui uno si impegna a fondo, anche la provvidenza allora si muove. Infinite cose accadono per aiutarlo, cose che altrimenti non sarebbero mai avvenute" [Goethe, Le affinità elettive]
Goethe mi aspetta, una volta ancora, per riprovare a spiegarmi la sua idea. Le sue affinità elettive sono quello che serve in questo momento, mi auguro: sono il pezzetto in più, la conferma che ogni passo non è stato inutile, dovunque abbia portato. 

Alzarsi e partire, dunque, ora. 
Impegnarsi a fondo e desiderare intensamente, compiere il proprio destino, che è quello che nel profondo desideriamo di più, con più forza.
Ho deciso: abbatterò quell'edificio, convincerò i proprietari che non lo meritano così brutto, che la loro vita vale molto di più!

2 commenti:

  1. Da quanto scrivi intuisco che siamo colleghe, di lavoro, di percorso di studi e di scelte di vita...
    Capisco perfettamente quello di cui parli e questa dicotomia fra il nostro pensiero e i desideri dei committenti. Scelte difficili da compiere, ora son curiosa di sapere se riuscirai a convincerli ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In parte lo sto già facendo... ma zitta zitta, aspettiamo di mettere tutto nero su bianco... ;)

      Elimina

Grazie per aver lasciato un commento alle mie parole!
In questo modo nell'archivio dei vizi rimarrai anche tu, con le tue parole, col tuo pensiero, con la tua mente... e magari così verrò a trovarti anche io e chissà che non ne nasca una nuova amicizia...!!!
polepole

Seduti al bar del CircoloVizioso

Seduti al bar del CircoloVizioso
Ovvero: avete tempo per una birra? Il nostro bar è nato per conservare e ricordare i tanti "posticini del cuore" che ci hanno lasciato un'emozione. Per chi ha bisogno di trovare il suo, di posticino del cuore. Per evadere 10 minuti dalla routine quotidiana, per conoscere posti che magari non avete mai visto, per fermarsi a meditare su un'immagine, per bersi una birretta ghiacciata in compagnia degli amici... Tornate quando volete, il bar è sempre aperto!

argomenti viziosi

#10minutiPerMe #miregalolentezza #OperazioneUnPassoAllaVolta 5 stelle della P.M. A caccia di felicità con album scrap A piccoli passi accidia Afrodita alla fermata del tempo che non ho amici ancora amici antidolorificomagnifico appunti di vita vissuta architetti e architetture armadi baby babyy benvenuti a tutti blog candy e give-away buone feste Caccia al tesoro caro diario cartoline Casa Cena dell'Allegra Compagnia chi l'avrebbe mai detto? cioccolata dappertutto coccole con le mani in pasta con poche parole costruire di felicità Di Semplicità Virtù Eco-sostenibile entusiasmo Fata Bislacca FataSognante e Gri-Gri Flat Stanley fotografia giochiamo? gola grazie Happy Week Art Journal HappyWeekJournal2013 i supernonni i talenti Il gioco dei vizi il marconista Il Nostro Personale Giorno del Ringraziamento il vizio di leggere il vizio di riflettere il vizio di scrivere ilcircolovizioso ingenua insegnamenti Io me stessa e me iomivizio ItaliaNostra la grande transumanza dei segnalibri La mia agenda la supernonna la vittima lavoro LeggiAmo 2013 LeggiAmo 2014 LeggiAmo 2015 Liberiamo una ricetta 2013 Liberiamo una ricetta 2014 Lista delle Cose da Fare 2015 Lussuria mare MenoStressPiùFarfalle mi vizio con... Natalia Cattelani natura nodi che vengono al pettine non ci posso credere nonna Iolanda nuove amicizie Nutella Oggi vorrei proprio essere qui oroscopo ozio parliamone parole famose PECC pensieri e parole personaggi PestiPossibili Piccola Meraviglia piccolo Che piccolo-spazio-pubblicità PIF Pippi Calzelunghe Plastic Guerrilla poesia polepole al lavoro POLUCHINA posticini del cuore premi Project 10 books raccolte Ri-Vivere Ricette per la Cena ricette rubate rivelazioni S.A.L. scatole di latta scusa sogni e bisogni storia e storie di culture diverse strani vizi Summer Manifesto 2015 superbia swap tanti auguri a te Tatti Turisti a casa propria Una Casa a Modo Mio vecchi tempi VisteRiviste vizi Voglia di Creare voglia di viaggiare voglia di... writing tuesday ZEBUK zen zibaldone

...chi ha vizi come me...

Il Vizio di Leggere

Il Vizio di Leggere
Per non perdere il vizio, nonostante le mille cose da fare, per trovare il tempo da dedicare ad una buona lettura, per scoprire nuove emozioni e sensazioni, di quelle che solo un buon libro è capace di regalare a chi lo apre con passione e curiosità.

Il vizio di riflettere

Il vizio di riflettere
... il mio modo di Guardare e non solo Vedere ciò che ci circonda...