venerdì 9 settembre 2011

Felicità è...


Felicità è...

stare bene con tutto e con tutti ma non avere bisogno di niente e di nessuno*

Felicità è...

sentire forte il bisogno degli altri


Vi ricordate i due personaggi di "Amore è..."? quelli che si amavano alla follia ed erano sempre insieme, ovunque e comunque?
Beh, io li adoravo. E questo dà un gran bell'indizio su quella che almeno anagraficamente dovrebbe essere la mia età...
Ma andiamo al punto. Felicità è. Appena ho pensato al post mi è venuta naturale l'assonanza con L'amore è...
Questa riflessione nasce da una serie di apprezzatissimi post letti a casa di Alchemilla (donna che merita tante parole spese bene, per quel che scrive, che legge e che fotografa... :)).

Lei parla di felicità, ultimamente, come ne parliamo anche noi da qualche tempo.
Di felicità che dobbiamo scegliere, di felicità da realizzare con pochi, semplici ingredienti. Tra questi ingredienti, la capacità di star bene con tutti ma di non aver bisogno di nessuno. E fino a poco tempo fa ne ero convinta anch'io. 

Perché questo star bene con tutti significa in primo luogo star bene con se stessi

Perché il primo personaggio con cui dobbiamo imparare a convivere è proprio il nostro Io.
Probabilmente per arrivare a questa felicità bisogna passare attraverso più fasi, però.
A me ad esempio è capitato che - dopo aver capito quanto fosse importante imparare a star bene sola con me stessa e non aver bisogno continuamente degli altri e del confronto con loro, dopo essere riuscita anche a farlo, questo grande passo (e un po' di tempo c'è voluto, eh, si tratta di millanta anni fa, più o meno...), in questa nuova fase della mia vita ho imparato qualcosa di totalmente contrario: per essere completamente felice ho bisogno degli altri. Ho bisogno del loro amore, della loro presenza, della coscienza del loro essere. Ho bisogno di loro come persone legate a me.
Sicuramente questo accade perché faccio molta più attenzione alle piccole cose, ora, ai sorrisi al mattino, ai baci e alle piccole attenzioni che ci scambiamo. Dal caffè preparato nella tazzina preferita, con tanto di piattino sotto (che non lo mette più nessuno, vero?) e di biscottino accanto, alla colazione di stoffa che la domenica mattina ci sveglia, preparata dalla PM, ai messaggi che ci scambiamo usando qualsiasi cosa...
Ecco, io ho bisogno di questi piccoli gesti d'amore, ho bisogno di quegli sguardi., ho bisogno dei bacini dati senza preavviso al Cuoricino che sta nella mia pancia, per ora... ho bisogno degli altri per essere ancora più Io e quindi più felice.
Anche se sto benissimo da sola con me stessa, ora. E anzi ne sento forte l'esigenza, di questa solitudine. Ma siamo esseri umani, animali sociali, come si dice. E siamo nati per convivere, per condividere, per scambiarci e donarci felicità.
E cosa succederà il giorno che, come sostiene Alchemilla, "i figli se ne andranno lontano a vivere la loro vita"? Mi auguro solo di aver loro insegnato quanto sia importante sentire il bisogno degli altri: se così sarà e se dovremo per forza vivere lontani, ci saremo lo stesso, col cuore, con l'anima, con carta e penna, con skype e via dicendo... :) 

E voi, cosa pensate del Bisogno degli altri?


p.s.: a proposito, maritino... sai che oggi è il nostro anniversario? E io, quanto ho bisogno di te? :)



10 commenti:

  1. Ma allora, buon anniversario!
    Love is...il tuo amore che trapela nelle ultime righe di questo post:-)!
    Augurisssssssssimi, ed interessante post!
    Buon venerdi, ciaooo
    e°*°

    RispondiElimina
  2. Ero fidanzata ma non ero felice. L'ho lasciato per esserlo e da sola ero soddisfatta e felice. Quasi 2anni fa incontro il mio Amore Luca e la felicità si è trasformata e ampliata. La penso come te tesoro mia. Son felice a prescindere dagli altri ma lo sono ancora di più se condivido la mia felicità con voi.
    Ti abbraccio tanto
    AG

    RispondiElimina
  3. Perfetta la frase di Giuliedda: "Son felice a prescindere dagli altri ma lo sono ancora di più se condivido la mia felicità con voi".

    Forse questa frase riassume tutto.
    Potrei aggiungerla alla ricetta.
    Perché non intendevo di NON stare bene con gli altri ma non condizionare la nostra felicità a quel bisogno. E poi...confesso...che era un discorso utopico, il mio...

    Grazie per la citazione...sono commossa e orgogliosa!

    RispondiElimina
  4. @ Alchemilla: sai, avevo capito cosa volevi dire. Diciamo che la mia voleva essere anche un po' una provocazione: la strada della felicità deve passare da tante tappe, tutte quelle di cui hai parlato anche tu nella tua ricetta. E sicuramente la frase di Giuliedda le riassume in modo perfetto.

    Ma te l'avevo già a casa tua: il discorso può aprire tante diverse vie, la felicità è una cosa così preziosa che non si può raggiungere da un solo sentiero... se vuoi, se volete, le possiamo scoprire insieme!

    @ Giuliedda: smack! che dirti di più? sei davvero da imitare... ;)

    @ Elena Fiore: grazie, elenita del mio corasson... :)

    RispondiElimina
  5. Cosa potrebbe aggiungere una vecchia orsa come me?
    I miei auguri a voi due coppia stupenda?
    Che l'idea di Giuseppe nelle (s)vesti del fidanzatino di AMORE E'... mi fa quantomeno ghignare?
    Che star soli è sempre molto più facile che condividere e mediare, ma che è anche una palese sconfitta?
    Io sono così, sto bene fisicamente sola ma non cuore e pancia pieni di affetti.
    Son mica tanto brava...

    RispondiElimina
  6. Felicità è:
    Sentire di essere amata, anche da chi è lontano...
    Essere felici anche solo per uno sguardo d'intesa...
    Sorridere perchè, senza saperlo, al ristorante si è ordinata la stessa pizza...
    Sentirsi stringere in un abbraccio inaspettato...
    Scriversi gli sms come i ragazzini di 15 anni...
    Aprire la porta e veder spuntare un mazzo di fiori che nasconde il viso del nostro Principe...
    Sentirsi dire che siamo belle, anche se sono già passati 23 anni...
    Tanti auguri, cara Pole, per un anniversario dolcissimo!!!

    RispondiElimina
  7. Love is.....senz'altro di casa, lì, al Circolo! Quindi AUGURI !!!

    (Sadness is....non averti potuto riabbracciare...umpfh....)

    4 baci
    Tatti

    RispondiElimina
  8. si dice tutti sono necessari nessuno indispensabile, penso che così deve essere il bisogno degli altri per essere felice,bisogna essere consapevoli che non si può elemosinare affetto, anche quando l'abbiamo meritato, dobbiamo essere felici di ciò che siamo e di ciò che abbiamo ottenuto con le nostre capacità, senza pretendere altro auguri un abbraccio per tutti voi Gio

    RispondiElimina
  9. Eh! Mi sono dimenticata gli auguri!
    Tantissimi auguri per il vostro anniversario!!!

    Già, tanti sentieri...e ogni tanto non sono tracciati...
    Baci!

    RispondiElimina
  10. Che dolce questo post ^__^ augurissimi di buon anniversario!!

    RispondiElimina

Grazie per aver lasciato un commento alle mie parole!
In questo modo nell'archivio dei vizi rimarrai anche tu, con le tue parole, col tuo pensiero, con la tua mente... e magari così verrò a trovarti anche io e chissà che non ne nasca una nuova amicizia...!!!
polepole

Seduti al bar del CircoloVizioso

Seduti al bar del CircoloVizioso
Ovvero: avete tempo per una birra? Il nostro bar è nato per conservare e ricordare i tanti "posticini del cuore" che ci hanno lasciato un'emozione. Per chi ha bisogno di trovare il suo, di posticino del cuore. Per evadere 10 minuti dalla routine quotidiana, per conoscere posti che magari non avete mai visto, per fermarsi a meditare su un'immagine, per bersi una birretta ghiacciata in compagnia degli amici... Tornate quando volete, il bar è sempre aperto!

argomenti viziosi

#10minutiPerMe #miregalolentezza #OperazioneUnPassoAllaVolta 5 stelle della P.M. A caccia di felicità con album scrap A piccoli passi accidia Afrodita alla fermata del tempo che non ho amici ancora amici antidolorificomagnifico appunti di vita vissuta architetti e architetture armadi baby babyy benvenuti a tutti blog candy e give-away buone feste Caccia al tesoro caro diario cartoline Casa Cena dell'Allegra Compagnia chi l'avrebbe mai detto? cioccolata dappertutto coccole con le mani in pasta con poche parole costruire di felicità Di Semplicità Virtù Eco-sostenibile entusiasmo Fata Bislacca FataSognante e Gri-Gri Flat Stanley fotografia giochiamo? gola grazie Happy Week Art Journal HappyWeekJournal2013 i supernonni i talenti Il gioco dei vizi il marconista Il Nostro Personale Giorno del Ringraziamento il vizio di leggere il vizio di riflettere il vizio di scrivere ilcircolovizioso ingenua insegnamenti Io me stessa e me iomivizio ItaliaNostra la grande transumanza dei segnalibri La mia agenda la supernonna la vittima lavoro LeggiAmo 2013 LeggiAmo 2014 LeggiAmo 2015 Liberiamo una ricetta 2013 Liberiamo una ricetta 2014 Lista delle Cose da Fare 2015 Lussuria mare MenoStressPiùFarfalle mi vizio con... Natalia Cattelani natura nodi che vengono al pettine non ci posso credere nonna Iolanda nuove amicizie Nutella Oggi vorrei proprio essere qui oroscopo ozio parliamone parole famose PECC pensieri e parole personaggi PestiPossibili Piccola Meraviglia piccolo Che piccolo-spazio-pubblicità PIF Pippi Calzelunghe Plastic Guerrilla poesia polepole al lavoro POLUCHINA posticini del cuore premi Project 10 books raccolte Ri-Vivere Ricette per la Cena ricette rubate rivelazioni S.A.L. scatole di latta scusa sogni e bisogni storia e storie di culture diverse strani vizi Summer Manifesto 2015 superbia swap tanti auguri a te Tatti Turisti a casa propria Una Casa a Modo Mio vecchi tempi VisteRiviste vizi Voglia di Creare voglia di viaggiare voglia di... writing tuesday ZEBUK zen zibaldone

...chi ha vizi come me...

Il Vizio di Leggere

Il Vizio di Leggere
Per non perdere il vizio, nonostante le mille cose da fare, per trovare il tempo da dedicare ad una buona lettura, per scoprire nuove emozioni e sensazioni, di quelle che solo un buon libro è capace di regalare a chi lo apre con passione e curiosità.

Il vizio di riflettere

Il vizio di riflettere
... il mio modo di Guardare e non solo Vedere ciò che ci circonda...