lunedì 19 aprile 2010

Il vizio di leggere - L’arca di Nina



Ho letto questo libro seguendo un RING nel forum di Mamma Felice*.
La mia personale recensione del libro, quella ufficiale, si può leggere qui**

Sulle pagine del CircoloVizioso vorrei invece metterla molto più sul personale, parlando di cosa mi ha trasmesso la lettura di un libro per me così ‘impegnativo’ dal punto di vista dei sentimenti.

L’arca di Nina è la storia vera di una mamma e della sua piccolissima bambina, alle prese con una nascita molto prima del tempo e con la loro lotta per la sopravvivenza.

Sicuramente avrei letto questo libro con un’altra coscienza, se non avessi la Piccola Meraviglia che girottola per casa e in qualsiasi momento pretende la mia attenzione e la mia considerazione.

Sicuramente non avrei sentito così forti l’Urlo e gli Artigli di cui parla Anna, la mamma.

Sicuramente non avrei pianto mentre leggevo e non avrei sorriso con loro alla fine della storia.

Arrivare all’ultima pagina è stata dura, perché mi sono immedesimata nelle situazioni, ho accompagnato Anna in tutte le sue giornate all’interno dell’ospedale, ho ascoltato con lei i pareri dei medici.
E mi sono resa conto ancora una volta di quanto troppo spesso ci troviamo a dare le cose per scontate, perché ‘le cose brutte’ succedono sempre agli altri, perché a noi sicuramente andrà tutto bene.
Questi però sono i soliti luoghi comuni, quelli che ci fanno perdere la vista obiettiva delle cose. Ma quello che è accaduto a Nina e alla sua mamma può accadere a chiunque: una nascita prematura non è poi così rara... 
E allora bisogna essere coscienti in ogni momento di quello che la vita può metterci di fronte, e gioire di tutto quello che abbiamo e di quello che possiamo avere.
Bisogna affrontare la Vita col sorriso, mantenendo la piena coscienza che potrebbe capitarci in qualsiasi momento di dover lottare per questa Vita. E che in quel caso dovremo far tutto per vincere la battaglia, lottando con le unghie e con i denti per noi e per chi ci sta vicino, senza farci abbattere e senza perdere la speranza che le cose possano andare meglio... 
Ma anche questi sono luoghi comuni. Che però forse, se ripetuti come un mantra, possono aiutarci a migliorare il nostro modo di vedere le cose. E di vivere. E di essere felici.


* per sapere cosa sia un Ring e come funzioni, date un’occhiata qui e se volete partecipare anche voi ai nostri ring o lanciarne voi uno... sarete i benvenuti!

** mi aspetto qualche commento, sia da chi ha letto il libro che da chi si è incuriosito nel leggerne la recensione: pareri e critiche sono sempre ben accetti, purché costruttivi... anzi, se ancora non conoscete Zebuk venite a trovarci: saremo felici di accogliervi in salotto per parlare un po' di libri e berci una tazza di tè insieme... ;-))

5 commenti:

  1. ciao polepole...
    io non ho letto il libro ma un articolo su TU (mi pare!).... e poi io sono nata prematura (io e la mia sorella gemella... quindi 2... a 6 mesi e mezzo!e 34 anni fa!!!!!) e mia mamma mi ha sempre raccontato com'è stata dura per lei (anche perchè era a Milano con mia nonna e mio papà andava e veniva da Messina!) soprattutto quando io ero con lei al residence e mia sorella ancora in clinica in incubatrice!
    ma non ha mai perso la speranza!
    ciao

    RispondiElimina
  2. Rita, cara... immagino quanto debba essere stato difficile per tua mamma.
    Forse solo ora che sono madre anch’io riesco a capire meglio certe situazioni e ad immedesimarmi in chi è mamma.
    ‘Straziante’: questa parola da solo una vaga idea di quello che una mamma può provare in una sitazione di questo genere...
    Un abbraccio a te e alla tua mamma,
    polepole

    RispondiElimina
  3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  4. ciao cara
    dev'essere stata dura leggerlo...per fottuna se non ho capito male finisce bene ma il viaggio per arrivarci dev'essere stato infinito..io non riuscirei a leggerlo..mi conosco..prima di diventare mamma ero già una fatica sentire, vedere e leggere di queste cose ma dopo è diventato davvero tragico..cuore di mamma si dice..a volte mi è capitato di non dormire per parecchie notti dopo aver magari sentito qualcosa al telegiornale..sono ferite vere e proprie al cuore...sono così eppure sono cmq una persona molto forte sai? le contraddizioni di noi esseri umani.
    bacioni
    ps: Rita sono contenta che tutto sia andato bene..un bacio alla mamma
    nb ho cancellato e ricopiato il commento perchè avevo scritto per sbaglio A RITA. NON SONO CONTENTA ovviamente sono super contenta ..bacio

    RispondiElimina
  5. ho letto di nina su una rivista, e ho pianto tanto, vorrei leggere il libro, ma un giorno, più in là..
    dopo lo splendido regalo che la vita mi ha fatto dandomi il ciccì, ho perso due bimbi, mattia l'ho dovuto partorire, è stata la cosa più difficile che abbia mai fatto!
    ..ora sono alla quarta gravidanza, e anche questa ha una piccola ombra, speriamo vada bene, la sto vivendo con rassegnazione dall'inizio, e non è lo spirito con cui si deve vivere un dono come questo :(

    RispondiElimina

Grazie per aver lasciato un commento alle mie parole!
In questo modo nell'archivio dei vizi rimarrai anche tu, con le tue parole, col tuo pensiero, con la tua mente... e magari così verrò a trovarti anche io e chissà che non ne nasca una nuova amicizia...!!!
polepole

Seduti al bar del CircoloVizioso

Seduti al bar del CircoloVizioso
Ovvero: avete tempo per una birra? Il nostro bar è nato per conservare e ricordare i tanti "posticini del cuore" che ci hanno lasciato un'emozione. Per chi ha bisogno di trovare il suo, di posticino del cuore. Per evadere 10 minuti dalla routine quotidiana, per conoscere posti che magari non avete mai visto, per fermarsi a meditare su un'immagine, per bersi una birretta ghiacciata in compagnia degli amici... Tornate quando volete, il bar è sempre aperto!

argomenti viziosi

#10minutiPerMe #miregalolentezza #OperazioneUnPassoAllaVolta 5 stelle della P.M. A caccia di felicità con album scrap A piccoli passi accidia Afrodita alla fermata del tempo che non ho amici ancora amici antidolorificomagnifico appunti di vita vissuta architetti e architetture armadi baby babyy benvenuti a tutti blog candy e give-away buone feste Caccia al tesoro caro diario cartoline Casa Cena dell'Allegra Compagnia chi l'avrebbe mai detto? cioccolata dappertutto coccole con le mani in pasta con poche parole costruire di felicità Di Semplicità Virtù Eco-sostenibile entusiasmo Fata Bislacca FataSognante e Gri-Gri Flat Stanley fotografia giochiamo? gola grazie Happy Week Art Journal HappyWeekJournal2013 i supernonni i talenti Il gioco dei vizi il marconista Il Nostro Personale Giorno del Ringraziamento il vizio di leggere il vizio di riflettere il vizio di scrivere ilcircolovizioso ingenua insegnamenti Io me stessa e me iomivizio ItaliaNostra la grande transumanza dei segnalibri La mia agenda la supernonna la vittima lavoro LeggiAmo 2013 LeggiAmo 2014 LeggiAmo 2015 Liberiamo una ricetta 2013 Liberiamo una ricetta 2014 Lista delle Cose da Fare 2015 Lussuria mare MenoStressPiùFarfalle mi vizio con... Natalia Cattelani natura nodi che vengono al pettine non ci posso credere nonna Iolanda nuove amicizie Nutella Oggi vorrei proprio essere qui oroscopo ozio parliamone parole famose PECC pensieri e parole personaggi PestiPossibili Piccola Meraviglia piccolo Che piccolo-spazio-pubblicità PIF Pippi Calzelunghe Plastic Guerrilla poesia polepole al lavoro POLUCHINA posticini del cuore premi Project 10 books raccolte Ri-Vivere Ricette per la Cena ricette rubate rivelazioni S.A.L. scatole di latta scusa sogni e bisogni storia e storie di culture diverse strani vizi Summer Manifesto 2015 superbia swap tanti auguri a te Tatti Turisti a casa propria Una Casa a Modo Mio vecchi tempi VisteRiviste vizi Voglia di Creare voglia di viaggiare voglia di... writing tuesday ZEBUK zen zibaldone

...chi ha vizi come me...

Il Vizio di Leggere

Il Vizio di Leggere
Per non perdere il vizio, nonostante le mille cose da fare, per trovare il tempo da dedicare ad una buona lettura, per scoprire nuove emozioni e sensazioni, di quelle che solo un buon libro è capace di regalare a chi lo apre con passione e curiosità.

Il vizio di riflettere

Il vizio di riflettere
... il mio modo di Guardare e non solo Vedere ciò che ci circonda...